NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'

| I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"

+ Miei preferiti
La NEW IRA ha rivendicato la morte della giornalista Lyra Mc Kee, "uccisa per errore durante un attacco a una forza nemica", scrivono i terroristi in una nota, in cui offrono "scuse sincere" alla famiglia della vittima, colpita "tragicamente nel corso di un attacco perchè si trovava al fianco delle camionette della polizia". Una donna di 57 anni è stata arrestata, mentre i due minorenni fermati subito dopo il delitto sono stati rilasciati della polizia che certifica, ormai semza ombra di dubbio, la rinascita delle formazioni cattoliche che hanno di nuovo scoperto la lotta armata. Un segnale sinistro per tutta l'Europa.

Soltanto nel 2005, dopo decenni di sangue, l’I.R.A. (Irish Republican Army), aveva proclamato ufficialmente la fine di “The Troubles”, la lotta armata. Un sospiro di sollievo che molti analisti politici pensano si stia avviando alla fine: l’autobomba esplosa nel centro di Londonderry riaccende i riflettori su quella che gli inquirenti, ormai, tendono a definire la “nuova Ira”, un gruppo per adesso considerato con pochi elementi e del tutto marginale, nato dall’unione di diverse falangi dissidenti.

Per Londonderry è stato un ritorno agli anni dell’incubo: un furgoncino per il trasporto della pizza rubato due giorni prima, è stato fatto esplodere in Bishop Street, a poca distanza dall’ingresso del tribunale alle 20:15 ora locale. Poco prima una telefonata aveva avvertito dell’esplosione, quanto basta per evitare vittime. Secondo la polizia si è trattato di una bomba “grezza” e rischiosa, realizzata in modo artigianale e senza troppa capacità, ma l’obiettivo era comunque quello di uccidere.

Difficile pensare che dietro alla nuova impennata del terrorismo non ci sia anche la questione “Brexit”, che proprio con l’Irlanda gioca uno dei punti chiave di tutto l’accordo. Un sospetto che nasce anche dalle dichiarazioni di alcuni ex militanti dell’Ira, da sempre fermamente contrari al ritorno di un confine fra le due Irlande. Altamente simbolica anche la scelta del luogo: Londonderry, la città resa tristemente famosa dal “Bloody Sunday” del 30 gennaio 1972, il sabato di sangue in cui i militari inglesi aprirono il fuoco contro i manifestanti uccidendo 14 persone.

Due persone che si sospetta abbiano preso parte all’attentato sarebbero state arrestate nelle scorse ore dalla polizia, che in una nota ha parlato di “gruppo repubblicano dissidente”. I primi attentati contro caserme e uffici istituzionali, passati quasi sotto silenio. Ora la morte di una cronista innocente ha acceso nuovamente i riflettori.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani