Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente

| Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo

+ Miei preferiti
Nella prima udienza in Tribunale che lo vede alla sbarra per la terribile strage alle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, Brenton Tarrant si è dichiarato “non colpevole”. Sulla testa del 28enne australiano pesano la morte di 51 persone e il ferimento di altre decine nel corso dei due attacchi del 15 marzo scorso, quando prese di mira due mosche filmando la strage con una telecamera: il primo alle 13:40 ora locale alla moschea di Al Noor, il secondo 11 minuti dopo al centro islamico Linwood, ambedue affollati di fedeli riuniti per la preghiera del venerdì.

Vicino agli ambienti neofascisti, l’autore della più grave strage nella storia della Nuova Zelanda aveva scritto sui calci delle sue armi i nomi di coloro che considerava dei veri eroi, fra cui l’italiano Luca Traini, il giovane che a Macerata aveva sparato contro alcuni immigrati per vendicare la morte di Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e fatta a pezzi.

Attraverso il suo avvocato, Tarrant si è dichiarato non colpevole di tutti i capi d’imputazione, comprese le accuse di strage per fini terroristici e le 40 imputazioni per tentato omicidio. Per contro, il tribunale lo ha informato che le secondo perizie e le valutazioni psichiatriche effettuate in carcere, è ritenuto mentalmente in grado di sostenere il processo, il cui inizio è fissato per il 4 maggio del prossimo anno.

Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne