Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi

| Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce

+ Miei preferiti
Per tante famiglie è soltanto un altro giorno di angoscia mista a speranza, ben diverso dall’idea comune del Natale. A viverlo sono i parenti dei tanti italiani che mancano all’appello, inghiottiti da un nulla che non restituisce niente e non lascia pace. Le loro vicende e i loro nomi li sanno ormai tutti, sono ben conosciuti: Silvia Romano, Padre Dall’Oglio, Padre Maccalli, Luca Tacchetto, Raffaele e Antonio Russo, Vincenzo Cimmino. Tutti scomparsi in paesi difficili dove erano arrivati per motivi diversi, chi nella speranza di portare la fede dove regna la violenza, chi la voglia di conoscere il mondo, chi con l’idea di aiutare i meno fortunati.

Anche in quello che per tutti noi sembra silenzio, c’è il lavoro incessante delle procure, dei consolati e delle forze dell’ordine, ma l’unica cosa che possiamo fare per tutti loro, è far sì che su quei nomi non si spengano i riflettori. E sperare che tornino a casa, prima o poi.

Di Silvia Romano, la volontaria milenese 24enne, non si sa più nulla da 20 novembre dello scorso anno: una squadra addestrata e armata l’ha rapita dal piccolo villaggio kenyano in cui viveva. Oltre un anno di indagini difficili, di notizie che sembravano dover arrivare da un momento all’altro e invece sgonfiate una dopo l’altra. Secondo le poche notizie che filtrano potrebbe essere tenuta prigioniera in Somalia, forse sposata a forza a qualcuno, forse ostaggio di un gruppo jihadista.

Un destino che accomuna Luca Tacchetto e la sua fidanzata canadese Edith Blais, scomparsi il 16 dicembre dello scorso anno in Burkina Faso, dov’erano di passaggio prima di raggiungere il Togo e dare una mano a creare un villaggio. Su di loro non ci sono notizie ufficiali da oltre un anno.

Dal 30 gennaio dello scorso anno non si sa più nulla neanche di Raffaele e Antonio Russo, padre e figlio, spariti insieme al nipote Vincenzo Cimmino in Messico, dove vendevano generatori elettrici. Secondo le poche ricostruzioni sarebbero incappati in un feroce cartello della droga.

Nessuna notizia neanche da Padre Paolo Dall’Oglio e Padre Luigi Maccalli, i due sacerdoti svaniti nel nulla in momenti diversi: il primo nel luglio del 2013 a Raqqa, in Siria, poco prima di incontrare un uomo dell’Isis con cui voleva trattare il rilascio di un prigioniero. Padre Maccalli, 57 anni, è invece sparito in Niger nel settembre dello scorso anno, e secondo alcune fonti sarebbe stato sequestrato da un gruppo jihadista. Di loro non si sa più nulla.

Galleria fotografica
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 1
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 2
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 3
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 4
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 5
Terrorismo
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani