Le nuove ombre del terrore

| Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura

+ Miei preferiti
Un video della durata di 59 secondi pubblicato da “al Nabaa”, agenzia di stampa collegata all’Isis, mostra otto uomini che stringono la mano e si impegnano ad aderire “Califfato dei musulmani”. Stavano per lanciare gli ormai tristemente noti attacchi nello Sri Lanka, un’atrocità che ha tolto la vita a più di 250 persone, ma che vale anche come una minaccia: l’Isis è ancora attivo.

C’è ancora molto da capire sull’organizzazione degli attentati nello Sri Lanka, ma gli esperti di antiterrorismo sono uniti su un punto: i piccoli gruppi islamisti dell’isola non avrebbero potuto compiere un attacco così complesso senza un aiuto esterno. L’analista dell’antiterrorismo Bruce Hoffman del “Council on Foreign Relations” ne è certo: “gli attacchi di domenica scorsa sono stati un salto di qualità in termini di capacità organizzative e logistiche”. Un’affermazione che solleva diverse domande: l’Isis sta esportando con successo l’esperienza accumulata nella fabbricazione di bombe, nella raccolta di fondi e nel reclutamento? Dove trova terreno fertile? E fino a che punto è in grado di organizzare e dirigere attacchi terroristici?

Molti militanti sono riusciti a fuggire da Mosul, Raqqa e Baghouz, nel nord della Siria, l’ultima roccaforte dell’Isis: secondo l’intelligence britannica, si parla di almeno 5.000 combattenti che stanno iniziando una nuova fase della strategia del terrore: a gennaio, una cellula dormiente è stata in grado di compiere un attentato suicida a Manbij, nel nord della Siria, che ha ucciso almeno 14 persone, tra cui quattro americani, e la settimana scorsa i combattenti hanno dato il via ad un attacco a sorpresa contro al Kawm, vicino a Palmyra. 

“Non sappiamo con certezza quanti miliziani siano morti nell’offensiva che ha messo l’Isis alle corde - dice Edmund Fitton-Brown, coordinatore del gruppo di monitoraggio ISIS/Al-Qaeda/Taliban alle Nazioni Unite - ma possiamo supporre che almeno il 50% di loro sia ancora vivo. Forse di più”.

Fonti di intelligence dicono che alcuni di loro sono fuggiti nella provincia pakistana del Balochistan e in Afghanistan passando indisturbati attraverso l’Iran: si teme che il califfato veda nell’India un territorio promettente per aggravare le tensioni musulmano-induiste, ma la minaccia riguarda anche Indonesia, Malaysia, Egitto, Egitto, Arabia Saudita e Giordania, dove sono tornati molti combattenti.

E oltre ai sopravvissuti del califfato, ci sono molti simpatizzanti dell’Isis sostenuti da predicatori estremisti e radicali: il crollo militare del califfato può aver diminuito l’appeal rappresentato dall’Isis, ma malgrado Trump si vanti di averlo annientato, il fuoco non è spento. La leadership del califfato si è preparata a lungo per questa nuova fase della sua esistenza: prima di essere ucciso da un drone, il portavoce dell’Isis Abu Mohammed al-Adnani era stato profetico, dichiarando che perdita di territorio non avrebbe segnato la fine del califfato.

La leadership dell’Isis è stata annientata, la comunicazione e la pianificazione sono state interrotte, ma il loro messaggio d’odio è ancora presente e c’è da aspettarsi che gli attacchi come quello in Sri Lanka diventino la nuova cifra del terrore. “Si tratta di individui arrabbiati e radicalizzati che rispondono a ordini online: alcuni aderiranno all’ideologia dell’Isis, altri ad al Qaeda. E in alcuni luoghi, come il Sahel in Nord Africa, ci sono segni di una stretta cooperazione tra i due gruppi. Per molti versi una struttura decentrata è più difficile da affrontare rispetto ad una altamente centralizzata: annientarla ha meno effetto”.

Dove l’Isis continua ad avere forti vantaggi è con il denaro: le stime delle attività sono scesa da 300 a 50 milioni di dollari, ma individuarli è difficile: sono stati investiti in attività commerciali legali in tutto l’Occidente, riciclati attraverso banche e istituti di credito e letteralmente nascosti ad arte.

Una domanda fondamentale sugli attacchi dello Sri Lanka è come sono stati finanziati: si stima che l’operazione sia costata tra i 30 e i 40.000 dollari. Allo stesso modo, dopo l’attacco a Riyadh di una settimana fa, le autorità saudite hanno fatto irruzione in un complesso agricolo la cui costruzione sarebbe costata quasi 200mila dollari: all’interno sono stati ritrovati armi e soldi. Tanti.

Nei decenni passati, il terrorismo tendeva ad essere locale o nazionale. Nel 1998, al Qaeda si è annunciata sulla scena mondiale con attacchi in Africa orientale, seguiti, tre anni dopo, da quelli dell’11 settembre: il mondo entrava nell’era della jihad internazionale. Da allora, la portata globale del terrorismo è stata alimentata dalla radicalizzazione online, dalla messaggistica criptata e dalla facilità dei viaggi internazionali.

Questo è l’ambiente in cui prospera l’Isis. Gli attacchi di Parigi del 2015, ad esempio, sono stati progettati per alimentare il sentimento anti-musulmano, e ovunque colpiscano sperano che si accenda l’odio religioso. “Dobbiamo ancora vivere con una minaccia che sarà molto presente e per lungo tempo: il mondo è diventato questo”.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese