Sangue sulla Pasqua

| Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”

+ Miei preferiti
Una strage pianificata con cura per il giorno di Pasqua: otto bombe e un bilancio drammatico che al momento parla di oltre 200 morti quasi 500 feriti, di cui molti “in condizioni critiche”. Fra le vittime anche 35 stranieri, a quanto si apprende di nazionalità americana, inglese e olandese, ma la Farnesina si è attivata, con la collaborazione dell’ambasciata italiana locale, per verificare la presenza di cittadini italiani. È stato anche attivato un numero per eventuali segnalazioni o per avere informazioni: 00390636225.

Il ministro della difesa, Ruwan Wijewardene, parlando in modo esplicito di “terrorismo religioso”, ha annunciato che i responsabili, almeno sette persone, “sono stati identificati e si sta procedendo all’arresto. Non daremo alcuna possibilità a questi gruppi di agire: prenderemo le misure necessarie e li perseguiremo, qualsiasi estremismo religioso seguano”. Gli fa eco il cardinale Malcom Ranjith, che auspica “punizioni senza pietà” per i responsabili.

Proprio per favorire le operazioni, il governo ha indetto il coprifuoco dalle 18 ora locale (le 14:30 in Italia) alle 6 dell’indomani mattina, con totale oscuramento dei social per evitare possibili comunicazioni fra le varie cellule terroristiche.

Le esplosioni in due diverse località del paese, a cominciare da Colombo, la capitale, dove sono state colpite tre chiese – il Santuario di Sant’Antonio, una a Begombo e una Batticaloa - e tre alberghi di lusso frequentati soprattutto da turisti stranieri, lo “Shanrgi-La”, il “Kingsbury Hotel” e il “Cinnamon Grand”, tutte avvenute in simultanea e almeno due per mano di kamikaze. Un’ora dopo la settimana esplosione a Dehiwala, un sobborgo, seguita da un’altra a Dematagoda. Al momento non c’è stata alcuna rivendicazione, anche se c’è motivo di credere che la mano sia quella del nazional Thowheeth Jamàath, gruppo radicale musulmano che si era già reso responsabile di atti vandalici contro alcune statue buddiste.

Una giornata che era nell’aria, quando il capo della polizia – raccogliendo segnalazioni dell’intelligence - aveva lanciato l’allarme per possibili attentati presso “chiese e luoghi di culto”.

Articoli correlati
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà