NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'

| I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"

+ Miei preferiti
La NEW IRA ha rivendicato la morte della giornalista Lyra Mc Kee, "uccisa per errore durante un attacco a una forza nemica", scrivono i terroristi in una nota, in cui offrono "scuse sincere" alla famiglia della vittima, colpita "tragicamente nel corso di un attacco perchè si trovava al fianco delle camionette della polizia". Una donna di 57 anni è stata arrestata, mentre i due minorenni fermati subito dopo il delitto sono stati rilasciati della polizia che certifica, ormai semza ombra di dubbio, la rinascita delle formazioni cattoliche che hanno di nuovo scoperto la lotta armata. Un segnale sinistro per tutta l'Europa.

Soltanto nel 2005, dopo decenni di sangue, l’I.R.A. (Irish Republican Army), aveva proclamato ufficialmente la fine di “The Troubles”, la lotta armata. Un sospiro di sollievo che molti analisti politici pensano si stia avviando alla fine: l’autobomba esplosa nel centro di Londonderry riaccende i riflettori su quella che gli inquirenti, ormai, tendono a definire la “nuova Ira”, un gruppo per adesso considerato con pochi elementi e del tutto marginale, nato dall’unione di diverse falangi dissidenti.

Per Londonderry è stato un ritorno agli anni dell’incubo: un furgoncino per il trasporto della pizza rubato due giorni prima, è stato fatto esplodere in Bishop Street, a poca distanza dall’ingresso del tribunale alle 20:15 ora locale. Poco prima una telefonata aveva avvertito dell’esplosione, quanto basta per evitare vittime. Secondo la polizia si è trattato di una bomba “grezza” e rischiosa, realizzata in modo artigianale e senza troppa capacità, ma l’obiettivo era comunque quello di uccidere.

Difficile pensare che dietro alla nuova impennata del terrorismo non ci sia anche la questione “Brexit”, che proprio con l’Irlanda gioca uno dei punti chiave di tutto l’accordo. Un sospetto che nasce anche dalle dichiarazioni di alcuni ex militanti dell’Ira, da sempre fermamente contrari al ritorno di un confine fra le due Irlande. Altamente simbolica anche la scelta del luogo: Londonderry, la città resa tristemente famosa dal “Bloody Sunday” del 30 gennaio 1972, il sabato di sangue in cui i militari inglesi aprirono il fuoco contro i manifestanti uccidendo 14 persone.

Due persone che si sospetta abbiano preso parte all’attentato sarebbero state arrestate nelle scorse ore dalla polizia, che in una nota ha parlato di “gruppo repubblicano dissidente”. I primi attentati contro caserme e uffici istituzionali, passati quasi sotto silenio. Ora la morte di una cronista innocente ha acceso nuovamente i riflettori.

Terrorismo
CENTINAIA DI EX MILIZIANI ISIS
PRONTI A FUGGIRE IN EUROPA
CENTINAIA DI EX MILIZIANI ISIS<br>PRONTI A FUGGIRE IN EUROPA
Denuncia del ministro degli Esteri libanese. "Corridoi" tra il confine con Siria per i miliziani in fuga dopo la disfatta. E a Roma caccia all'aspirante martire che vuole "andare in Paradiso". E' un giovane siriano radicalizzato
Schiave per sempre
Schiave per sempre
Catturate dai miliziani dell’Isis per trasformale in schiave sessuali, in tante sono riuscite a fuggire, per finire nella rete dei bordelli di Baghdad. La storia di una di loro
Un generale russo nel team del Novichok
Un generale russo nel team del Novichok
Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Dopo 40 anni, un frammento metallico trovato nei detriti della stazione distrutta da un ordigno punterebbe sulla pista tedesco-palestinese e dei servizi segreti deviati. Il processo e l'inchiesta
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Al centro gli attentati con coltelli e furgoni sul London Bridge del 2017. I killer islamici avevano scambiato 329 messaggi con un estremista ma costui si rifiuta di consegnare i suoi smartphone. I legali delle vittime: "Assurdo"
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Anziani genitori, figli, nipoti e tre bambini: tutti morti in Siria, tra bombardamenti e scontri a fuoco. Erano partiti nel 2015 da Luton "felici di vivere nel Califfato". Sotto choc i familiari rimasti in UK: "Era una famiglia normale"
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo