Torna in cella Ternera leader ETA

| Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco

+ Miei preferiti

L'ultomo capo dell'Eta, Josu Ternera, 69 anni, di cui la giustizia francese aveva decretato l'immediata liberazione in Francia per motivi di salute, è stato nuovamente arrestato dalle autorità francesi dopo una richiesta di estradizione della Spagna: è quanto affermano fonti giudiziarie citate dall'agenzia France Presse. Detenuto in una prigione di Parigi, dopo il suo arresto a metà maggio in Francia, è stato posto nuovamente in detenzione provvisoria presso la Direzione Generale della Sicurezza Interna (Dgsi), su richiesta della procura generale di Parigi.

Ternera è stato uno dei capi dell’ETA, presunto autore o complice dei più sanguinosi attentati dell’organizzazione terroristi basca, e si è occupato delle operazioni a Biscaglia fino a quando l’organizzazione non divenne clandestina. Nel maggio 1971 fuggì a Franca, in Brasile, dove entrò a far parte del fronte militare dell’organizzazione. Nel luglio 1972 partecipa alle riunioni dell'ETA a Madrid. Il 15 luglio 1972, rapinò la fabbrica di Orbegozo a Hernani (Guipúzcoa), bottino quattro milioni di pesetas.

Il 28 luglio 1972, Ternera fu coinvolto nell’assalto di un furgone che trasportava valuta estera per la Banca di Biscaglia nel villaggio di Pasajes (Guipúzcoa), sequestrando più di 12 miliardi di pesetas. Il 6 dicembre 1972, partecipò ad un attacco alla Union House di Hernani.

Il 21 gennaio 1973, insieme ad altri membri dell'ETA, controllava una polveriera con più di 3.000 chilogrammi di dinamite e vari materiali esplosivi per pianificare gli attacchi. Parte di questi esplosivi furono usati nel dicembre 1973 per uccidere Luis Carrero Blanco, che fu Primo Ministro spagnolo durante il governo di Franco.

In seguito assunse la responsabilità del fronte militare Eustakio Mendizábal Benito. Nel gennaio 1989, è stato arrestato a Bayonne con Elena Beloki, leader di Herri Batasuna, che è stato poi riconosciuto come l'organizzatore dell'apparato internazionale dell'ETA. Fu inviato nella prigione di Fresnes, vicino a Parigi. In seguito è stato estradato in Spagna, dove è stato liberato quando si è ritenuto che fosse stato giudicato in Francia per quanto riguarda la sua adesione e il finanziamento dell'ETA e per gli altri crimini di cui era stato accusato.

Fu chiamato a testimoniare in due occasioni davanti alla Corte Suprema, che indagò se Ternera aveva emesso l'ordine che l'ETA attaccasse i quartieri della Guardia Civil di Saragozza nel 1987, un attacco in cui morirono undici persone, tra cui cinque bambini. Il 26 ottobre 1990 è stato riconosciuto colpevole e condannato a dieci anni di carcere per cospirazione, uso di documenti falsi e detenzione illegale di armi. L'ex membro dell'ETA Juan Manuel Suárez Gamboa ha riconosciuto che "Josu Ternera" era uno dei principali leader dell'ETA.

Dal 2002 era un latitante. È stato, in ultimo, arrestato in Francia il 16 maggio 2019.

Terrorismo
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore