Il killer di Hanau, un folle estremista di destra

| Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania

+ Miei preferiti
Tobias Rathjen, 43 anni, noto per le posizioni vicine alla destra estrema: è lui il killer di Hanau, la città tedesca travolta da una notte di terrore costata la vita a 11 persone, compreso il killer.

Rathjen, al termine di una caccia all’uomo serratissima, con buona parte della città in lockdown, elicotteri in cielo e squadre antiterrorismo in azione, è stato trovato senza vita nel suo appartamento, individuato pare grazie ad alcuni testimoni, accanto al corpo di un’altra persona, identificata come la madre.

Secondo alcune indiscrezioni pubblicate da “Bild”, il killer avrebbe lasciato un messaggio in cui rivendica il massacro sostenendo la necessità di “vernichten”, l’annientamento di popoli ed etnie “che per legge non si possono più espellere dalla Germania”. Rathjen punta anche il dito contro gli Stati Uniti, che sarebbero “controllati da società segrete”, parlando di “basi militari sotterranee segrete dove si venera il diavolo, si torturano e si violentano i bambini”. Secondo gli inquirenti un mix esplosivo di follia e razzismo in un soggetto che in base agli elementi raccolti finora – come l’aver usato la propria auto - tende ad escludere si trattasse di un terrorista “professionista”.

Le due fasi dell’attacco sono state ricostruite anche grazie alla testimonianza di diverse persone: la prima decina di colpi è stata esplosa all’esterno del “Midnight”, un shisha-bar nel centro cittadino. Diversi testimoni hanno parlato di almeno un corpo a terra. Subito dopo, a bordo di un’auto, l’assalitore si è diretto verso il quartiere di Kesselstadt, nella zona periferica, entrando all’interno dell’Arena Bar & Cafè, un altro bar dove si fuma il narghilè. Per qualche ora si era diffusa la voce di una terza sparatoria nella zona di Lamboy, ma non è stata confermata.

Articoli correlati
Terrorismo
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce