Il figlio di Osama ucciso in un raid aereo USA
tradito dai suoi fedelissimi

| Emergono i primi dettagli sull'operazione che ha decapitato il vertice di Al Qaeda. Il destino segnato di un uomo addestrato sin da bambino al terrorismo islamico. Aveva sposato la figlia di uno degli attentatori dell'11 settembre

+ Miei preferiti

Il figlio-erede di Osama bin Laden sarebbe stato ucciso da un raid aereo Usa dopo che un informatore aveva rivelato la sua residenza ai servizi segreti americani, poco tempo dopo che il Dipartimento di Stato aveva annunciato una taglia di un milione di dollari sul nuovo capo d Al Qaeda a febbraio. La NBC ha riportato la conferma da parte di tre funzionari statunitensi che il trentenne è morto, con affermazioni secondo cui sarebbe stato ucciso in un attacco aereo. Mancano ancora molti dettagli sull’operazione ma secondo fonti del New York Times, il governo degli Stati Uniti ha avuto un ruolo nell'operazione che lo ha ucciso e ha avuto luogo nei primi due anni dell'amministrazione Trump. Donald Trump e John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, hanno entrambi rifiutato di commentare. Rita Katz, del SITE Intelligence Group, Hamza bin Laden era "amato dalla comunità jihadi globale" e non è stato preso di mira solo per essere il figlio di Osama bin Laden. Era una delle voci più forti di al-Qaeda che chiedeva attacchi in Occidente e dava direttive", ha twittato. “Con l'aiuto di al-Qaeda, si stava posizionando alla guida del movimento jihadista globale. Hamza era amato dalla comunità jihadista globale. I suoi discorsi hanno sottolineato l'unità, senza mai criticare l’ISIS. Era visto come un futuro leader che avrebbe unito la jihad globale. E’ un duro colpo per il movimento”, conclude l’analista. In un briefing del Dipartimento di Stato, Hamza era stato descritto come il "leader emergente" di Al-Qaeda e che meditava vendetta proprio per l'uccisione di suo padre Osama. "Ha diffuso messaggi audio e video su Internet, invitando i suoi seguaci a lanciare attacchi contro gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali”, spiegano fonti USA. L'ultima dichiarazione pubblica di Hamza bin Laden è stata rilasciata nel 2018. Lo scorso agosto è stato rivelato che Hamza aveva sposato la figlia di Mohammed Atta - il dirottatore principale negli attacchi terroristici dell'11 settembre. Tutti i beni di Hamza bin Laden con sede negli Stati Uniti o in possesso o controllo di persone statunitensi sono stati posti sotto sequestro, e alle persone statunitensi era stato vietato effettuare transazioni con lui.

AVEVA SPOSATO LA FIGLIA DI MOHAMED ATTA

Hamza bin Landen era figlio di Osama bin Laden e Khairiah Sabar, una delle tre mogli sopravvissute dell'ex leader di al-Qaeda, era con bin Laden quando è stato ucciso dagli US Navy SEALS ad Abbottabad nel 2011; Hamza si ritiene sia nato a Jeddah e fin da piccolo è stato preparato per essere un leader del gruppo terroristico.Ha viaggiato con suo padre mentre spostava la base della sua operazione terroristica dall'Afghanistan al Sudan - e di nuovo quando il governo ha ceduto alle pressioni occidentali per cacciarlo fuori. secondo un articolo scritto dall'ex agente dell'FBI Ali Soufan per il Combatting Terrorism Center presso l'accademia militare West Point dell'esercito americano, Hamza era il favorito dei cinque figli di Bin Laden. Ha iniziato a mostrare il suo carisma, in particolare quando ha consegnato una poesia a un matrimonio di famiglia all'età di 15 anni. Dopo, ancora addestramento militare e studi di sociologia e di politica.

Terrorismo
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario