Torna in cella Ternera leader ETA

| Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco

+ Miei preferiti

L'ultomo capo dell'Eta, Josu Ternera, 69 anni, di cui la giustizia francese aveva decretato l'immediata liberazione in Francia per motivi di salute, è stato nuovamente arrestato dalle autorità francesi dopo una richiesta di estradizione della Spagna: è quanto affermano fonti giudiziarie citate dall'agenzia France Presse. Detenuto in una prigione di Parigi, dopo il suo arresto a metà maggio in Francia, è stato posto nuovamente in detenzione provvisoria presso la Direzione Generale della Sicurezza Interna (Dgsi), su richiesta della procura generale di Parigi.

Ternera è stato uno dei capi dell’ETA, presunto autore o complice dei più sanguinosi attentati dell’organizzazione terroristi basca, e si è occupato delle operazioni a Biscaglia fino a quando l’organizzazione non divenne clandestina. Nel maggio 1971 fuggì a Franca, in Brasile, dove entrò a far parte del fronte militare dell’organizzazione. Nel luglio 1972 partecipa alle riunioni dell'ETA a Madrid. Il 15 luglio 1972, rapinò la fabbrica di Orbegozo a Hernani (Guipúzcoa), bottino quattro milioni di pesetas.

Il 28 luglio 1972, Ternera fu coinvolto nell’assalto di un furgone che trasportava valuta estera per la Banca di Biscaglia nel villaggio di Pasajes (Guipúzcoa), sequestrando più di 12 miliardi di pesetas. Il 6 dicembre 1972, partecipò ad un attacco alla Union House di Hernani.

Il 21 gennaio 1973, insieme ad altri membri dell'ETA, controllava una polveriera con più di 3.000 chilogrammi di dinamite e vari materiali esplosivi per pianificare gli attacchi. Parte di questi esplosivi furono usati nel dicembre 1973 per uccidere Luis Carrero Blanco, che fu Primo Ministro spagnolo durante il governo di Franco.

In seguito assunse la responsabilità del fronte militare Eustakio Mendizábal Benito. Nel gennaio 1989, è stato arrestato a Bayonne con Elena Beloki, leader di Herri Batasuna, che è stato poi riconosciuto come l'organizzatore dell'apparato internazionale dell'ETA. Fu inviato nella prigione di Fresnes, vicino a Parigi. In seguito è stato estradato in Spagna, dove è stato liberato quando si è ritenuto che fosse stato giudicato in Francia per quanto riguarda la sua adesione e il finanziamento dell'ETA e per gli altri crimini di cui era stato accusato.

Fu chiamato a testimoniare in due occasioni davanti alla Corte Suprema, che indagò se Ternera aveva emesso l'ordine che l'ETA attaccasse i quartieri della Guardia Civil di Saragozza nel 1987, un attacco in cui morirono undici persone, tra cui cinque bambini. Il 26 ottobre 1990 è stato riconosciuto colpevole e condannato a dieci anni di carcere per cospirazione, uso di documenti falsi e detenzione illegale di armi. L'ex membro dell'ETA Juan Manuel Suárez Gamboa ha riconosciuto che "Josu Ternera" era uno dei principali leader dell'ETA.

Dal 2002 era un latitante. È stato, in ultimo, arrestato in Francia il 16 maggio 2019.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese