Nuove minacce a Charlie Hebdo

| Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”

+ Miei preferiti
Non è un caso, Al Qaeda ha aspettato l’11 settembre, data fatidica nella lotta contro l’Occidente, per tornare a minacciare “Charlie Hebdo”, il settimanale satirico francese vittima nel 7 gennaio 2015 di un violento attacco in cui morirono 12 persone.

La minaccia, diffusa attraverso il magazine “One Ummah” e intercettata da “Site”, un portale di monitoraggio delle attività jihadiste, è chiara e forte: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”, scrive il gruppo jihadista avvertendo che l’attacco del 2015 da parte dei due fratelli Kouachi “non è stato un incidente una tantum, e che Charlie Hebdo pagherà nuovamente a caro prezzo le proprie scelte”.

Il riferimento è alla scelta del settimanale di pubblicare nuovamente le vignette contro Maometto, accompagnata dalle parole di Patrick Pelloux, storico collaboratore: “Non cederemo mai alle minacce: Al Qaeda non vincerà, le democrazie saranno sempre più forti del terrore. Continueremo a dire quello che abbiamo da dire sul diritto e la laicità. È così e lo sarà per sempre: il fondamentalismo islamico è un fascismo che in Europa non l’avrà mai vinta”.

L’anniversario degli attacchi dell’11 settembre ha anche ridato voce all’Isis, che ha celebrato il “momento cruciale” nella storia islamica attraverso il proprio quotidiano “Naba”.

Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme