Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi

| Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce

+ Miei preferiti
Per tante famiglie è soltanto un altro giorno di angoscia mista a speranza, ben diverso dall’idea comune del Natale. A viverlo sono i parenti dei tanti italiani che mancano all’appello, inghiottiti da un nulla che non restituisce niente e non lascia pace. Le loro vicende e i loro nomi li sanno ormai tutti, sono ben conosciuti: Silvia Romano, Padre Dall’Oglio, Padre Maccalli, Luca Tacchetto, Raffaele e Antonio Russo, Vincenzo Cimmino. Tutti scomparsi in paesi difficili dove erano arrivati per motivi diversi, chi nella speranza di portare la fede dove regna la violenza, chi la voglia di conoscere il mondo, chi con l’idea di aiutare i meno fortunati.

Anche in quello che per tutti noi sembra silenzio, c’è il lavoro incessante delle procure, dei consolati e delle forze dell’ordine, ma l’unica cosa che possiamo fare per tutti loro, è far sì che su quei nomi non si spengano i riflettori. E sperare che tornino a casa, prima o poi.

Di Silvia Romano, la volontaria milenese 24enne, non si sa più nulla da 20 novembre dello scorso anno: una squadra addestrata e armata l’ha rapita dal piccolo villaggio kenyano in cui viveva. Oltre un anno di indagini difficili, di notizie che sembravano dover arrivare da un momento all’altro e invece sgonfiate una dopo l’altra. Secondo le poche notizie che filtrano potrebbe essere tenuta prigioniera in Somalia, forse sposata a forza a qualcuno, forse ostaggio di un gruppo jihadista.

Un destino che accomuna Luca Tacchetto e la sua fidanzata canadese Edith Blais, scomparsi il 16 dicembre dello scorso anno in Burkina Faso, dov’erano di passaggio prima di raggiungere il Togo e dare una mano a creare un villaggio. Su di loro non ci sono notizie ufficiali da oltre un anno.

Dal 30 gennaio dello scorso anno non si sa più nulla neanche di Raffaele e Antonio Russo, padre e figlio, spariti insieme al nipote Vincenzo Cimmino in Messico, dove vendevano generatori elettrici. Secondo le poche ricostruzioni sarebbero incappati in un feroce cartello della droga.

Nessuna notizia neanche da Padre Paolo Dall’Oglio e Padre Luigi Maccalli, i due sacerdoti svaniti nel nulla in momenti diversi: il primo nel luglio del 2013 a Raqqa, in Siria, poco prima di incontrare un uomo dell’Isis con cui voleva trattare il rilascio di un prigioniero. Padre Maccalli, 57 anni, è invece sparito in Niger nel settembre dello scorso anno, e secondo alcune fonti sarebbe stato sequestrato da un gruppo jihadista. Di loro non si sa più nulla.

Galleria fotografica
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 1
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 2
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 3
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 4
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi - immagine 5
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà