L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato

| Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima

+ Miei preferiti
Secondo le intelligence e i servizi segreti di diversi paesi, ci sarebbero diversi indizi che confermano un sospetto: a due anni di distanza dalla perdita dell’ultimo territorio controllato in Iraq, l’Isis sia sta riorganizzando. 

Secondo Lahur Talabany, un alto funzionario dell’antiterrorismo curdo, i miliziani dell’autoproclamato stato islamico sono ormai più preparati e più pericolosi di quelli di al-Qaeda: “Hanno acquisito tecniche e tattiche migliori, e hanno anche molti più soldi a disposizione. Sono in grado di acquistare veicoli, armi, forniture alimentari e attrezzature, sono abili con le tecnologie ed è più difficile stanarli. Vediamo che le attività aumentano di intensità e pensiamo che la fase di ricostruzione sia finita: potrebbero passare presto all’azione”.

Quello che emerge è un diverso tipo di Isis, che ha probabilmente rinunciato all’idea di controllare territori per evitare di diventare un bersaglio certo e facilmente individuabile. Come i loro predecessori di al-Qaeda, per stabilire le nuove strategie gli estremisti sono andati in clandestinità sulle montagne di Hamrin, in Iraq.

“Questo è il punto in cui l’Isis si sta ridisegnando: una lunga catena montuosa piena di nascondigli e grotte, molto difficile da controllare. L’Isis ha imparato a nutrirsi dei disordini, come quelli in corso a Baghdad, sfruttando il senso di alienazione dei musulmani sunniti: se ci sono disordini e malcontenti sociali, l’Isis va a nozze”.

I miliziani beneficiano anche dei rapporti tesi tra Baghdad e il governo del Kurdistan, a seguito del referendum sull’indipendenza curda nel 2017. Si è creata una vasta zona terra di nessuno nel nord dell’Iraq costantemente pattugliata dall’Isis.

“C’è un’enorme attività dei miliziani nella zona vicino al Tigri: giorno dopo giorno ne seguiamo i movimenti e le attività”. Secondo i rapporti dell’intelligence, i ranghi dei tagliagole nella zona sono stati recentemente rinforzati da circa 100 combattenti che hanno attraversato il confine dalla Siria, compresi alcuni con cinture esplosive: “Se la situazione continua, nel 2020 saranno diventati più potenti in grado di sferrare più attacchi”.

I funzionari dei servizi segreti curdi stimano che in Iraq l’Isis possa contare su una milizia di 10mila persone, con un numero di combattenti compreso tra i 4.000 e i 5.000, numerose cellule dormienti e migliaia di simpatizzanti che non vedono l’ora di essere radicalizzati. “La comunità internazionale dovrebbe essere molto preoccupata, perché più si sentono a loro agio qui e più penseranno ad operazioni al di fuori dell’Iraq e della Siria”.

Per ora gli estremisti sono confinati nell’ombra, si nascondono in grotte e nel deserto, in condizioni difficili da sopportare per troppo tempo: spuntano di notte per effettuare attacchi mordi e fuggi.

Terrorismo
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani