L’Isis promette vendetta

| Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo

+ Miei preferiti
Gli esperti di terrorismo internazionale temevano il risveglio del fondamentalismo islamico dopo la strage delle due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Da giorni, attraverso una serie di messaggi lanciati sulla piattaforma “Telegram”, il Califfato annuncia vendetta per la morte dei 50 musulmani. Uno dei messaggi più inquietanti è la foto di un kalashnikov avvolto nella bandiera nera con delle minacce scritte in bianco sulla canna, come quelle ormai celebri di Brenton Tarrant: “Vi sconfiggeremo presto, nessuno si salverà”.

Malgrado il terrorismo islamico dell’Isis sia ormai ridotto allo stremo e avviato alla sconfitta totale, fatti come quelli di Chirstchurch possono risvegliare cellule dormienti per colpire obiettivi cattolici e cristiani. Da considerare anche i foreign fighters di ritorno, in grado di fare nuovi proseliti per proseguire la lotta contro gli infedeli. C’è anche un terzo aspetto, molto inquietante, che paradossalmente può essere servito da lezione alle strategie di Daesh: l’uso massiccio dei social da parte di Brenton Tarrant, che ha trasmesso in diretta Facebook tutte le fasi del suo massacro, dando una visibilità e una eco senza precedenti ad una mattanza. Un aspetto comunicativo, quest’ultimo, che è sempre stato molto uno dei punti fermi dell’Isis e dei suoi terroristi, per instillare con forza il germe della paura nel cuore dell’Occidente. L’effetto a catena lo dicono i numeri: Facebook ha annunciato di aver rimosso un milione e mezzo di copie del video originale dalle proprie pagine, impedendo la diffusione per altre 1,2 milioni di volte. Ultimo risvolto, ma non meno preoccupante, l’effetto emulativo che ha spinto diversi paesi ad alzare il livello di massima allerta.

Qualche ora fa, l’aeroporto di Dunedin, in Nuova Zelanda, è stato evacuato per un pacco sospetto.

Terrorismo
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore