Sergio Zanotti interrogato dal pm

| L’italiano liberato in Siria deve spiegare le modalità di un sequestro che per molti è risultato anomalo fin dall’inizio, nel 2016

+ Miei preferiti
Atterrato ieri sera intorno alle 23 all’aeroporto militare di Ciampino, Sergio Zanotti, l’imprenditore rilasciato tre anni dopo il suo sequestro, in queste ore sta rispondendo alle domande del pm Sergio Colaoiocco nella caserma dei Ros di Roma, in merito al fascicolo aperto per sequestro di persona con finalità di terrorismo.

È stato il premier Conte ad annunciare la liberazione dell’imprenditore italiano, di cui non si sapeva più nulla ma su cui i servizi segreti non avevano mai smesso di indagare. “Il nostro connazionale è in buone condizioni generali: il risultato è frutto di una complessa e delicata attività di intelligence, investigativa e diplomatica”.

La vicenda di Sergio Zanotti era apparsa come strana fin dall’inizio: la sua scomparsa in territorio siriano, al confine della Turchia, era stata annunciata nel novembre del 2016 da lui stesso attraverso un breve video in cui, vestito con la vestaglia araba, con la barba lunga e sotto la minaccia di uomini armati e incappucciati, raccontava di essere prigioniero da sette mesi in Siria: “Prego il governo italiano di intervenire prima di una mia eventuale esecuzione”.

Nativo di Merone, nel bresciano, 58 anni, cinque figli avuti da due matrimoni, montatore meccanico, è stato titolare di un’impresa edile che l’ha portato in galera per evasione fiscale. Non è mai stato chiarito per quale motivo fosse in Siria, e neanche quale fosse la richieste per la liberazione.

“Non ho mai dubito dubitato che fosse un vero sequestro”, ha commentato l’ex moglie.

Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne