"Riprendetevi la vostra spazzatura Isis"

| La Siria accusa il Regno Unito di non chiedere l'estradizione dei suoi cittadini combattenti Isis, responsabili di orrendi delitti, come Jihadi John e la cellula dei boia "The Beatles". "Non siamo la discarica dell'Europa"

+ Miei preferiti

“Noi non siamo una discarica per l’Europa e l’Inghilterra”. Le forze siriane chiedono che i jihadisti britannici catturati che hanno combattuto per l'ISIS siano estradati al più presto nel Regno Unito per affrontare il processo. Le forze lealiste nel paese devastato dalla guerra hanno già incriminato  i combattenti catturati e ora chiedono alla Gran Bretagna di riprenderseli o di creare un tribunale internazionale in Siria. La Siria non è una "discarica" per gli stranieri ritenuti un pericolo per il proprio paese, dicono.

Alexanda Amon Kotey, a sinistra, e El Shafee Elsheikh sono stati presumibilmente tra i quattro jihadisti britannici che hanno costituito la brutale cellula dello Stato islamico chiamata 'The Beatles'.

Hanno anche rivelato che i combattenti Isis in carcere - tra cui due membri della banda omicida dei Beatles - sono trattati meglio dei rifugiati perché hanno una TV e tre pasti caldi al giorno.

Attualmente sono sei i britannici attualmente detenuti tra i 795 prigionieri ISIS nel nord della Siria, riporta il Daily Mail. Ci sono anche mogli jihadiste britanniche e i loro figli detenuti in due campi, ma il Regno Unito si è finora rifiutato di chiederne l’estradizione e li ha (furbascamente) privati della cittadinanza.

Tuttavia, secondo fonti governative, vi sono prove sufficienti per trasportarli dinanzi ai tribunali britannici con accuse di terrorismo. Mustafa Bali, delle forze democratiche siriane, ha detto: "Ciò che comprendiamo è che gli europei pensano..... la sporcizia che avevano tra di loro è fuori e non la rivogliono indietro. Non vediamo il nostro Paese come una discarica e non li accettiamo. Il compromesso è quello di avere un tribunale qui e il tribunale può decidere del loro destino”. Egli ha sostenuto che c'è una "responsabilità morale per l'Europa di sostenere" le aree in cui il barbaro gruppo terroristico ha compiuto massacri. Jihadi John (nella foto), il miliziano che decapitava i prigionieri occidentali, è diventato il volto-simbolo del terrorismo Isis, ed era un cittadino britannico di seconda generazione, poi ucciso da un drone pochi mesi dopo le sue terrificanti imprese.

Bali ha anche lanciato un ultimatum al Regno Unito - o riportare i jihadisti britannici nel Regno Unito per affrontare il processo o creare un tribunale internazionale per processarli in Siria. Ha detto: "Se questi tribunali saranno costruiti, la paura di avere quei terroristi in Inghilterra sarà dissipata, dato che saranno processati qui”. Anche Nuri Mahmud, delle Unità di Protezione del Popolo guidate dai curdi, ha sostenuto gli appelli per il ritorno dei combattenti dell'ISIS britannica, esortando la Gran Bretagna ad "assumersi le proprie responsabilità” anche a proposito dei noti combattenti della cellula "th Beatles ISIS El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey, accusati di far parte del gruppo di boia di "Jihadi John" Mohammed Emwazi - sono stati a loro volta privati della cittadinanza britannica. Sono detenuti dalle milizie curde in Siria dopo essere stati catturati dopo la caduta della capitale dell'ISIS un anno fa.

 
Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano