Liberato Alessandro Sandrini

| Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano

+ Miei preferiti
Secondo quanto comunicato dal “governo di salvezza”, un gruppo antigovernativo che agisce nella zona di Iblid, nella Siria nord-occidentale, l’italiano Alessandro Sandrini sarebbe stato liberato: era nelle mani di una banda criminale. Al momento non ci sono conferme ufficiali da parte della Farnesina, mentre proprio in questi minuti il padre avrebbe confermato che Sandrini si troverebbe nelle mani dei carabinieri.

Sandrini, 32 anni, bresciano, era stato rapito nel 2016 al confine fra Siria e Turchia dopo essere partito “per una breve vacanza” ad Adana, a circa 200 km da Aleppo. Sarebbe dovuto rientrare il 10 ottobre, ma non avendo più sue notizie la fidanzata lancia l’allarme. Un anno dopo, il 17 ottobre del 2017, Sandrini inizia una lunga serie di telefonate con la famiglia in cui chiede aiuto, racconta di essere tenuto sotto sequestro e che i suoi rapitori vogliono del denaro, e infine accusa lo Stato italiano di disinteressarsi del suo caso. Lo scorso anno, Alessandro Sandrini è stato fra gli imputati di un processo celebrato a Brescia per ricettazione e per una rapina risalente all’ottobre 2016, pochi giorni prima di scomparire.

Terrorismo
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri
Italia: allarme per un attentato in stile Bataclan
Italia: allarme per un attentato in stile Bataclan
Una nota diffusa dalle forze dell’ordine fa riferimento alla possibilità di un attentato terroristico ad un evento pubblico. Nel corso delle ore la notizia si è in parte ridimensionata
L’Isis torna a minacciare l’Occidente
L’Isis torna a minacciare l’Occidente
Ricordando il “martirio” del loro leader, lo Stato Islamico annuncia il nuovo comandante, che promette di mettere a ferro e fuoco l’America e i suoi alleati
Delta Force, gli uomini che hanno eliminato il califfo
Delta Force, gli uomini che hanno eliminato il califfo
Per il Pentagono non esistono: vengono utilizzati in operazioni rischiosissime e sono militari addestrati a resistere in condizioni al limite della sopportazione fisica e mentale