Strage di Bologna
nuove prove in un filmato

| Le immagini, girate da un turista tedesco, riprenderebbero Paolo Bellini, “l’aviere” di Avanguardia Nazionale citato in intercettazioni che avrebbe avuto il compito di piazzare l’esplosivo

+ Miei preferiti
La mattina del 2 agosto 1980, alla stazione di Bologna, un turista tedesco filma qualche scena in Super 8. Quei pochi frammenti di immagini, quasi quarant’anni dopo, potrebbero essere la prova mancante della strage costata la vita a 85 persone innocenti. I fotogrammi avrebbero ripreso un uomo con i baffi molto somigliante a Paolo Bellini, ex esponente di Avanguardia Nazionale, l’organizzazione neofascista e golpista fondata da Stefano Delle Chiaie che avrebbe fornito la logistica alla banda Fioravanti. La somiglianza è impressionante, ma non basta a farne una prova: la Procura Generale di Bologna ha comunque deciso di approfondire chiedendo la revoca del proscioglimento per Bellini, risalente al 1992, e avviare un riconoscimento antropometrico.

Non è l’unica prova nuova che si aggiunge alla storia infinita della strage alla stazione di Bologna, fra le novità ci sarebbe anche un’intercettazione telefonica risalente al 1996, in cui Carlo Maria Maggi, uno dei capi di Ordine Nuovo, condannato all’ergastolo come mandante delle stragi del 1969 a piazza Fontana e di piazza della Loggia, a Brescia (1979) e morto lo scorso dicembre, avrebbe confidato ad un familiare che la mattanza di Bologna fu opera della banda Fioravanti e che all’attentato avrebbe partecipato un “aviere”, a cui era spettato il compito di trasportare la bomba. L’aviere era il soprannome di Paolo Bellini, appassionato di volo con tanto di brevetto. Per finire con il terzo passaggio di questa nuova costola della vicenda, racchiusa nei documenti della “trattativa Stato-Mafia” in cui emergerebbero gli stretti rapporti tra Bellini e Sergio Picciafuoco, criminale comune con condanne per furto e ricettazione, assolto nel 1997 dal coinvolgimento nella strage di Bologna, ma anch’egli presente alla stazione il 2 agosto del 1980, finito addirittura nell’elenco dei feriti.

Per la strage di Bologna sono stati condannati, con sentenza passata in giudicato, Giusta Fioravanti, la sua compagna Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, condannato a 30 anni di carcere per il ruolo di complice ma non di esecutore dell’attentato. L’11 aprile 2007, la seconda sezione penale della Suprema Corte aveva confermato la sentenza della sezione minori della Corte d’appello di Bologna e la relativa condanna a 30 anni di reclusione per la strage di Bologna. Dal 23 marzo del 2009 Ciavardini è in stato di semilibertà.

Dopo il nome di Gilberto Cavallini, 66enne, veneto, ex terrorista dei Nar, pluri-assassino e killer del giudice Amato, il nome di Paolo Bellini sarebbe utile a chiudere il cerchio sul nucleo di attentatori e complici della strage. Nel corso delle indagini furono scoperti, scrive la Cassazione, “indizi univoci e concordanti” sulla sua partecipazione alla fase esecutiva dell’attentato. Cavallini si è dichiarato innocente.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani