Il foreign fighter che vuole tornare in Italia

| Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario

+ Miei preferiti
“Sono un cittadino italiano, l’Italia deve riportarci a casa. Sto male, ho bisogno di esami e cure mediche che qui non sono possibili. Sono un essere umano, ho dei diritti”. È l’appello che Mohamed Koraichi ha lanciato attraverso le pagine de “Il Giornale” da una cella del carcere di massima sicurezza di Hasakah. Un posto che attualmente ospita 5000 detenuti di 33 nazionalità diverse, tutti con la stessa accusa sulle spalle: essere miliziani dell’Isis, tenuti rigorosamente all’oscuro di tutto, compresa la morte di Al-Baghdadi.

Cinque anni fa, Koraichi, sua moglie, l’italiana Alice Brignoli, 48 anni, e i loro tre figli di 7, 9 e 11 anni (a cui se n’è aggiunto un altro nato in Siria), hanno lasciato Bulciago, in provincia di Lecco, il comune dove risiedevano e dov’erano perfettamente integrati, per unirsi ai tagliagole del Califfato. Koraichi sa che anche in Italia lo aspetta un mandato di cattura per terrorismo internazionale: “Non ho fatto nulla di male e non temo i giudici. Se troveranno prove contro di me sarò ben contento di sedermi in tribunale. Ma non troveranno nulla, perché non ho fatto niente: ero un meccanico, non un combattente”.

Mohamed Koraichi, 34 anni, cittadino italiano nel 2013, è arrivato nel nostro Paese all’età di 8 anni con regolare permesso, e afferma che sia stata sua moglie a radicalizzarlo, dopo aver subito a sua volta la stessa sorte nella moschea di Costa Masnaga, in Brianza. “Quando ha iniziato a indossare il niqab non siamo stati più accettati, e abbiamo deciso di cambiare vita partendo per la Siria”. Dopo un lungo viaggio in auto fino a Urfa, in Turchia, reso più semplice dal passaporto italiano, la coppia si trova davanti ad una realtà ben diversa da quella che veniva propagandata: “Sono venuto in Siria perché volevo vivere con la mia famiglia il vero Islam, ma quelli non erano veri musulmani, e la Sharia non era applicata a tutti”. Si fermano a Raqqa fino all’ottobre del 2017, poi le truppe della colazione stringono il cerchio sull’Isis e insieme a centinaia di altri combattenti si spostano a Baghouz, la roccaforte dell’Isis al confine con L’Iraq. Vengono catturati e imprigionati: lui finisce nel carcere di Hasakah, moglie e figli in un’altra struttura, a circa 50 km di distanza. La ricostruzione che fa Koraichi è diversa da quella ufficiale: “Sono stato ferito, e quando si è aperto un corridoio umanitario mi sono consegnato spontaneamente insieme alla mia famiglia. E ora la situazione è alquanto critica: non sappiamo quale sarà la nostra sorte”.

In realtà, i Carabinieri del ROS avrebbero un fascicolo sul foreign fighter in cui sono evidenziate le prove di un “addestramento militare” e della sua “partecipazione ad azioni violente dell’organizzazione terroristica”. Il volto di Koraichi comparirebbe in alcuni video che testimoniano l’attacco sferrato dall’Isis ad un aeroporto, costato la vita a 250 militari siriani, sgozzati uno dopo l’altro, e di un altro in cui insegnava ai suoi figli come usare un Kalashnikov. Korichi è anche accusato di essere stato il mentore di Abderrahim Moutharrik, “il pugile dell’Isis”, condannato a sei anni di reclusione e attualmente in carcere a Sassari.

Terrorismo
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa