L’Isis non esiste più

| Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”

+ Miei preferiti
“al-Dawla al-Islāmiyya”, il nome dell’organizzazione jihadista salafita comandata dal Abu Bakr al-Baghdadi, che ha seminato il terrore in mezzo mondo, è “stata eliminata al 100%”. Lo ha dichiarato un portavoce della Casa Bianca, annunciando che l’ultima roccaforte del gruppo terroristico è stata distrutta. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva promesso all’inizio di questa settimana che la vittoria era ormai questione di ore: gli ultimi superstiti si nascondevano all’interno di caverne nel territorio siriano, circondati da una fitta rete di mine nascoste e di scudi umani. Ma la sconfitta finale del gruppo terroristico a Baghouz sembra aver finalmente messo fine al dominio territoriale che un tempo si estendeva per un terzo dell’Iraq e della Siria.

Pochi giorni fa in una conferenza stampa, Trump ha mostrato due mappe: la prima mostra il territorio controllato dall’Isis in Iraq e Siria il giorno della sua elezione, e l’altra com’era ridotto questa settimana. “Quando ho preso il controllo era un enorme casino e ora non resta che un piccolo punto che stasera sarà scomparso. Questo è l’Isis il giorno delle mie elezioni e questo è l’Isis ora”.

L’attacco finale nei dintorni di Baghouz, nella Siria orientale, è stato iniziato dalle forze americane, poche ore fa la svolta: la SDF aveva catturato centinaia di combattenti dell’Isis feriti, compreso un gruppo di sospetti coinvolti in un bombardamento che a gennaio ha causato la morte di quattro americani nel nord della Siria.

Gli analisti ed esperti di terrorismo invitano però a non abbassare la guardia: la sconfitta militare non significa la fine della guerra e soprattutto non coincide con l’aver sconfitto una mentalità e un’ideologia che hanno avuto il tempo di radicarsi. L’Isis potrebbe ripresentarsi, con nome, bandiere e facce diverse, ma con in mente lo stesso obiettivo: seminare terrore.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani