Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente

| Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo

+ Miei preferiti
Nella prima udienza in Tribunale che lo vede alla sbarra per la terribile strage alle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, Brenton Tarrant si è dichiarato “non colpevole”. Sulla testa del 28enne australiano pesano la morte di 51 persone e il ferimento di altre decine nel corso dei due attacchi del 15 marzo scorso, quando prese di mira due mosche filmando la strage con una telecamera: il primo alle 13:40 ora locale alla moschea di Al Noor, il secondo 11 minuti dopo al centro islamico Linwood, ambedue affollati di fedeli riuniti per la preghiera del venerdì.

Vicino agli ambienti neofascisti, l’autore della più grave strage nella storia della Nuova Zelanda aveva scritto sui calci delle sue armi i nomi di coloro che considerava dei veri eroi, fra cui l’italiano Luca Traini, il giovane che a Macerata aveva sparato contro alcuni immigrati per vendicare la morte di Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e fatta a pezzi.

Attraverso il suo avvocato, Tarrant si è dichiarato non colpevole di tutti i capi d’imputazione, comprese le accuse di strage per fini terroristici e le 40 imputazioni per tentato omicidio. Per contro, il tribunale lo ha informato che le secondo perizie e le valutazioni psichiatriche effettuate in carcere, è ritenuto mentalmente in grado di sostenere il processo, il cui inizio è fissato per il 4 maggio del prossimo anno.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese