Sergio Zanotti interrogato dal pm

| L’italiano liberato in Siria deve spiegare le modalità di un sequestro che per molti è risultato anomalo fin dall’inizio, nel 2016

+ Miei preferiti
Atterrato ieri sera intorno alle 23 all’aeroporto militare di Ciampino, Sergio Zanotti, l’imprenditore rilasciato tre anni dopo il suo sequestro, in queste ore sta rispondendo alle domande del pm Sergio Colaoiocco nella caserma dei Ros di Roma, in merito al fascicolo aperto per sequestro di persona con finalità di terrorismo.

È stato il premier Conte ad annunciare la liberazione dell’imprenditore italiano, di cui non si sapeva più nulla ma su cui i servizi segreti non avevano mai smesso di indagare. “Il nostro connazionale è in buone condizioni generali: il risultato è frutto di una complessa e delicata attività di intelligence, investigativa e diplomatica”.

La vicenda di Sergio Zanotti era apparsa come strana fin dall’inizio: la sua scomparsa in territorio siriano, al confine della Turchia, era stata annunciata nel novembre del 2016 da lui stesso attraverso un breve video in cui, vestito con la vestaglia araba, con la barba lunga e sotto la minaccia di uomini armati e incappucciati, raccontava di essere prigioniero da sette mesi in Siria: “Prego il governo italiano di intervenire prima di una mia eventuale esecuzione”.

Nativo di Merone, nel bresciano, 58 anni, cinque figli avuti da due matrimoni, montatore meccanico, è stato titolare di un’impresa edile che l’ha portato in galera per evasione fiscale. Non è mai stato chiarito per quale motivo fosse in Siria, e neanche quale fosse la richieste per la liberazione.

“Non ho mai dubito dubitato che fosse un vero sequestro”, ha commentato l’ex moglie.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani