Sangue sulla Pasqua

| Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”

+ Miei preferiti
Una strage pianificata con cura per il giorno di Pasqua: otto bombe e un bilancio drammatico che al momento parla di oltre 200 morti quasi 500 feriti, di cui molti “in condizioni critiche”. Fra le vittime anche 35 stranieri, a quanto si apprende di nazionalità americana, inglese e olandese, ma la Farnesina si è attivata, con la collaborazione dell’ambasciata italiana locale, per verificare la presenza di cittadini italiani. È stato anche attivato un numero per eventuali segnalazioni o per avere informazioni: 00390636225.

Il ministro della difesa, Ruwan Wijewardene, parlando in modo esplicito di “terrorismo religioso”, ha annunciato che i responsabili, almeno sette persone, “sono stati identificati e si sta procedendo all’arresto. Non daremo alcuna possibilità a questi gruppi di agire: prenderemo le misure necessarie e li perseguiremo, qualsiasi estremismo religioso seguano”. Gli fa eco il cardinale Malcom Ranjith, che auspica “punizioni senza pietà” per i responsabili.

Proprio per favorire le operazioni, il governo ha indetto il coprifuoco dalle 18 ora locale (le 14:30 in Italia) alle 6 dell’indomani mattina, con totale oscuramento dei social per evitare possibili comunicazioni fra le varie cellule terroristiche.

Le esplosioni in due diverse località del paese, a cominciare da Colombo, la capitale, dove sono state colpite tre chiese – il Santuario di Sant’Antonio, una a Begombo e una Batticaloa - e tre alberghi di lusso frequentati soprattutto da turisti stranieri, lo “Shanrgi-La”, il “Kingsbury Hotel” e il “Cinnamon Grand”, tutte avvenute in simultanea e almeno due per mano di kamikaze. Un’ora dopo la settimana esplosione a Dehiwala, un sobborgo, seguita da un’altra a Dematagoda. Al momento non c’è stata alcuna rivendicazione, anche se c’è motivo di credere che la mano sia quella del nazional Thowheeth Jamàath, gruppo radicale musulmano che si era già reso responsabile di atti vandalici contro alcune statue buddiste.

Una giornata che era nell’aria, quando il capo della polizia – raccogliendo segnalazioni dell’intelligence - aveva lanciato l’allarme per possibili attentati presso “chiese e luoghi di culto”.

Articoli correlati
Terrorismo
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Scoppiano le tensioni fra manifestanti e la polizia a Derry: uccisa una giornalista di 29 anni. Per la polizia si tratta di terrorismo
Bufera sulla presentazione della Balzerani
Bufera sulla presentazione della Balzerani
La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime
A processo in Germania una donna dell’Isis
A processo in Germania una donna dell’Isis
Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete