Le tecniche di tortura della C.I.A.

| Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia

+ Miei preferiti
Ha una fama sinistra, il campo di prigionia di Guantánamo, uno dei carceri di massima sicurezza dove finiscono prigionieri collegati al terrorismo islamico, più volte è finito al centro di roventi polemiche per le sistematiche violazioni delle convenzioni di Ginevra sul trattamento riservato ai prigionieri di guerra.

Fra i detenuti, ancora oggi si trova Abu Zubaydah, un cittadino saudita sospettato di legami con Al-Qaeda catturato in Pakistan nel 2002 e da allora trasferito in più carceri prima di finire a Guantánamo nella primavera del 2006.

Nella sua cella del carcere in terra cubana, Abu Zubaydah ha scelto di documentare con disegni ciò che ha subito sulla propria pelle nell’inferno di un campo di prigionia segreto in Thailandia nel 2002. Una documentazione che attraverso il suo avvocato è uscita dal carcere, diventando uno studio sui raccapriccianti metodi utilizzati dalla CIA per strappare confessioni ai detenuti.

Il rapporto, intitolato “How America Tortures” e realizzato da Mark Denbeaux, professore di legge della “Seton Hall University School of Law”, è stato pubblicato per la prima volta dal “New York Times”, dando ampio spazio ai disegni che rivelano le tecniche di tortura illustrate dal detenuto Abu Zubaydah. Ufficialmente non si parla di torture ma di “Tecniche avanzate di interrogatorio”, e furono autorizzate dall’allora presidente Bush dopo la tragedia dell’11 settembre 2001, per ottenere informazioni su possibili nuovi attacchi terroristici sul territorio americano.

Secondo un rapporto dell’Intelligence del Senato, Zubaydah è stato sottoposto a tecniche di torture che simulano l’annegamento almeno 83 volte. Le immagini incluse nel rapporto ritraggono Zubaydah nudo o vestito con pochi stracci, spesso costretto in posizioni contorte e confinato in spazi ristretti, o con le braccia ammanettate sopra la testa. La CIA, al momento, ha rifiutato di commentare le immagini che stanno facendo il giro del mondo.

I disegni sono chiari, e spiegano i trattamenti subiti da Abu Zubaydah, ufficialmente il primo jihadista a subirli. Uno mostra il prigioniero nudo e su una sorta di barella, mentre qualcuno gli versa sul viso dell’acqua per provocargli un senso di annegamento. In un altro ha i polsi ammanettati alle sbarre in alto, per costringerlo a restare in punta di piedi e causargli dolori lancinanti, o ancora incappucciato e incatenato in posizione fetale, per produrre dolore dovuto a contorsioni o torsioni del corpo. Uno dei disegni più brutali mostra un carceriere che stringe un asciugamano intorno al collo del detenuto mentre gli preme con forza la parte posteriore della testa contro un muro di legno: “Continuava a sbattermi contro il muro, e ad ogni colpo cadevo a terra semisvenuto”. Ancora la tecnica di privazione del sonno, che consisteva a rimanere ammanettato sul pavimento, in una posizione così dolorosa che rendeva impossibile dormire. Secondo la CIA, la tecnica “focalizza l’attenzione del detenuto sulla sua situazione attuale”: Abu Zubaydah l’ha subita per tre settimane di fila.

Il rapporto del professor Denbeaux utilizza documenti interni dell’amministrazione Bush, ricordi dei prigionieri e il rapporto del “Senate Intelligence Committee 2014” che analizzava il programma degli interrogatori. La CIA aveva assunto a contratto due psicologi per creare il programma, ormai proibito, utilizzandolo su più di 100 detenuti. Le descrizioni dei metodi hanno cominciato a trapelare più di dieci anni fa, ma per la prima volta i disegni descrivono nel dettaglio le tecniche della C.I.A. 

Le successive indagini dell’intelligence hanno dimostrato che Zubaydah non aveva alcun legame con gli attacchi dell’11 settembre, e non era un membro di Al Qaeda. Non è mai stato accusato di nulla e secondo alcuni documenti i procuratori militari non hanno alcuna intenzione di farlo. Ma resta chiuso a Guantánamo, a disegnare.

Galleria fotografica
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 1
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 2
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 3
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 4
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 5
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 6
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 7
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 8
Le tecniche di tortura della C.I.A. - immagine 9
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme