Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti

| Azione anti-immigrati e anti-Islam a Christchurch, Nuova Zelanda. Uno dei killer gira video della strage. Catturati 4 attentatori, c'è una donna. il capo è un australiano, Brant Tarrant. Manifesto sui social. Tra gli "eroi" anche Luca Trai

+ Miei preferiti

MICHAEL O' BRIEN

Sui caricatori delle armi automatiche usate dai terroristi erano stati scritti i nomi dei killer anti migranti e anti musulmani, compreso quello di Luca Traini, il ternano che dopo l’omicidio di Pamela Mastrogiacomo, il cui cadavere era stato fatto a pezzi da un nigerrano, aveva sparato a caso contro alcuni immigrati, ferendoli.  Lo scopo è chiaro: creare le condizioni per uno scontro armato su base religiosa. L’azione di queste ore, nei piani deliranti dei suprematisti, dovrebbe innescare una sezione violenta da parte degli estremisti islamici, in modo da creare il presupposto di un conflitto globale, “Abbiamo scelto di colpire in Nuova Zelanda per dimostrare che non esiste un angolo del pianeta dove  non possiamo entrare in azione contro musulmani e immigrati”, hanno precisato gli attentatori, tutti arrestati, compreso il capo, il 28enne Brent Tarrant.

Uno dei frame girati dai killer durante l'attacco


Uno dei killer (nella foto poco prima aveva postato sui social un manifesto di 87 pagine "anti-immigrati e anti-musulmani”, poco prima di scendere in strada per uccidere il maggior numero di musulmani in preghiera nelle due moschee prese di mira a Christchurch.  E’ la stessa tecnica dei terroristi Isis ma questa volto a firmare la strage, oltre 40 morti, sarebbe un nucleo di supramatisti bianchi guidati da un cittadino australiano. Quattro gli arresti, tra cui una donna.  Lui ha tra i 30 e i 40 anni e indossava un'uniforme militare quando ha aperto il fuoco. Ha girato un video e si vede chiaramente quando inizia a fare fuoco all’interno della moschea, mentre le vittime colpite da una pioggia di proiettili urlavano terrorizzate. Costui sarebbe in cella. E’ accaduto alle 13.40 ora locale - l'1.40 del mattino in Italia - in due moschee della città di Christchurch, Al Noor e Masijd, nella città di 367 mila abitanti, in Nuova Zelanda. Nella prima c’erano 250 persone in preghiera, poi  il secondo assalto alla moschea di Masjid nel sobborgo di Linwood. A sparare sarebbe stato un commando formato da 3 uomini e una donna, che la polizia è successivamente riuscita a fermare. Sono state disinnescati nove ordigni esplosivi rudimentali sistemati su altrettante auto piazzate in luoghi strategici. "Il ritrovamento di esplosivi sottolinea la serietà dell’attacco”, forse l’obiettivo erano anche  giovani che stavano per partecipare alla manifestazione per il clima convocata dagli studenti, annulla per motivi di sicurezza. Video e manifesto sono stati rimossi da tweet e da Facebook, dopo l’intervento del governo neozelandese che ne aveva chiesto l’immediata cancellazione.

"La polizia della Nuova Zelanda ci aveva allertato relativamente al video su Facebook poco dopo l'inizio dello streaming live e noi abbiamo velocemente rimosso sia il video e sia gli account Facebook e Instagram dell'attentatore", ha precisato la portavoce di Facebook.

Il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinta Arden, ha rivolto un messaggio alla nazione su tutte le reti tv: "Un atto di violenza senza precedenti, è uno dei giorni più bui della Nuova Zelanda”, invitando i cittadini a non cedere alla panico e a collaborare con le forze dell’ordine. Infine la solidarietà alle comunità islamiche “così duramente colpite”.

Video
Video
Galleria fotografica
Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti - immagine 1
Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti - immagine 2
Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti - immagine 3
Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti - immagine 4
Strage di islamici in moschea, oltre 50 morti decine di feriti - immagine 5
Terrorismo
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”