La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”

| Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri

+ Miei preferiti
La patata bollente dell’Occidente, quella che nessuno vuole fra le mani, si chiama “foreign fighters”: i migliaia di cittadini europei che negli anni hanno sposato la guerra santa unendosi ai tagliagole dell’Isis. Molti di loro sono stati uccisi in azione, ma molti altri quelli arrestati che riempiono le carceri siriane e che stanno diventando un caso di portata internazionale.

A rilanciarlo in queste ore è la Turchia, che nell’atteggiamento muscolare assunto nei confronti dell’Europa dopo la delicata questione dei Curdi, riapre il caso e alza le minacce. Il ministro dell’interno Suleyman Soylu è stato chiaro: “Non siamo un hotel per membri dell’Isis di nessun paese. Non ci si può limitare semplicemente a revocare la cittadinanza e pensare che Ankara se ne faccia carico, è inaccettabile e irresponsabile. Rimanderemo nei loro paesi d’origine i membri dell’Isis che abbiamo catturato e detenuto”. Il riferimento è a paesi come Francia, Germania, Belgio e Olanda, che continuano a rifiutare il rimpatrio dei loro cittadini sospettati di jihadismo, trincerandosi dietro l’idea che debbano essere processati dove sono stati catturati. Una soluzione di comodo secondo Ankara, per scaricare ad altri il problema e sfuggire al timore di riavere per le strade delle proprie città soggetti potenzialmente pericolosi.

Si parla di 1.200 persone rimaste nel limbo, fra la guerra e le galere, e di casi che stanno anche diventando emblematici, come la “class action” di 23 donne terroriste olandesi che dopo essere state rifiutate dal proprio Paese hanno trascinato il governo nei tribunali per chiedere di poter rientrare insieme ai loro 56 figli.

Ankara ricorda che nelle scorse settimane, nel corso di un’operazione nel nord della Siria, ha arrestato altri 287 sospetti jihadisti, di cui ben 242 stranieri provenienti da 19 paesi diversi. Anche loro torneranno a casa, piaccia o meno.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani