Si avvicina la cattura di al-Zawahiri

| Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani

+ Miei preferiti
In mezzo a tanti disastri mondiali, una buona notizia: secondo l’intelligence britannica, i colloqui di pace fra americani e talebani potrebbero concludersi con un pacco dono: la consegna di Ayman al-Zawahiri.

Secondo alcune indiscrezioni, lo spietato terrorista egiziano, braccio destro e successore di Osama Bin Laden alla guida di Al-Qaeda, sul cui capo pende una taglia da 20 milioni di dollari per il diretto coinvolgimento negli attentati dell’11 settembre 2001, farebbe parte dell’accordo in base al quale i Talebani accettano di tagliare i legami con il terrorismo islamico aprendo ai colloqui di pace con gli altri gruppi afghani. In cambio, gli Stati Uniti rimuoverebbero le truppe dal Paese.

L’ex chirurgo guida un gruppo di oltre 40.000 jihadisti e la sua ultima apparizione risale al 2014, in un video in cui inneggiava alla rinascita di Al-Qaeda in India.

Attualmente, Al Zawahiri sarebbe stato localizzato al confine tra Pakistan e Afghanistan, una zona controllata dai talebani, che potrebbero costringere le sue guardie del corpo a consegnarlo, mettendo fine ad una caccia all’uomo della CIA durata 18 anni.

A darne notizia un ex agente dell’Mi6 britannica : “Essendo uno degli architetti dell’11 settembre, la sua cattura sarebbe un enorme vantaggio per Trump”.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese