Il figlio di Osama ucciso in un raid aereo USA
tradito dai suoi fedelissimi

| Emergono i primi dettagli sull'operazione che ha decapitato il vertice di Al Qaeda. Il destino segnato di un uomo addestrato sin da bambino al terrorismo islamico. Aveva sposato la figlia di uno degli attentatori dell'11 settembre

+ Miei preferiti

Il figlio-erede di Osama bin Laden sarebbe stato ucciso da un raid aereo Usa dopo che un informatore aveva rivelato la sua residenza ai servizi segreti americani, poco tempo dopo che il Dipartimento di Stato aveva annunciato una taglia di un milione di dollari sul nuovo capo d Al Qaeda a febbraio. La NBC ha riportato la conferma da parte di tre funzionari statunitensi che il trentenne è morto, con affermazioni secondo cui sarebbe stato ucciso in un attacco aereo. Mancano ancora molti dettagli sull’operazione ma secondo fonti del New York Times, il governo degli Stati Uniti ha avuto un ruolo nell'operazione che lo ha ucciso e ha avuto luogo nei primi due anni dell'amministrazione Trump. Donald Trump e John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, hanno entrambi rifiutato di commentare. Rita Katz, del SITE Intelligence Group, Hamza bin Laden era "amato dalla comunità jihadi globale" e non è stato preso di mira solo per essere il figlio di Osama bin Laden. Era una delle voci più forti di al-Qaeda che chiedeva attacchi in Occidente e dava direttive", ha twittato. “Con l'aiuto di al-Qaeda, si stava posizionando alla guida del movimento jihadista globale. Hamza era amato dalla comunità jihadista globale. I suoi discorsi hanno sottolineato l'unità, senza mai criticare l’ISIS. Era visto come un futuro leader che avrebbe unito la jihad globale. E’ un duro colpo per il movimento”, conclude l’analista. In un briefing del Dipartimento di Stato, Hamza era stato descritto come il "leader emergente" di Al-Qaeda e che meditava vendetta proprio per l'uccisione di suo padre Osama. "Ha diffuso messaggi audio e video su Internet, invitando i suoi seguaci a lanciare attacchi contro gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali”, spiegano fonti USA. L'ultima dichiarazione pubblica di Hamza bin Laden è stata rilasciata nel 2018. Lo scorso agosto è stato rivelato che Hamza aveva sposato la figlia di Mohammed Atta - il dirottatore principale negli attacchi terroristici dell'11 settembre. Tutti i beni di Hamza bin Laden con sede negli Stati Uniti o in possesso o controllo di persone statunitensi sono stati posti sotto sequestro, e alle persone statunitensi era stato vietato effettuare transazioni con lui.

AVEVA SPOSATO LA FIGLIA DI MOHAMED ATTA

Hamza bin Landen era figlio di Osama bin Laden e Khairiah Sabar, una delle tre mogli sopravvissute dell'ex leader di al-Qaeda, era con bin Laden quando è stato ucciso dagli US Navy SEALS ad Abbottabad nel 2011; Hamza si ritiene sia nato a Jeddah e fin da piccolo è stato preparato per essere un leader del gruppo terroristico.Ha viaggiato con suo padre mentre spostava la base della sua operazione terroristica dall'Afghanistan al Sudan - e di nuovo quando il governo ha ceduto alle pressioni occidentali per cacciarlo fuori. secondo un articolo scritto dall'ex agente dell'FBI Ali Soufan per il Combatting Terrorism Center presso l'accademia militare West Point dell'esercito americano, Hamza era il favorito dei cinque figli di Bin Laden. Ha iniziato a mostrare il suo carisma, in particolare quando ha consegnato una poesia a un matrimonio di famiglia all'età di 15 anni. Dopo, ancora addestramento militare e studi di sociologia e di politica.

Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme