Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019

| Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa

+ Miei preferiti
È l’Onu ad alzare il livello di allarme: la minaccia terrorismo in Europa resta molto alta, e “Non sono da escludere nuovi attacchi entro la fine dell’anno”. La minaccia, che sta mettendo in allerta i sistemi di sicurezza di mezzo mondo, arriva da un report che ha analizzato le analisi di diversi servizi segreti di sicurezza, giungendo addirittura a quantificare le riserve finanziarie dell’Isis, l’autoproclamato stato Islamico, valutandole in una cifra che potrebbe essere compresa fra i 50 ed il 300 milioni di dollari, denaro nascosto fra Iraq e Siria. Quanto basta per scatenare l’inferno.

“L’attuale calo degli attacchi terroristici potrebbe non durare a lungo – spiega il rapporto – potrebbero essere in preparazione nuove stragi, magari in posti del tutto inattesi e attualmente meno sorvegliati”.

Numeri alla mano, anche le forze residue dell’Isis – malgrado i duri colpi inferti dalla colazione – sono valutate in circa 30mila uomini: “I loro piani futuri preoccupano a livello internazionale: alcuni, secondo quanto riportato dalle agenzie di intelligence, potrebbero unirsi ad al-Qaeda o dare vita a nuove coalizioni del terrore. Altri potrebbero fare la scelta di dedicarsi alla radicalizzazione di nuovi combattenti”. Il dato da leggere fra le righe è che anche se ufficialmente il califfato non esiste più a livello geografico, non sono stati cancellati i motivi che hanno potato alla sua nascita. A preoccupare è anche la radicalizzazione in atto nelle prigioni, specie fra i detenuti più emarginati, poveri e frustrati, a cui si aggiunge il prossimo rilascio di numerosi foreign fighters arrestati in patria dopo il rientro. Si parla di circa 6.000 europei che si sono uniti alle file dell’Isis o di altri gruppi terroristici, combattendo in Siria e Iraq: molti di loro sono stati uccisi, ma almeno 2.000 sono tornati in Europa. E quasi nessuno ha rinnegato il proprio passato.

“Quando avrà tempo e spazio per investire denaro per ricreare le proprie capacità operative, l’isis facilmente darà ordine di mettere in atto nuovi attacchi”.

Terrorismo
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi