Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'

| I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.

+ Miei preferiti

Cesare Battisti ha fatto due conti. Se la Cassazione gli commuta i due ergastoli in 30 anni, visto che in passato ne ha trascorsi in cella una decina, una volta sottratti, resterebbero solo una ventina di anni da scontare ancora. Con una pena del genere, avrebbe accesso ai benefici di legge con largo anticipo e potrebbe riassaporare la libertà ancora proprio non decrepito, visto che ha già 67 anni. Nel ricorso alla Cassazione, in cui si chiede di annullare la sentenza di ergastolo, i legali dell’ex terrorista rosso Cesare Battisti affermano che l’espulsione dalla Bolivia di Cesare Battisti non abbia rispettato le norme internazionali (Patto sui diritti civili). Inoltre, la mancata applicazione dell’accordo con il Brasile avrebbe violato il “principio di buona fede internazionale” sancito dalla legge del 1974 che ha ratificato la Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati. Nelle pagine del ricorso si legge che, una volta perfezionata la procedura di estradizione, “il soggetto assume la qualifica giuridica di estradato a tutti gli effetti, status giuridico che non viene certamente meno a seconda del luogo ove venga successivamente fermato e il suo caso non risultava affatto incompatibile con un successivo allontanamento da parte di altro Stato (Bolivia)” dove fu fermato e poi consegnato alla polizia italiana per essere poi trasferito a Ciampino e infine in carcere in Sardegna. Cesare Battisti tenta una scorciatoia la “fine pena mai”, dopo avere ammesso i suoi quattro delitti, pur contestualizzandoli in quel periodo storico, gli Anni di piombo. La Corte d’Assise d’appello di Milano il 22 maggio aveva respinto la richiesta della difesa di commutare la pena del carcere a vita a 30 anni di reclusione, scontando anche gli anni già passati in carcere quando fu arrestati e prima dell’evasione poi la fuga all’estero.. Battisti, condannato per quattro omicidi commessi alla fine degli anni ’70, era stato arrestato dopo 37 anni di latitanza lo scorso gennaio in Bolivia. Secondo il difensore Davide Steccanella, la pena concordata nell’accordo di estradizione tra Italia e Brasile, cioè 30 anni, dovrebbe essere applicata anche se lui è stato arrestato in Bolivia.

 
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà