Si avvicina la cattura di al-Zawahiri

| Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani

+ Miei preferiti
In mezzo a tanti disastri mondiali, una buona notizia: secondo l’intelligence britannica, i colloqui di pace fra americani e talebani potrebbero concludersi con un pacco dono: la consegna di Ayman al-Zawahiri.

Secondo alcune indiscrezioni, lo spietato terrorista egiziano, braccio destro e successore di Osama Bin Laden alla guida di Al-Qaeda, sul cui capo pende una taglia da 20 milioni di dollari per il diretto coinvolgimento negli attentati dell’11 settembre 2001, farebbe parte dell’accordo in base al quale i Talebani accettano di tagliare i legami con il terrorismo islamico aprendo ai colloqui di pace con gli altri gruppi afghani. In cambio, gli Stati Uniti rimuoverebbero le truppe dal Paese.

L’ex chirurgo guida un gruppo di oltre 40.000 jihadisti e la sua ultima apparizione risale al 2014, in un video in cui inneggiava alla rinascita di Al-Qaeda in India.

Attualmente, Al Zawahiri sarebbe stato localizzato al confine tra Pakistan e Afghanistan, una zona controllata dai talebani, che potrebbero costringere le sue guardie del corpo a consegnarlo, mettendo fine ad una caccia all’uomo della CIA durata 18 anni.

A darne notizia un ex agente dell’Mi6 britannica : “Essendo uno degli architetti dell’11 settembre, la sua cattura sarebbe un enorme vantaggio per Trump”.

Terrorismo
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti