La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”

| Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri

+ Miei preferiti
La patata bollente dell’Occidente, quella che nessuno vuole fra le mani, si chiama “foreign fighters”: i migliaia di cittadini europei che negli anni hanno sposato la guerra santa unendosi ai tagliagole dell’Isis. Molti di loro sono stati uccisi in azione, ma molti altri quelli arrestati che riempiono le carceri siriane e che stanno diventando un caso di portata internazionale.

A rilanciarlo in queste ore è la Turchia, che nell’atteggiamento muscolare assunto nei confronti dell’Europa dopo la delicata questione dei Curdi, riapre il caso e alza le minacce. Il ministro dell’interno Suleyman Soylu è stato chiaro: “Non siamo un hotel per membri dell’Isis di nessun paese. Non ci si può limitare semplicemente a revocare la cittadinanza e pensare che Ankara se ne faccia carico, è inaccettabile e irresponsabile. Rimanderemo nei loro paesi d’origine i membri dell’Isis che abbiamo catturato e detenuto”. Il riferimento è a paesi come Francia, Germania, Belgio e Olanda, che continuano a rifiutare il rimpatrio dei loro cittadini sospettati di jihadismo, trincerandosi dietro l’idea che debbano essere processati dove sono stati catturati. Una soluzione di comodo secondo Ankara, per scaricare ad altri il problema e sfuggire al timore di riavere per le strade delle proprie città soggetti potenzialmente pericolosi.

Si parla di 1.200 persone rimaste nel limbo, fra la guerra e le galere, e di casi che stanno anche diventando emblematici, come la “class action” di 23 donne terroriste olandesi che dopo essere state rifiutate dal proprio Paese hanno trascinato il governo nei tribunali per chiedere di poter rientrare insieme ai loro 56 figli.

Ankara ricorda che nelle scorse settimane, nel corso di un’operazione nel nord della Siria, ha arrestato altri 287 sospetti jihadisti, di cui ben 242 stranieri provenienti da 19 paesi diversi. Anche loro torneranno a casa, piaccia o meno.

Terrorismo
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga