Mogadiscio, l'estremo sacrificio di un sindaco che voleva la pace

| Abdirahman Omar Omar Osman era un ingegnere britannico che aveva deciso di tornare in patria per aiutare gli eritrei contro i terroristi di Al Shabaab. Ucciso da un kamikaze. il dolore del figlio che studia a Londra

+ Miei preferiti

In Italia non ne ha parlato nessuno o quasi. Ma l’estremo sacrificio di un facoltoso cittadino britannico di origini eritree che aveva scelto di tornare nella sua patria d’origine, dilaniata da un perenne scontro tra fazioni e sotto il terrore dei guerriglieri islamici, per rivestire la carica di sindaco, dovrebbe aprire una riflessione sulla crisi africana, sempre più drammatica. Il sindaco è morto dopo essere stato ferito gravemente giorni fa in un attacco estremista al-Shabaab nel suo ufficio la scorsa settimana, ha annunciato il governo somalo.

Abdirahman Omar Omar Osman era un britannico naturalizzato che è tornato in Somalia per aiutare a ricostruire il paese dilaniato dalla guerra. Ha trascorso 17 anni nel Regno Unito, tra cui un periodo come dirigente del consiglio di Ealing, nella zona ovest di Londra.

E' morto giovedì scorso in Qatar, dove era stato trasportato per cure aeree dopo l'attacco del 24 luglio. I funzionari hanno detto che era stato in coma.

Suo figlio, Mohamed Omar, uno studente della Queen Mary University di Londra, ha detto: "Oggi il popolo di Mogadiscio perde il sindaco, ma io ho perso mio padre. Che Allah gli conceda il più alto grado di paradiso".

Osman è stato tra molte persone gravemente ferito quando un attentatore suicida donna ha fatto esplodere un ordigno all'interno del quartier generale del distretto di Banadir, che comprende Mogadiscio.

Sei persone, tra cui due commissari distrettuali e tre direttori, sono state uccise nell'esplosione. Non è chiaro come l'aggressore sia riuscito ad entrare nell'ufficio del sindaco, poiché i visitatori sono tenuti a passare attraverso almeno quattro metal detector.

La responsabilità dell'attacco è stata rivendicata da al-Shabaab, i militanti legati ad al-Qaida che hanno scatenato una mortale insurrezione contro il governo di Mogadiscio sostenuto dall'Occidente. Ha detto che stavano prendendo di mira l'inviato speciale delle Nazioni Unite James Swan, che era stato nell'edificio poche ore prima. Swan ha condannato l'attacco "atroce" contro coloro che cercano di ricostruire il loro paese e migliorare la vita dei suoi cittadini. Ha detto che Osman ha trascorso anni "aiutando il suo paese nel suo cammino verso la pace e la stabilità, e soddisfacendo i bisogni dei più vulnerabili di Mogadiscio".

Osman è stato un esplicito oppositore di al-Shabaab. Sulla scia di un attentato dinamitardo che ha ucciso quasi 600 persone a Mogadiscio nel 2017, aveva scritto un articolo sul Guardian sollecitando i somali a esprimersi contro il gruppo militante jihadi. "La lotta deve continuare, in tutto ciò che facciamo, dalla segnalazione di qualsiasi cosa sospetta alle forze di sicurezza all'educazione dei nostri ragazzi e ragazze, in modo che non siano vulnerabili alla violenta ideologia aliena di al-Shabaab", ha scritto nel suo precedente ruolo di ministro dell'informazione.

Osman, soprannominato ingegnere Yarisow ("Giovane ingegnere"), aveva cercato di ripulire la città e di ricostruire le sue infrastrutture danneggiate. Ben Fender, ambasciatore del Regno Unito in Somalia, si è impegnato ad aiutare a continuare l'opera di ricostruzione iniziata da Osman.

Al-Shabaab è stata cacciata da Mogadiscio nel 2011, ma la capitale è ancora regolarmente colpita dai militanti, che hanno mantenuto il controllo di ampie fasce di campagna. Abdinur Mohamed Ahmed, portavoce del presidente, ha detto che la morte del sindaco avrebbe unito i somali nella lotta contro l'estremismo. "Porgiamo le nostre condoglianze alla famiglia e agli amici del sindaco di Mogadiscio, Abdirahman Omar Osman, e condividiamo il nostro dolore per questa morte dolorosa con l'intera popolazione somala", ha detto in una dichiarazione. La missione degli Stati Uniti in Somalia in un tweet ha definito Osman "un partner eccellente e instancabile sostenitore del popolo di Mogadiscio e di tutti i somali". Il presidente della Somalia, Mohamed Abdullahi Mohamed, ha dichiarato tre giorni di lutto per il sindaco, ordinando che le bandiere siano sventolate a mezz'asta.

Terrorismo
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario