Primi contatti con i rapitori di Luca ed Edith

| L’ipotesi che va rafforzandosi è che il giovane vicentino e la sua fidanzata canadese siano nelle mani di un gruppo terroristico che pretende un riscatto. Il premier Trudeau rassicura la famiglia della ragazza: è ancora viva

+ Miei preferiti
A riaccendere le speranze sulla sorte di Luca Tacchetto e della sua compagna Edith Blais è stato il premier canadese Justin Trudeau: “Da ciò che mi è stato riferito, Edith è viva. Comprendiamo quanto terribile sia questa situazione per la famiglia, per la comunità e per tutto il Canada”. Alle domande dei giornalisti per conoscere ulteriori dettagli, Trudeau ha preferito rimanere sul vago, non chiarendo che tipo di azioni ha in atto il governo per riportare a casa la giovane, anche per non mettere a repentaglio la vita dei due ostaggi ed eventuali trattative in corso. Nelle stesse ore, il Ministro dello Sviluppo Internazionale Marie-Claude Bibeau e la sua collega degli Affari Esteri, Chrystia Freeland, hanno incontrato la madre e la sorella di Edith Blais. Al termine dell’incontro, il ministro Bibeau ha commentato con poche parole la domanda se è plausibile pensare ad un sequestro: “Tutte le opzioni sono ancora sul tavolo. La nostra è stata una conversazione tra “madri”: abbiamo parlato molto di Edith. La mamma e la sorella sono due donne straordinarie e molto forti, e credo che le azioni del nostro governo le abbiano rassicurate”.

Parole che smorzano un po’ la tensione per un’altra notizia poco incoraggiante che arriva dalle stesse zone: lo scorso mercoledì è stato ritrovato il cadavere crivellato di colpi di Kirk Woodman, un geologo canadese: lavorava per la “Vancouver Progress Mineral”, e quando era stato sequestrato da un gruppo di estremisti si trovava nei pressi della miniera di Tiabongou, a circa 20 km da Mansila, sempre in Burkina Faso.

Intanto si rafforza sempre più l’ipotesi che Luca ed Edith siano vittima di un rapimento: secondo alcune indiscrezioni, a Roma e Ottawa sarebbe una richiesta di riscatto, e sono in corso verifiche per stabilire l’attendibilità. Ma sembra ormai chiaro che i due giovani siano finiti nelle mani di un gruppo criminale che agisce nel Burkina Faso: insieme alla richiesta di denaro sarebbero state fornite anche le prove che i due ragazzi sono ancora vivi.

Sviluppi che, curiosamente, coincidono con le dimissioni in massa del premier del Burkina Faso, Paul Kaba Thiebe, e del suo esecutivo, senza fornire alcuna spiegazione. Secondo fonti non confermate, il Paese africano aspira ad una leadership più robusta per debellare le bande di terroristi che ormai agiscono alla luce del sole.

Luca Tacchetto ed Edith Blais sono scomparsi nel nulla lo scorso 15 dicembre, mentre si spostavano fra Bobo-Dioulasso e la capitale, Ouagadougou, per raggiunge la meta del loro viaggio: un progetto umanitario in Togo.

Terrorismo
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti