La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia

| Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne

+ Miei preferiti
È dal lontano 1985 che Italia e Francia discutono su quanto la “Dottrina Mitterand” fosse un comportamento giusto e corretto. L’aveva voluta l’ex presidente socialista François Mitterand, ed era sembrato fin dall’inizio un chiaro e limpido dispetto a “les italiens”, vicini di casa mai troppo amati: concedeva l’asilo (escludendo addirittura l’eventualità dell’estradizione) a terroristi, assassini, fuggiaschi e delinquenti condannati per “atti di natura violenta ma d’ispirazione politica” purché non diretti contro lo Stato francese. Grazie a quella norma, abolita nel 2004 con l’intervento decisivo della Corte Europea dei diritti dell’uomo, decine di ex terroristi sono riusciti per decenni a vivere tranquillamente in Francia, senza timore di essere inseguiti dalla giustizia italiana: fra loro, il più celebre è stato Cesare Battisti, ma i nomi sono tanti, e tutti legati agli “anni di piombo” che hanno insanguinato l’Italia.

Alle continue richieste dei governi italiani, la Francia ha iniziato a rispondere soltanto nel giugno scorso, quando i magistrati transalpini hanno messo sotto esame una rosa di nomi per cui poteva essere finalmente concessa l’estradizione.

Adesso, a mesi di distanza, secondo il quotidiano “Le Parisien”, l’elenco sarebbe pronto: sono in tutto 13 nomi, non ancora resi pubblici, ma non è difficile immaginare chi potrebbe tornare in Italia, dove ad aspettarli troveranno una cella. Nell’elenco non dovrebbe mancare Giorgio Pietrostefani, mandante dell’omicidio del commissario Calabresi, condannato a 22 anni di carcere. Insieme a lui Raffaele Ventura e Narcisio Manenti, il primo esponente delle “Formazioni Comuniste Combattenti”, il secondo ex dei “NuClei Armati per il Contropotere Territoriale”, condannato all’ergastolo per l’omicidio del carabiniere Giuseppe Gurreri. Ancora l’ex leader delle Brigate Rosse Giovanni Alimondi, condannato a 22 anni nel processo Moro-Ter, Ermenegildo Marinelli, oggi tranquillo titolare di una società di commercio alimentare all’ingrosso, Roberta Cappelli e il suo ex marito, Enrico Villimburgo, ex membri della colonna romana delle BR, condannati a più ergastoli per diversi omicidi. Quindi Luigi Bergamin e Paola Filippi, due ex militanti dei “Pac”, lo stesso gruppo a cui apparteneva Cesare Battisti, e anche loro condannati all’ergastolo per l’omicidio del macellaio Lino Sabbadin nel 1979. Nell’elenco dovrebbero trovare posto anche gli ex BR Enzo Calvitti, Maurizio Di Marzio, Paolo Ceriani Sebregondi e Gino Giunti, quest’ultimo a capo della colonna toscana, e Sergio Tornaghi, ex capo del gruppo milanese Walter Alasia, condannato all’ergastolo per l’omicidio del direttore del Policlinico di Milano Luigi Marangoni e del maresciallo Francesco Di Cataldo, un secondino di San Vittore.

Potrebbe invece non far parte della rosa Marina Petrella, condannata per omicidio durante il Moro-Ter e la cui estradizione era stata bloccata dalla giustizia francese per una grave forma depressiva.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani