ISIS, c'era anche un miliziano casinista

| La storia del neozelandese Mark Taylor che twittava dalla Siria dal suo cellulare, consentendo all'Intelligence di individuare i covi dei terroristi. Sorpreso a bere alcol e a fumarsi uno spinello. Pene miti: "E' uno scemo"

+ Miei preferiti

Un foreign fighter neozelandese che ha combattuto con lo Stato islamico in Iraq e la Grande Siria (ISIS) aveva inavvertitamente rivelato la sua esatta posizione pubblicando un tweet consentendo all’Intelligence britannica di invidiare i covi dei terroristi, subito spianati da una serie di bombardamenti mirati, ha rivelato una fonte della sicurezza. Abu Abdul-Rahman, che una volta si chiamava Mark Taylor, aveva lasciato la Nuova Zelanda per unirsi alla lotta con l'ISIS nel maggio 2012. Poco dopo, aveva twittato che la sua missione in Siria era un "viaggio di sola andata" con una foto del suo passaporto bruciato, come riferisce il Guardian. Taylor aveva cancellato - troppo tardi -  45 tweet dopo aver appreso che erano gelo-localizzati. con le sue coordinate precise. L’agente Jeff Wyers, che gestisce un gruppo di intelligence open-source chiamato iBrado, ha utilizzato le informazioni sulla geo-localizzazione dei tweet per individuare Taylor in una casa nella città siriana di al-Taqbah. Sin dal suo primo viaggio in Siria, Taylor si era messo in contatto con l'ufficio passaporti neozelandese per ottenere un documento di viaggio sostitutivo. Niente a che fare con l’attento 'Jihadi John', il kuwaitiano naturalizzato britannico responsabile della decapitazione di diversi ostaggi, neutralizzato finalmente da un drone a Raqqa nel 2015. Gli ultimi miliziani di Daesh catturati a Baghouz dalle forze curde e Usa nell’area di Deir Ezor,  sono poco più che ragazzi o adulti totalmente sprovveduti. Mark Taylor, era una caricatura di miliziano, oggetti di scherni e risate anche da parte dei suoi commilitoni che, invece di decapitarlo, tanto era chiaramente stupido, da sbatterlo qualche volta in prigione per le sue marachelle. Fu sorpreso a bere alcol autoprodotte in uno scantinato della caserma, a fumarsi uno spinello. Rischò la vita quando i suoi capi scoprirono che aveva diffuso 12 tweet utilizzando la rete locale e scoppiò il finimondo. "Nel gennaio 2015 fui convocato con una lettera da uno degli ufficiali, mi portarono in una stanza, mi tolsero la mia arma e ogni altra cosa, compreso il mio telefono cellulare, che non avrei più visto, e mi dissero che ero sospettato di aver contribuito a localizzare via Gps 12 luoghi all'interno dello Stato Islamico”. Accuse da brivido, roba da pena di morte e di sessioni di tortura. I jihadisti lo hanno invece sbattuto inuma cella eper 50 giorni. Appurarono che era solo un cretino e non una spia,

 
Terrorismo
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"