Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a

| Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Preso in Germania il “decapitatore” Isis. E’ un cittadino siriano di 33 anni che aveva trovato rifugio in Germnia. Il siriano avrebbe appunto combattuto per l’organizzazione jihadista dal 2012 al 2015, partecipando a scontri bellici consumatisi nei pressi della città di Dara'a, nel sud del Paese governato dal presidente Assad. Egli, negli anni trascorsi al servizio dello Stato Islamico, avrebbe ucciso“centinaia di soldati governativi e di civili innocenti” per poi “fare scempio dei loro cadaveri”, decapitandoli e facendosi poi scattare delle foto mentre teneva in mano le teste delle vittime e le derideva.

I magistrati di Coblenza lo accusano di “crimini di guerra”;  riconosciuto quattro anni fa da Berlino come meritevole di asilo politico per “ragioni umanitarie”, sono emersi nel frattempo video e testimonianze della sua attività con l’Isis.Secondo l’emittente Deutsche Welle, dal giorno del suo arrivo nella nazione teutonica, sarebbe stato già arrestato diverse volte per reati minori.

L’uomo è sospettato di avere perpetrato atrocità in Medio Oriente agli ordini del Califfato nero e i capi d’imputazione in questione sono stati formulati dagli inquirenti sulla base delle testimonianze di altri rifugiati siriani presenti in Germania. Sarebbero stati proprio costoro, svelando i particolari del passato del controverso individuo, a indurre polizia e magistrati a sottoporre a perquisizione l’abitazione del trentatreenne e proprio durante gli accertamenti sarebbero state rinvenute dagli investigatori “prove altamente compromettenti” ai danni del profugo. Analizzando il cellulare del sospettato, le forze dell’ordine hanno infatti rinvenuto numerosi video di scontri a fuoco e azioni militari da parte di membri dell’Isis nonché numerose foto in cui costui posa con in mano delle “teste mozzate”. Grazie ai racconti fatti dai Siriani interrogati e al raccapricciante contenuto del telefonino, i magistrati di Coblenza sono quindi riusciti a ricostruire il curriculum criminale del trentatreenne. L’indagato, riporta sempre Deutsche Welle, afferma che le teste in questione non apparterrebbero alle vittime della sua furia omicida, ma sarebbero state da lui semplicemente rinvenute“sotto delle macerie”. Rischia, se condannato, da uno a dieci anni di carcere.

Terrorismo
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania