Teste mozzate di 53 donne Yazide trovate a Baghouz

| Uccise in modo rituale dai miliziani ISIS. Ragazze rapite e costrette a prostituirsi per gli aspiranti "martiri". Le hanno scoperte in un tunnel gli incursori del SAS britannico, ora sotto choc. Caccia agli islamici assassini

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Quando il capitano Willard e i sopravvissuti del lungo viaggio sul fiume Nang in Vitetnam, entrarono nel campo del colonnello Kurtz, fu come l’inferno dantesco. Le luci grigiastre, le acque scure, le teste mozzate, i corpi appesi ai rami e alle colonne, una triste folla di uomini e donne sofferenti e quasi ipnotizzatI, incoscienti, dispersi lungo le rive e i templi immersi nella giungla. E’ una delle scene entrate nella storia del cinema, l'atto finale di Apocalypse Now, il film sulla guerra del Vietnam creato dal regista Francis Ford Coppola nel 1969, con uno straordinario Marlon Brando nella parte del temibile colonnello Kurtz. Adesso quell'incubo è tornato oggi, nel 2019, quando gli incursori inglesi del SAS si sono imbattuti in 53 teste mozzate di donne yazide (nella foto una fossa comune scoperta due mesi fa), accatastate all’interno di un tunnel sotterraneo sotto le ultime roccaforti dell’Isis, a Baghouz, Siria.

MA QUALE DIO HA ISPIRATO GLI ASSASSINI?

In nome di quale Dio questi uomini pervertiti dal radicalismo islamico hanno potuto compiere un gesto così atroce lo si può solo immaginare. I soldati sono rimasti sotto choc. Le vittime erano donne yazide, rapite mesi fa alle loro famiglie e costrette a prostituirsi per i miliziani in attesa del "martirio", e dunque alla fine uccise in modo rituale per cancellarne ogni traccia del loro terribile calvario. Le teste erano state gettate in una discarica per rifiuti nel labirinto di tunnel che proteggevano l’ultimo rifugio del Califfato, vicino al confine iracheno.

“Nell'ora della sconfitta, la crudeltà dei jihadisti non conosceva limiti. Hanno condotto un vile massacro di queste donne disperatamente sfortunate come atto finale di depravazione e hanno lasciato le loro teste mozzate in modo che le trovassimo. La motivazione di un atto così disgustoso è incomprensibile per un essere umano così poco normale..... Nessuno dei soldati del SAS che sono entrati a Baghuz dimenticherà quello che hanno visto, che alcuni soldati hanno paragonato a una scena del film 'Apocalypse Now'. Il loro unico conforto, la loro unica consolazione è che hanno contribuito a porre fine a a un massacro così orrendo", ha detto una fonte dell'Esercito britannico. 

MILIZIANI CONFUSI TRA I PROFUGHI

 Gli incursori SAS avevano appena concluso un rastrellamento dopo uno uno scontro a fuoco particolarmente intenso e definitivo, costringendo i jihadisti alla fuga e alla resa. Un funzionario delle Forze Democratiche Siriane (SDF), sostenute dagli Stati Uniti, ha detto che oltre 1.000 jihadisti stranieri potrebbero essersi ancora confusi tra i civili a Baghouz, ”Ci si aspetta che ci siano tunnel ancora da scoprire, anche stanze sotterranee - ha detto il portavoce della SDF Mustafa Bali - Questo ci crea un problema militare". E si tenta di cercare e catturare gli autori del massacro di quelle donne innocenti. Non meritano alcuna pietà. 

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese