La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi

| Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi

+ Miei preferiti
Il suo vero nome è Nasrin As’ad Ibrahim, 29 anni, irachena, meglio conosciuta come Umm Sayyaf: è la vedova di Fathi Ben Awn Ben Jildi Murad al-Tunis, un amico fidato di al-Baghdadi e veterano del gruppo paramilitare separatista islamico “Abu Sayyaf”. È stata catturata il 6 agosto 2015 nel corso di un raid dei “Delta Force” americani e consegnata alle autorità curde a Erbil: una figura molto controversa, sospettata di aver avuto un ruolo importante nelle attività terroristiche dell’Isis e di essere coinvolta in alcuni dei crimini più atroci del gruppo terroristico, tra cui la riduzione schiavitù dell’operatrice umanitaria statunitense Kayla Mueller, che si ritiene sia morta a Raqqa nel febbraio del 2015, e di diverse donne e ragazze di etnia yazidi, stuprate dagli ufficiali dell’Isis. Umm Sayyaf ha negato con forza le accuse, ma l’8 febbraio 2016 è stata accusata da un tribunale della Virginia di aver fornito sostegno materiale all’organizzazione terroristica che ha portato alla morte di una cittadina americana. Accusa federale per cui è stata condannata all’ergastolo, che sta scontando in forma di detenzione extragiudiziale in Iraq.

Essendo una delle mogli più importanti dell’organizzazione, Umm Sayyaf godeva di un permesso di accesso alle riunioni ed era presente quando al-Baghdadi registrava i suoi messaggi di propaganda. All’inizio della sua prigionia si è rifiutata di collaborare, rimanendo in silenzio nella sua cella nel nord dell’Iraq. All’inizio del 2016 cambia idea e inizia a rivelare alcuni dei segreti dell’organizzazione, compreso il modo in cui si muove e opera al-Baghdadi, il califfo dell’autoproclamato stato islamico che il 30 aprile scorso, a cinque anni di distanza dal sermone di Mosul, dove era stato ripreso per l’ultima volta, e dopo essere stato dato per morto in azione diverse volte, è tornato a incitare alla “guerra contro i crociati”.

Da allora, Umm Sayyaf ha aiutato la Cia e i servizi segreti curdi a ricostruire i movimenti dell’imprendibile califfo, indicando le basi, i nascondigli utilizzati e la rete che lo circonda per proteggerlo. Per ore e ore, Umm Sayyaf ha osservato mappe e fotografie disposte su un tavolo, circondata da ufficiali curdi e americani: “Erano molto gentili, indossavano abiti civili: ho mostrato loro tutto quello che sapevo”. La donna ha indicato un nascondiglio segreto nella parte occidentale di Mosul che era stato preparato per al-Baghdadi da sua zia: “Il suo nome è Saadia Ibrahim. Due dei suoi figli sono morti con l’Isis, e si è unita al califfo fin dall’inizio: gestisce per lui la rete di case di sicurezza. È la sorella di mio padre”.

Nel febbraio 2016 indica una casa a Mosul in cui si pensava che stesse alloggiando al-Baghdadi, ma nel dubbio, e per timore di una strage di civili in un quartiere densamente popolato, gli ufficiali statunitensi preferiscono non richiedere un attacco aereo sull’edificio. Qualche settimana dopo hanno dovuto ammettere che quella notte, l’uomo più ricercato del pianeta si trovava esattamente lì. “Ho detto loro dov’era la casa - ha detto Umm Sayyaf - lo sapevo perché era uno degli appartamenti che gli erano stati forniti dall’Isis e uno dei posti che lui amava di più”.

Un alto funzionario dei servizi segreti curdi ha svelato l’importanza strategica di Umm Sayyaf: “Ci ha fatto un quadro molto chiaro della struttura familiare di Abu Bakr al-Baghdadi e delle persone che più gli stanno a cuore. Abbiamo imparato a conoscere le mogli e identificato molti dei suoi collaboratori più stretti, di cui ci ha spiegato ruoli e compiti all’interno dell’organizzazione terroristica”.

L’avvocato per i diritti umani Amal Clooney ha chiesto l’estradizione di Umm Sayyaf dall’Iraq agli Stati Uniti per affrontare la giustizia americana: “Era lei ad occuparsi di alcuni prigionieri, li ha picchiati, torturati e le donne sono state preparate allo stupro”. La donna sta scontando l’ergastolo in forma extraterritoriale in Iraq, ma è stata condannata a morte dagli ex compagni dello stato islamico.

La domanda più ricorrente è dove si trovi oggi al-Baghdadi. Secondo Umm Sayyaf è tornato in Iraq, dove si sente sempre più sicuro: “Non è stato sereno in Siria, ci andava per fare qualcosa, ma preferiva andarsene subito dopo”. Umm Sayyaf riceve una visita mensile dalla sua famiglia e ha accesso a medici e operatori umanitari. Nonostante la sua collaborazione, è improbabile che possa ottenere una modifica della condanna: “Viene da un ambiente radicale: se torna da loro, diventa come loro”.

Galleria fotografica
La vedova dellIsis sulle tracce di al-Baghdadi - immagine 1
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa