L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato

| Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima

+ Miei preferiti
Secondo le intelligence e i servizi segreti di diversi paesi, ci sarebbero diversi indizi che confermano un sospetto: a due anni di distanza dalla perdita dell’ultimo territorio controllato in Iraq, l’Isis sia sta riorganizzando. 

Secondo Lahur Talabany, un alto funzionario dell’antiterrorismo curdo, i miliziani dell’autoproclamato stato islamico sono ormai più preparati e più pericolosi di quelli di al-Qaeda: “Hanno acquisito tecniche e tattiche migliori, e hanno anche molti più soldi a disposizione. Sono in grado di acquistare veicoli, armi, forniture alimentari e attrezzature, sono abili con le tecnologie ed è più difficile stanarli. Vediamo che le attività aumentano di intensità e pensiamo che la fase di ricostruzione sia finita: potrebbero passare presto all’azione”.

Quello che emerge è un diverso tipo di Isis, che ha probabilmente rinunciato all’idea di controllare territori per evitare di diventare un bersaglio certo e facilmente individuabile. Come i loro predecessori di al-Qaeda, per stabilire le nuove strategie gli estremisti sono andati in clandestinità sulle montagne di Hamrin, in Iraq.

“Questo è il punto in cui l’Isis si sta ridisegnando: una lunga catena montuosa piena di nascondigli e grotte, molto difficile da controllare. L’Isis ha imparato a nutrirsi dei disordini, come quelli in corso a Baghdad, sfruttando il senso di alienazione dei musulmani sunniti: se ci sono disordini e malcontenti sociali, l’Isis va a nozze”.

I miliziani beneficiano anche dei rapporti tesi tra Baghdad e il governo del Kurdistan, a seguito del referendum sull’indipendenza curda nel 2017. Si è creata una vasta zona terra di nessuno nel nord dell’Iraq costantemente pattugliata dall’Isis.

“C’è un’enorme attività dei miliziani nella zona vicino al Tigri: giorno dopo giorno ne seguiamo i movimenti e le attività”. Secondo i rapporti dell’intelligence, i ranghi dei tagliagole nella zona sono stati recentemente rinforzati da circa 100 combattenti che hanno attraversato il confine dalla Siria, compresi alcuni con cinture esplosive: “Se la situazione continua, nel 2020 saranno diventati più potenti in grado di sferrare più attacchi”.

I funzionari dei servizi segreti curdi stimano che in Iraq l’Isis possa contare su una milizia di 10mila persone, con un numero di combattenti compreso tra i 4.000 e i 5.000, numerose cellule dormienti e migliaia di simpatizzanti che non vedono l’ora di essere radicalizzati. “La comunità internazionale dovrebbe essere molto preoccupata, perché più si sentono a loro agio qui e più penseranno ad operazioni al di fuori dell’Iraq e della Siria”.

Per ora gli estremisti sono confinati nell’ombra, si nascondono in grotte e nel deserto, in condizioni difficili da sopportare per troppo tempo: spuntano di notte per effettuare attacchi mordi e fuggi.

Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà