La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”

| Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri

+ Miei preferiti
La patata bollente dell’Occidente, quella che nessuno vuole fra le mani, si chiama “foreign fighters”: i migliaia di cittadini europei che negli anni hanno sposato la guerra santa unendosi ai tagliagole dell’Isis. Molti di loro sono stati uccisi in azione, ma molti altri quelli arrestati che riempiono le carceri siriane e che stanno diventando un caso di portata internazionale.

A rilanciarlo in queste ore è la Turchia, che nell’atteggiamento muscolare assunto nei confronti dell’Europa dopo la delicata questione dei Curdi, riapre il caso e alza le minacce. Il ministro dell’interno Suleyman Soylu è stato chiaro: “Non siamo un hotel per membri dell’Isis di nessun paese. Non ci si può limitare semplicemente a revocare la cittadinanza e pensare che Ankara se ne faccia carico, è inaccettabile e irresponsabile. Rimanderemo nei loro paesi d’origine i membri dell’Isis che abbiamo catturato e detenuto”. Il riferimento è a paesi come Francia, Germania, Belgio e Olanda, che continuano a rifiutare il rimpatrio dei loro cittadini sospettati di jihadismo, trincerandosi dietro l’idea che debbano essere processati dove sono stati catturati. Una soluzione di comodo secondo Ankara, per scaricare ad altri il problema e sfuggire al timore di riavere per le strade delle proprie città soggetti potenzialmente pericolosi.

Si parla di 1.200 persone rimaste nel limbo, fra la guerra e le galere, e di casi che stanno anche diventando emblematici, come la “class action” di 23 donne terroriste olandesi che dopo essere state rifiutate dal proprio Paese hanno trascinato il governo nei tribunali per chiedere di poter rientrare insieme ai loro 56 figli.

Ankara ricorda che nelle scorse settimane, nel corso di un’operazione nel nord della Siria, ha arrestato altri 287 sospetti jihadisti, di cui ben 242 stranieri provenienti da 19 paesi diversi. Anche loro torneranno a casa, piaccia o meno.

Terrorismo
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”
Italia: allarme per un attentato in stile Bataclan
Italia: allarme per un attentato in stile Bataclan
Una nota diffusa dalle forze dell’ordine fa riferimento alla possibilità di un attentato terroristico ad un evento pubblico. Nel corso delle ore la notizia si è in parte ridimensionata
L’Isis torna a minacciare l’Occidente
L’Isis torna a minacciare l’Occidente
Ricordando il “martirio” del loro leader, lo Stato Islamico annuncia il nuovo comandante, che promette di mettere a ferro e fuoco l’America e i suoi alleati
Delta Force, gli uomini che hanno eliminato il califfo
Delta Force, gli uomini che hanno eliminato il califfo
Per il Pentagono non esistono: vengono utilizzati in operazioni rischiosissime e sono militari addestrati a resistere in condizioni al limite della sopportazione fisica e mentale
Trump conferma: al-Baghdadi è morto
Trump conferma: al-Baghdadi è morto
Una lunga conferenza stampa in cui il presidente ha svelato i dettagli dell’operazione, lodando i paesi che hanno aiutato l’America e bacchettando quelli che hanno preferito rimanere fuori dalla lotta al terrorismo