Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata

| Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà

+ Miei preferiti
Dal 24 agosto 2012, Anders Breivik è rinchiuso nel carcere di massima sicurezza di Skien, unico colpevole per la strage di Utøya del 22 luglio 2011, costata la vita a 77 persone. Resterà in carcere 21 anni, una pena - anche se prorogabile - considerata irrisoria dall’opinione pubblica norvegese, ma il massimo previsto da una legge che non contempla l’ergastolo.

Della peggiore pagina nella storia della Norvegia, Breivik non si è mai pentito: continua a rifiutare l’accusa di essere un terrorista, preferendo considerarsi il “salvatore del Cristianesimo”. E nel chiuso del penitenziario, accompagnato dallo status di “detenuto speciale”, non ha mai smesso di lamentarsi per condizioni che definisce “disumane”. La Corte dei diritti umani aveva già respinto una protesta, convinta che il caffè troppo freddo, la mancanza di burro a colazione, la posta censurata e l’impossibilità di avere una connessione internet non fossero argomenti sufficienti a fare pensare ad una tortura fisica e psicologica. Breivik, è stato accertato da un’inchiesta interna, dispone di tre celle di 10 metri quadrati ciascuna con vista sull’esterno: può fare esercizi fisici, dispone di videogames, televisore e lettore Dvd, può avere contatti con un prete, un infermiere, un volontario e uno psicologo.

Ma ora, il 41enne si è spinto ancora oltre, presentando una causa contro lo Stato norvegese che culmina con la richiesta di libertà condizionata, a cui secondo i suoi legali avrebbe diritto dopo un “periodo prolungato di isolamento”.

“Secondo la legge norvegese, le persone condannate hanno diritto a una revisione legale al termine del periodo minimo di reclusione, nel suo caso pari a 10 anni. È un diritto che gli spetta e di cui ha intenzione di avvalersi”, commenta Oystein Storrvik, legale del terrorista.

Il 22 luglio 2011, Anders Breivik fece esplodere un ordigno a poca distanza dalla sede del governo, nel centro di Oslo, per poi spostarsi sull’isola di Utøya, dove centinaia di ragazzi stavano partecipando ad un seminario politico estivo.

Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme