La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”

| Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri

+ Miei preferiti
La patata bollente dell’Occidente, quella che nessuno vuole fra le mani, si chiama “foreign fighters”: i migliaia di cittadini europei che negli anni hanno sposato la guerra santa unendosi ai tagliagole dell’Isis. Molti di loro sono stati uccisi in azione, ma molti altri quelli arrestati che riempiono le carceri siriane e che stanno diventando un caso di portata internazionale.

A rilanciarlo in queste ore è la Turchia, che nell’atteggiamento muscolare assunto nei confronti dell’Europa dopo la delicata questione dei Curdi, riapre il caso e alza le minacce. Il ministro dell’interno Suleyman Soylu è stato chiaro: “Non siamo un hotel per membri dell’Isis di nessun paese. Non ci si può limitare semplicemente a revocare la cittadinanza e pensare che Ankara se ne faccia carico, è inaccettabile e irresponsabile. Rimanderemo nei loro paesi d’origine i membri dell’Isis che abbiamo catturato e detenuto”. Il riferimento è a paesi come Francia, Germania, Belgio e Olanda, che continuano a rifiutare il rimpatrio dei loro cittadini sospettati di jihadismo, trincerandosi dietro l’idea che debbano essere processati dove sono stati catturati. Una soluzione di comodo secondo Ankara, per scaricare ad altri il problema e sfuggire al timore di riavere per le strade delle proprie città soggetti potenzialmente pericolosi.

Si parla di 1.200 persone rimaste nel limbo, fra la guerra e le galere, e di casi che stanno anche diventando emblematici, come la “class action” di 23 donne terroriste olandesi che dopo essere state rifiutate dal proprio Paese hanno trascinato il governo nei tribunali per chiedere di poter rientrare insieme ai loro 56 figli.

Ankara ricorda che nelle scorse settimane, nel corso di un’operazione nel nord della Siria, ha arrestato altri 287 sospetti jihadisti, di cui ben 242 stranieri provenienti da 19 paesi diversi. Anche loro torneranno a casa, piaccia o meno.

Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne