Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia

| Anziani genitori, figli, nipoti e tre bambini: tutti morti in Siria, tra bombardamenti e scontri a fuoco. Erano partiti nel 2015 da Luton "felici di vivere nel Califfato". Sotto choc i familiari rimasti in UK: "Era una famiglia normale"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Tutti i 12 membri della famiglia jihadista Mannan, tra cui tre bambini di età compresa tra uno e 11 anni, sono stati ucciso in Siria in un attacco aereo, mentre tre uomini del clan sono sono morti in combattimento. Erano persone inserite nella società britannica, i figli andavano a scuola, gli adulti lavoravano regolarmente. Abitavano a Luton, Bedfordshire, me aveva lasciato la

Gran Bretagna per unirsi all'ISIS in Siria nel maggio 2015. Mohammed Zayd Hussain, 25 anni, è morto combattendo le forze americane a Raqqqa meno di due anni dopo il suo arrivo. I due anziani capi famiglia, i genitori Muhammed Mannan e sua moglie Minera,  sono morti a Raqqa - l'ex roccaforte fondamentalista - per cause naturali. Nel maggio 2015, attraversi confine turco, erano arrivati in Siria per unirsi ai seguaci del Califfo. Ma due mesi dopo l'arrivo a Raqqa, la famiglia inglese aveva rilasciato ai media (i familiari rimasti a Luton credevano fossero misteriosamente scomparsi) una dichiarazione in cui dichiaravano sostegno alla jihad e odio per la "corruzione occidentale e l'oppressione della legge fatta dall’uomo, felici di vivere in una terra governata dalla sharia. Sì, tutti e 12 noi e perché questo numero dovrebbe stupire, quando ci sono migliaia e migliaia di musulmani provenienti da ogni angolo del mondo che attraversano la terra e il mare ogni giorno per venire nello Stato islamico?”

Muhammed Mannan

All'età di 75 anni, Mannan , 75 anni, soffriva di diabete e di altri problemi di salute ed è morto a Raqqa poco tempo dopo il suo arrivo, mentre sua moglie è morta di cancro, Durante la battaglia per la città nel 2017, i suoi due figli minori Mohammed Zayd Hussain, 25 anni, e Mohemmed Toufique Hussain, 19 anni, sono stati uccisi dalle forze americane. Un altro figlio Mohammed Abil Kashem Saker, 31 anni, è stato ucciso l'anno scorso dopo che la famiglia è fuggita nell'ultima roccaforte jihadista di Baghouz. Gli altri membri del clan, tra cui tre bambini piccoli, sono stati uccisi in un attacco aereo mentre cercavano di sfuggire al conflitto. Il cugino di Mannan, Abdul Khalid, ha scritto al sito del notiziario della moschea inglese che frequentavano: "Da quello che ci è stato detto che stavano cercando di fuggire da Baghouz e di raggiungere un campo, come tante altre persone che stavano cercando di fare in quel momento, ma c'erano molti bombardamenti in corso e si sono ritrovati coinvolti. Erano tutti insieme, è tutto quello che sappiamo. Non siamo sicuri che fossero in una casa o all'aperto, ma il fatto è che sono tutti morti. Il presidente della moschea Abul Hussain ha dichiarato al Sun: "Era un uomo adorabile che era davvero devoto alla sua famiglia. Quando è andato in Siria eravamo tutti scioccati perché non potevamo credere che fosse capace di una cosa del genere. Non era il Muhammed che conoscevamo. Non possiamo ancora credere che l'intera famiglia sia stata spazzata via, c'erano coinvolti bambini così piccoli e non riesco a immaginare cosa devono aver passato, viste le cose terribili che stavano accadendo in Siria”. Anche Mohammed Toufique, l’ultimo sopravvissuto, 19 anni, è stato ucciso combattendo per l'ISIS a Raqqa.

 
Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne