Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente

| Al centro gli attentati con coltelli e furgoni sul London Bridge del 2017. I killer islamici avevano scambiato 329 messaggi con un estremista ma costui si rifiuta di consegnare i suoi smartphone. I legali delle vittime: "Assurdo"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

La polizia non ha ancora potuto analizzare i messaggi WhatsApp tra i terroristi del London Bridge e un presunto estremista che si rifiuta di consegnare il suo telefono agli investigatori, secondo un’inchiesta del The Telegraph. Sajeel Shahid, che gestiva la palestra a est di Londra dove si sono incontrati i tre aggressori, ha condiviso 329 testi con Khuram Butt, uno dei killer, nel 2017 prima dell’azione terrorista che provocò morti e feriti tra i passanti-

Oltre a gestire l'Ummah Fitness Centre, dove lavoravano Butt e il complice Rachid Redouane, Shahid ha fondato anche la scuola Ad-Deen, dove Butt e Youssef Zaghba, il terzo aggressore, ha potuto insegnare a bambini di appena tre anni. 

La polizia ha trovato record di 39 chiamate e 329 messaggi WhatsApp tra il suo telefono e Butt da gennaio a maggio 2017, tra cui diversi nel bel mezzo della notte dell’attentato.

 Rachid Redouane e Youssef Zaghba e Zhuram Butt, i terroristi coinvolti nell'attacco con furgoni e coltelli a London Bridge, facevano parte dello staff del centro fitness Ummah di Ilford. 

L’avvocato Helen Boniface che rappresenta sei delle famiglie colpite, ha detto: "Le famiglie sono grate al coroner capo per aver inviato una convocazione di testimoni per chiedere al signor Shahid di assistere in tribunale e rispondere alle loro domande, ma si è rifiutato di fornire il suo telefono alla polizia, nonostante abbia dichiarato alla corte che lo avrebbe fatto, soprattutto considerando che questo telefono era in contatto regolare con Butt nei mesi precedenti l’attacco". Il rifiuto mette a nudo un problema che i servizi di sicurezza hanno faticato a superare in seguito ai recenti attacchi terroristici: la messaggistica criptata. Servizi come WhatsApp offrono agli utenti la cosiddetta "crittografia end-to-end" che rende impossibile a chiunque, a parte i destinatari, leggere le comunicazioni.  Si pensa che Butt e Redouane si siano scambiati messaggi sull'app già da dicembre 2016, ma non sono stati recuperati. l'MI5 sta ancora lottando per capire come è stato pianificato l’attacco. Shahid non è stato arrestato, ma gli avvocati che rappresentano le famiglie delle vittime si sono chiesti perché non sia stato interrogato come teste.

Nel 2006 era stato accusato di aver guidato il gruppo islamista al-Muhajiroun in Pakistan e di aver allestito un campo di addestramento nella regione di Malakand. Shanid ha sostenuto di aver lasciato ALM prima che diventasse estremista, ha insistito che tutti i contatti con Khuram Butt erano per lavoro  e che l'attacco del 2017 lo ha "indignato".  

 
Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese