Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente

| Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo

+ Miei preferiti
Nella prima udienza in Tribunale che lo vede alla sbarra per la terribile strage alle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, Brenton Tarrant si è dichiarato “non colpevole”. Sulla testa del 28enne australiano pesano la morte di 51 persone e il ferimento di altre decine nel corso dei due attacchi del 15 marzo scorso, quando prese di mira due mosche filmando la strage con una telecamera: il primo alle 13:40 ora locale alla moschea di Al Noor, il secondo 11 minuti dopo al centro islamico Linwood, ambedue affollati di fedeli riuniti per la preghiera del venerdì.

Vicino agli ambienti neofascisti, l’autore della più grave strage nella storia della Nuova Zelanda aveva scritto sui calci delle sue armi i nomi di coloro che considerava dei veri eroi, fra cui l’italiano Luca Traini, il giovane che a Macerata aveva sparato contro alcuni immigrati per vendicare la morte di Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e fatta a pezzi.

Attraverso il suo avvocato, Tarrant si è dichiarato non colpevole di tutti i capi d’imputazione, comprese le accuse di strage per fini terroristici e le 40 imputazioni per tentato omicidio. Per contro, il tribunale lo ha informato che le secondo perizie e le valutazioni psichiatriche effettuate in carcere, è ritenuto mentalmente in grado di sostenere il processo, il cui inizio è fissato per il 4 maggio del prossimo anno.

Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa