Mogadiscio, l'estremo sacrificio di un sindaco che voleva la pace

| Abdirahman Omar Omar Osman era un ingegnere britannico che aveva deciso di tornare in patria per aiutare gli eritrei contro i terroristi di Al Shabaab. Ucciso da un kamikaze. il dolore del figlio che studia a Londra

+ Miei preferiti

In Italia non ne ha parlato nessuno o quasi. Ma l’estremo sacrificio di un facoltoso cittadino britannico di origini eritree che aveva scelto di tornare nella sua patria d’origine, dilaniata da un perenne scontro tra fazioni e sotto il terrore dei guerriglieri islamici, per rivestire la carica di sindaco, dovrebbe aprire una riflessione sulla crisi africana, sempre più drammatica. Il sindaco è morto dopo essere stato ferito gravemente giorni fa in un attacco estremista al-Shabaab nel suo ufficio la scorsa settimana, ha annunciato il governo somalo.

Abdirahman Omar Omar Osman era un britannico naturalizzato che è tornato in Somalia per aiutare a ricostruire il paese dilaniato dalla guerra. Ha trascorso 17 anni nel Regno Unito, tra cui un periodo come dirigente del consiglio di Ealing, nella zona ovest di Londra.

E' morto giovedì scorso in Qatar, dove era stato trasportato per cure aeree dopo l'attacco del 24 luglio. I funzionari hanno detto che era stato in coma.

Suo figlio, Mohamed Omar, uno studente della Queen Mary University di Londra, ha detto: "Oggi il popolo di Mogadiscio perde il sindaco, ma io ho perso mio padre. Che Allah gli conceda il più alto grado di paradiso".

Osman è stato tra molte persone gravemente ferito quando un attentatore suicida donna ha fatto esplodere un ordigno all'interno del quartier generale del distretto di Banadir, che comprende Mogadiscio.

Sei persone, tra cui due commissari distrettuali e tre direttori, sono state uccise nell'esplosione. Non è chiaro come l'aggressore sia riuscito ad entrare nell'ufficio del sindaco, poiché i visitatori sono tenuti a passare attraverso almeno quattro metal detector.

La responsabilità dell'attacco è stata rivendicata da al-Shabaab, i militanti legati ad al-Qaida che hanno scatenato una mortale insurrezione contro il governo di Mogadiscio sostenuto dall'Occidente. Ha detto che stavano prendendo di mira l'inviato speciale delle Nazioni Unite James Swan, che era stato nell'edificio poche ore prima. Swan ha condannato l'attacco "atroce" contro coloro che cercano di ricostruire il loro paese e migliorare la vita dei suoi cittadini. Ha detto che Osman ha trascorso anni "aiutando il suo paese nel suo cammino verso la pace e la stabilità, e soddisfacendo i bisogni dei più vulnerabili di Mogadiscio".

Osman è stato un esplicito oppositore di al-Shabaab. Sulla scia di un attentato dinamitardo che ha ucciso quasi 600 persone a Mogadiscio nel 2017, aveva scritto un articolo sul Guardian sollecitando i somali a esprimersi contro il gruppo militante jihadi. "La lotta deve continuare, in tutto ciò che facciamo, dalla segnalazione di qualsiasi cosa sospetta alle forze di sicurezza all'educazione dei nostri ragazzi e ragazze, in modo che non siano vulnerabili alla violenta ideologia aliena di al-Shabaab", ha scritto nel suo precedente ruolo di ministro dell'informazione.

Osman, soprannominato ingegnere Yarisow ("Giovane ingegnere"), aveva cercato di ripulire la città e di ricostruire le sue infrastrutture danneggiate. Ben Fender, ambasciatore del Regno Unito in Somalia, si è impegnato ad aiutare a continuare l'opera di ricostruzione iniziata da Osman.

Al-Shabaab è stata cacciata da Mogadiscio nel 2011, ma la capitale è ancora regolarmente colpita dai militanti, che hanno mantenuto il controllo di ampie fasce di campagna. Abdinur Mohamed Ahmed, portavoce del presidente, ha detto che la morte del sindaco avrebbe unito i somali nella lotta contro l'estremismo. "Porgiamo le nostre condoglianze alla famiglia e agli amici del sindaco di Mogadiscio, Abdirahman Omar Osman, e condividiamo il nostro dolore per questa morte dolorosa con l'intera popolazione somala", ha detto in una dichiarazione. La missione degli Stati Uniti in Somalia in un tweet ha definito Osman "un partner eccellente e instancabile sostenitore del popolo di Mogadiscio e di tutti i somali". Il presidente della Somalia, Mohamed Abdullahi Mohamed, ha dichiarato tre giorni di lutto per il sindaco, ordinando che le bandiere siano sventolate a mezz'asta.

Terrorismo
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti