Irlanda: torna l’incubo dell’Ira

| Scoppiano le tensioni fra manifestanti e la polizia a Derry: uccisa una giornalista di 29 anni. Per la polizia si tratta di terrorismo

+ Miei preferiti
Per la polizia, il nome di Lyra McKee, 29 anni, giornalista investigativa di Belfast, si aggiunge agli oltre tremila morti di “The Troubles”, com’è chiamata la “guerra a bassa intensità” che fra gli anni Sessanta ed i Novanta ha infiammato l’Irlanda. Una guerra che sembrava finita, esaurita, addirittura con un atto formale del 28 luglio 2005, quando l’IRA (Irish Republican Army) annuncia la fine della lotta armata. Non valeva per tutti: gli scontri, i morti e le bombe continuano. L’ultima il 19 gennaio scorso a Darry: un’autobomba che non causa vittime solo perché una telefonata anonima l’annuncia per tempo. Ma mette i brividi perché ad annunciarla è la “New Ira”.



Ieri sera a Derry, la paura è tornata: gente incappucciata che tirava bombe carta e pietre verso la polizia, auto in fiamme e una sparatoria, quella che è costata la vita alla giovane reporter, convinta di aver trovato riparo dietro un’auto della polizia e invece raggiunta da diversi colpi d’arma da fuoco. Era iniziato tutto per una serie di perquisizioni nelle zone di Mulroy Park e Galliagh, ancora per la bomba di gennaio, ma la gente ha invaso le piazze, esattamente come aveva fatto durante le rivolte della “Easter Rising”, la Pasqua di sangue dell’aprile del 1916 che avrebbe dato il via ideale a decenni di scontri.

Mark Hamilton, capo della polizia, non può che ammettere quello che tutti sospettano: “Stiamo trattando questa morte come un attentato terroristico: è stata aperta un’inchiesta sull’omicidio”.

Galleria fotografica
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira - immagine 1
Terrorismo
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”
Bufera sulla presentazione della Balzerani
Bufera sulla presentazione della Balzerani
La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime
A processo in Germania una donna dell’Isis
A processo in Germania una donna dell’Isis
Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete