La foreign fighter americana che gli USA rifiutano

| Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni

+ Miei preferiti
Lunedì scorso, come promesso dal presidente Erdogan, la Turchia ha iniziato il programma di rimpatrio dei foreign fighters che si erano uniti al califfato dell’Isis.

Il primo espulso è una donna americana, accompagnata dalle autorità turche al confine con la Grecia, che le ha vietato l’ingresso lasciandola in un territorio che fa da limbo. Il suo caso rischia di diventare la pietra miliare della spinosa questione dei foreign fighters, i terroristi con passaporto occidentale che nessuno vuole: da una parte i paesi di appartenenza, poco propensi a rimettersi in casa potenziali terroristi, dall’altra i turchi, che dopo averli assicurati alla giustizia dichiarano di non voler essere considerati “l’albergo dell’Isis”.

Lei si chiama Hoda Muthana, ha 26 anni, è figlia di un ex diplomatico dello Yemen alle Nazioni Unite, e nel 2014 aveva lasciato la sua casa di Birmigham, in Alabama, per unirsi ai tagliagole. Era volata in Siria, e catturata dai curdi cinque anni dopo ha espresso subito il desiderio di poter tornare in quella ritiene casa sua insieme al figlio che nel frattempo ha avuto da uno dei tre combattenti che ha sposato, morti uno dopo l’altro in combattimento. Ma un tribunale federale, in linea con il pensiero del presidente Trump e del segretario di Stato Mike Pompeo, le ha negato il rimpatrio affermando che non si tratta di una cittadina americana, ma una terrorista araba che deve scontare la sua pena in un carcere siriano.

Intervistata dal “Guardian”, Hoda Muthana si è dichiarata profondamente pentita, raccontando di essere stata sottoposta ad un lavaggio del cervello con migliaia di messaggi di propaganda dello Stato Islamico, ma di aver capito solo tempo dopo quanto aberrante fosse l’ideologia spacciata dagli uomini del defunto al-Baghdadi. Disposta a subire un processo negli Stati Uniti, Hoda chiede di rientrare non tanto per lei ma per suo figlio di due anni: “Chiunque creda in Dio sa che tutti meritano una seconda possibilità, e non importa quanto gravi siano stati i suoi peccati”.

Ma il cavillo legale a cui il tribunale si è aggrappato è che la ragazza sia nata quando ancora il padre era ancora un diplomatico, quindi costituzionalmente da non considerare americana. Un passaggio legale strettissimo, visto che gli Stati Uniti riconoscono la cittadinanza a chiunque nasca sul loro territorio, tanto è vero che contro la decisione si è subito schierata l’avvocato della donna, che ha dichiarato di attendere la sentenza scritta ma di aver già attivato il centro di diritto costituzionale per i musulmani d’America, che starebbe studiando altri modi per far rientrare Hoda negli Stati Uniti.

Galleria fotografica
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano - immagine 1
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano - immagine 2
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme