La vittima numero 87 della strage di Nizza

| Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare

+ Miei preferiti
Il nome di Tahar Mejri, 42 anni, diventa ufficialmente la vittima numero 87 della strage del 14 luglio 2016 sulla Promenade des Anglais di Nizza. Quella sera Tahar si era salvato, ma in qualche modo era morto ugualmente, di una fine perfino peggiore, lenta, diluita un po’ per volta in quasi mille giorni.

Tre anni fa, Tahar Mejri aveva visto la moglie Olfa travolta dal tir, lanciato a folle velocità sui turisti da Mohamed Lahoueij-Bouhlel, l’attentatore che dopo aver percorso quasi due km passando sopra a qualsiasi cosa gli si parasse davanti, era stato freddato dalla polizia. Per giorni, dopo aver saputo che Olfa non c’era più, Tahar aveva vagato per gli ospedali di Nizza mostrando le foto di suo figlio, il piccolo Kylan, 4 anni. Due giorni dopo gli avevano comunicato che anche Kylan era morto, e Tahar da quel momento non aveva più smesso di indossare sempre e ovunque una maglietta con la foto del figlio impressa sopra. Una storia nella storia che aveva commosso la Francia.

A quasi tre anni da quella notte di follia che ha tinto di rosso un altro angolo di Francia, Tahar Mejri è morto, non c’è più, si è arreso. “Non aveva istinti suicidi – raccontano all’associazione che riunisce le famiglie delle vittime – ma si è lasciato andare: era svuotato, inconsolabile, intrappolato per sempre nel suo dolore”.

Non sono ancora chiare le cause della morte, su cui è stata aperta un’inchiesta, ma si esclude il suicidio, non contemplato dalla religione musulmana: per tutti, Tahar è morto di dolore, semplicemente. Rachel, la nuova compagna, ha raccontato al quotidiano “Nice Matin” che qualche giorno fa Tahar le aveva confidato: “Ho sognato Olfa che mi chiamava, dice che Kylan è triste senza il suo papà”. Gli fa eco uno dei parenti delle vittime: “Oggi parliamo di Tahar, ma nessuno si occupa di altre decine di persone che quella notte hanno perso una persona cara, e sono abbandonate a loro stesse”.

L’unica certezza, al momento, è che Tahar Mejri sarà sepolto accanto a suo figlio, in Tunisia.

Galleria fotografica
La vittima numero 87 della strage di Nizza - immagine 1
La vittima numero 87 della strage di Nizza - immagine 2
La vittima numero 87 della strage di Nizza - immagine 3
La vittima numero 87 della strage di Nizza - immagine 4
La vittima numero 87 della strage di Nizza - immagine 5
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa