La mente crudele di Salah Abdeslam

| Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi

+ Miei preferiti
La notte del 13 novembre 2015, quella degli attacchi terroristici simultanei che hanno messo in ginocchio Parigi e ucciso 137 persone, Salah Abdeslam si era occupato del “Café Bonne Bière” e della pizzeria “Casa Nostra”, in Rue de la Fontaine ai Roi. Terminato il suo compito fugge a bordo di una Seat Leon nera insieme ad altri due terroristi, lasciandosi dietro le spalle 5 morti e 8 feriti. Malgrado abbia tentato di cambiare look per sfuggire alla caccia all’uomo che lo insegue ovunque, viene avvistato nei dintorni di Bruxelles il 20 novembre, ma la latitanza resiste fino al 18 marzo del 2016, quando viene arrestato a Molenbeek dopo una sparatoria con la polizia in cui rimane ferito. Il 27 marzo viene estradato in  Francia e da allora è rinchiuso nel carcere di massima sicurezza di Leury-Mérongis: è l’unico sopravvissuto nel commando dei terroristi responsabili del furioso attacco a Parigi. Il 23 aprile il tribunale l’ha condannato a 20 anni di reclusione, colpevole anche del tentato omicidio di alcuni agenti il giorno della sua cattura.

Nato a Bruxelles ma di origine marocchina, classe 1989, Salah Abdeslam ha lavorato come meccanico e barista prima di radicalizzarsi diventando un soldato dell’Isis. Dal momento dell’arresto ha scelto di parlare poco, senza mai pentirsi della strage: ha preferito lamentarsi del suo stato di prigionia e giurare odio eterno all’Occidente.

A riportarlo sulle prime pagine dei quotidiani francesi, dopo la notizia diffusa per primo da “Le Parisien”, è un documento di nove pagine che fa parte del fascicolo che chiude le indagini a suo carico prima dell’ennesimo processo per terrorismo e strage. Il documento fa ulteriore chiarezza sulla figura del terrorista, svelando intercettazioni telefoniche e alcune conversazioni che Abdeslam ha avuto con altri detenuti in cui ha raccontato gli attimi precedenti e successivi alla strage.

Nel 2016, mentre era ancora rinchiuso in un carcere belga in attesa di estradizione, Abdeslam incontra Mehdi Nemmouche, accusato dell’attacco al museo ebraico di Bruxelles del maggio 2014, e Mohammed Bakkali, sospettato di essere uno dei responsabili della logistica della strage di Parigi. Alternando l’arabo al francese, Abdeslam svela come è riuscito a fuggire dalla capitale francese verso Châtillon, nell’Hauts-de-Seine, dopo aver lasciato tre terroristi nei pressi dello Stade de France. Poco dopo si libera anche della sua auto, una Renault Clio, abbandonata in una via secondaria del 18esimo arrondissement, e del giubbotto esplosivo che la polizia ha poi ritrovato a Montrogue: avrebbe dovuto azionarlo per immolarsi, ma pare per un difetto non gli sia riuscito, evitando l’ennesima strage di quella notte infernale. “Avevi già gettato quella cosa?”, gli chiede Mohamed Bakkali, e lui risponde: “Sì, certo, avevo chiesto informazioni a un tizio, e lui mi ha guardato dlala testa ai piedi, poi ha guardato la mia giacca e ha visto che c'era qualcosa di strano. Fratello, sembrava pesassi 90 kg, ero troppo appariscente, dovevo liberarmene".

La notte dell’attacco, culminata con la fuga, si conclude con “un menù di pesce di un McDonald’s” consumato sulle scale di un palazzo a Châtillon, dove aveva trovato rifugio. Lì incontra un gruppo di adolescenti: "Erano giovani, fumavano canne. Ho fatto amiciai con loro perché avevano un telefono dal quale potevo sentire i notiziari". L'indomani mattina due amici lo recuperano aiutandolo nella fuga verso il Beglio, e Abdeslam racconta divertito un episodio: incappata in un blocco stradale, l'auto su cui stava fuggendo viene avvicinata da una giornalista che attraverso il finestrino chiede un commento sullo stato di massima allerta che sta bloccando la Francia. Uno dei suoi complici risponde serafico: "Date le circostanze è giusto, meglio rafforzare i controlli". Lui era seduto sul sedile posteriore, e tratteneva a stento le risate.

I racconti terminano con una misteriosa lettera che avrebbe smarrito nel momento dell’arresto, e mai ritrovata, in cui secondo alcune ricostruzioni Abdeslam potrebbe aver giurato fedeltà assoluta al Califfato, probabilmente insieme ai piani di un altro attacco terroristico in Belgio.

Galleria fotografica
La mente crudele di Salah Abdeslam - immagine 1
Terrorismo
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce