Riesplode il caso di Jihadi Jack

| L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza

+ Miei preferiti
È polemica in Gran Bretagna per le immagini di “Jihadi Jack”, l’ex studente di Oxford che aveva abbandonato la propria esistenza alto borghese per unirsi ai tagliagole dell’Isis e dichiararsi “nemico degli inglesi”. Catturato dalle forze curde mentre il califfato crollava, ha supplicato quasi subito le autorità per tornare a casa sua, assicurando che non aveva “alcuna intenzione di far saltare in aria i britannici”. Ma la legge sullo status di terrorista, ha permesso all’ex ministro degli Interni Sajid Javid di cancellargli la cittadinanza.

Jihadi Jack, al secolo Jack Letts, è finito al centro di un’inquadratura di un servizio dedicato alle carceri curde, dove migliaia di ex terroristi attendono di sapere cosa sarà del loro futuro. Nelle immagini Jack appare smagrito e sofferente sul pavimento di una prigione siriana affollata come non mai di ex terroristi in tuta arancione arrestati dalle milizie curde. Un documento che ha convinto i suoi genitori, John e Sally Letts, a chiedere ancora una volta clemenza per il loro ragazzo. La coppia, condannata (e poi scagionata) dall’Old Bailey di Londra per finanziamento al terrorismo poiché avevano tentato di inviare 223 sterline al proprio figlio, non ha mai risparmiato energie, tentando di convincere le autorità e l’opinione pubblica britannica che il loro ragazzo un po’ matto e credulone non ha mai fatto del male a nessuno, malgrado avesse affermato di non vedere l’ora di “tagliare la gola di qualche inglese”.

Il servizio non chiarisce il luogo in cui sono state girate le immagini: si tratta di una prigione segreta, presumibilmente città di Qamishli.

John e Sally, in diverse interviste rilasciate ai tabloid, chiedono al governo di riportare in patria Jack, per affrontare un processo per terrorismo nel loro paese, ma ancora una volta, il Ministero degli Interni ha respinto la richiesta. “È straziante vedere tuo figlio ridotto in questo modo e sentirsi così impotente. Abbiamo fatto pressioni sulla Croce Rossa per mesi per dirci com’è veramente il carcere in cui è rinchiuso. Ma si rifiutano sempre di commentare, dicendo che si tratta di informazioni che comprometterebbero il loro accesso nella struttura. Siamo certi che questo sia il modo migliore di affrontare un problema per la nostra democrazia?”.

Il mese scorso il deputato Tory Crispin Blunt, ex militare di carriera, ha incontrato Jihadi Jack chiedendo alla Gran Bretagna di alleviare l’onere che grava sul popolo curdo, rimpatriando i combattenti nati nel Regno Unito: “Il governo britannico dovrebbe assumersi la responsabilità dei nostri cittadini, e la soluzione non è certo togliere loro la cittadinanza. La situazione mostrata dalle foto è insostenibile: i prigionieri hanno diritto di essere giudicati attraverso un processo, e se non riusciamo a farli condannare dai tribunali abbiamo i mezzi per metterli sotto sorveglianza”.

Ma una fonte del Ministero degli Interni ha freddato ogni speranza: “Jihadi Jack ha scelto liberamente di unirsi a persone che odiano questo paese, odiano le nostre convinzioni e odiano il nostro stile di vita. I suoi genitori, che sono stati condannati dai tribunali britannici per aver finanziato il terrorismo, stanno sprecando il fiato. Gli inglesi rispettosi della legge penseranno che Jack Letts se l’è cavata, finendo in quella squallida prigione. Le migliaia di vittime degli amici terroristi di Jack non sono state altrettanto fortunate”.

Secondo alcune stime delle organizzazioni umanitarie, si ritiene che le forze curde abbiano in mano circa 60 cittadini britannici passati dell’ISIS, rinchiusi in diverse galere nella Siria settentrionale.

Galleria fotografica
Riesplode il caso di Jihadi Jack - immagine 1
Riesplode il caso di Jihadi Jack - immagine 2
Riesplode il caso di Jihadi Jack - immagine 3
Terrorismo
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario