ISIS, c'era anche un miliziano casinista

| La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"

+ Miei preferiti

Un foreign fighter neozelandese che ha combattuto con lo Stato islamico in Iraq e la Grande Siria (ISIS) aveva inavvertitamente rivelato la sua esatta posizione pubblicando un tweet consentendo all’Intelligence britannica di invidiare i covi dei terroristi, subito spianati da una serie di bombardamenti mirati, ha rivelato una fonte della sicurezza. Abu Abdul-Rahman, che una volta si chiamava Mark Taylor, aveva lasciato la Nuova Zelanda per unirsi alla lotta con l'ISIS nel maggio 2012. Poco dopo, aveva twittato che la sua missione in Siria era un "viaggio di sola andata" con una foto del suo passaporto bruciato, come riferisce il Guardian. Taylor aveva cancellato - troppo tardi -  45 tweet dopo aver appreso che erano gelo-localizzati. con le sue coordinate precise. L’agente Jeff Wyers, che gestisce un gruppo di intelligence open-source chiamato iBrado, ha utilizzato le informazioni sulla geo-localizzazione dei tweet per individuare Taylor in una casa nella città siriana di al-Taqbah. Sin dal suo primo viaggio in Siria, Taylor si era messo in contatto con l'ufficio passaporti neozelandese per ottenere un documento di viaggio sostitutivo. Niente a che fare con l’attento 'Jihadi John', il kuwaitiano naturalizzato britannico responsabile della decapitazione di diversi ostaggi, neutralizzato finalmente da un drone a Raqqa nel 2015. Gli ultimi miliziani di Daesh catturati a Baghouz dalle forze curde e Usa nell’area di Deir Ezor,  sono poco più che ragazzi o adulti totalmente sprovveduti. Mark Taylor, era una caricatura di miliziano, oggetti di scherni e risate anche da parte dei suoi commilitoni che, invece di decapitarlo, tanto era chiaramente stupido, da sbatterlo qualche volta in prigione per le sue marachelle. Fu sorpreso a bere alcol autoprodotte in uno scantinato della caserma, a fumarsi uno spinello. Rischò la vita quando i suoi capi scoprirono che aveva diffuso 12 tweet utilizzando la rete locale e scoppiò il finimondo. "Nel gennaio 2015 fui convocato con una lettera da uno degli ufficiali, mi portarono in una stanza, mi tolsero la mia arma e ogni altra cosa, compreso il mio telefono cellulare, che non avrei più visto, e mi dissero che ero sospettato di aver contribuito a localizzare via Gps 12 luoghi all'interno dello Stato Islamico”. Accuse da brivido, roba da pena di morte e di sessioni di tortura. I jihadisti lo hanno invece sbattuto inuma cella eper 50 giorni. Appurarono che era solo un cretino e non una spia,

 
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà