Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019

| Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa

+ Miei preferiti
È l’Onu ad alzare il livello di allarme: la minaccia terrorismo in Europa resta molto alta, e “Non sono da escludere nuovi attacchi entro la fine dell’anno”. La minaccia, che sta mettendo in allerta i sistemi di sicurezza di mezzo mondo, arriva da un report che ha analizzato le analisi di diversi servizi segreti di sicurezza, giungendo addirittura a quantificare le riserve finanziarie dell’Isis, l’autoproclamato stato Islamico, valutandole in una cifra che potrebbe essere compresa fra i 50 ed il 300 milioni di dollari, denaro nascosto fra Iraq e Siria. Quanto basta per scatenare l’inferno.

“L’attuale calo degli attacchi terroristici potrebbe non durare a lungo – spiega il rapporto – potrebbero essere in preparazione nuove stragi, magari in posti del tutto inattesi e attualmente meno sorvegliati”.

Numeri alla mano, anche le forze residue dell’Isis – malgrado i duri colpi inferti dalla colazione – sono valutate in circa 30mila uomini: “I loro piani futuri preoccupano a livello internazionale: alcuni, secondo quanto riportato dalle agenzie di intelligence, potrebbero unirsi ad al-Qaeda o dare vita a nuove coalizioni del terrore. Altri potrebbero fare la scelta di dedicarsi alla radicalizzazione di nuovi combattenti”. Il dato da leggere fra le righe è che anche se ufficialmente il califfato non esiste più a livello geografico, non sono stati cancellati i motivi che hanno potato alla sua nascita. A preoccupare è anche la radicalizzazione in atto nelle prigioni, specie fra i detenuti più emarginati, poveri e frustrati, a cui si aggiunge il prossimo rilascio di numerosi foreign fighters arrestati in patria dopo il rientro. Si parla di circa 6.000 europei che si sono uniti alle file dell’Isis o di altri gruppi terroristici, combattendo in Siria e Iraq: molti di loro sono stati uccisi, ma almeno 2.000 sono tornati in Europa. E quasi nessuno ha rinnegato il proprio passato.

“Quando avrà tempo e spazio per investire denaro per ricreare le proprie capacità operative, l’isis facilmente darà ordine di mettere in atto nuovi attacchi”.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani