Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole

| Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa

+ Miei preferiti
A poco più di un anno da quella che è ricordata come la strage di Christchurch, il principale e unico indiziato Brenton Tarrant ha deciso di dichiararsi colpevole. È un colpo di scena del tutto inatteso, vista l’inamovibile certezza di essere nel giusto sempre dimostrata dal folle killer che il 15 marzo di un anno fa ha messo a ferro e fuoco la tranquilla Christchurch, in Nuova Zelanda, prendendo di mira due moschee in cui ha ucciso 51 persone e ferito altre 47.

Tarrant, un ex personal trainer vicino a organizzazioni di estrema destra, ha trasmesso in diretta su Facebook i 17 agghiaccianti minuti del doppio attacco: è stato fermato 36 minuti dopo da un’auto della polizia che lo ha speronato costringendolo fuori strada. Arrestato, si è sempre dichiarato non colpevole dei 92 capi d’accusa, tra cui 51 per omicidio, 40 per tentato omicidio e una ai sensi del “Terrorism Suppression Act”, fermamente convinto che gli immigrati sono soltanto invasori che vogliono sostituirsi alla razza bianca.

Dal penitenziario di Auckland in cui è rinchiuso, in collegamento audiovisivo con l’Alta Corte di Christchurch, Tarrant ha annunciato di dichiararsi colpevole di tutti i capi d’accusa. Il suo ritorno in tribunale è previsto per maggio, ma la polizia neozelandese ha annunciato l’intenzione di attendere la possibilità di costituirsi per tutte le famiglie delle vittime, cosa che potrebbe essere ritardata per via della pandemia.

Una scelta, quella di Tarrant, probabilmente suggerita dalla difesa per mitigare quanto più possibile la pena: secondo la legge neozelandese, il reato di omicidio prevede l’ergastolo e un minimo di 10 anni di reclusione prima di avere diritto alla libertà vigilata.

Ahmed Khan, che era all’interno del Linwood Islamic Center di Christchurch durante l’attacco, ha detto di aver avuto notizia della dichiarazione di Tarrant in una e-mail inviata dalla corte alle vittime giovedì mattina. “È sorprendente, ma sono felice che si dichiari colpevole di tutte le accuse, così non saremo costretti a vedere la sua faccia per un lungo processo”.

Le vittime sono state falciate dalle pesanti armi da fuoco con cui era equipaggiato Tarrant in due moschee, la Al Noor e il Linwood Islamic Center. Altre due persone sono morte poco dopo in ospedale. Meno di un mese dopo la strage, il parlamento neozelandese ha votato per modificare le leggi sul possesso delle armi da fuoco nel Paese vietando per legge quelle semiautomatiche di tipo militare.

Galleria fotografica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole - immagine 1
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole - immagine 2
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà