Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione

| Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese

+ Miei preferiti
Preoccupano ma non chiariscono, i primi risultati delle indagini sul pacco bomba esploso venerdì in rue Victor-Hugo, nel centro di Lione: l’involucro conteneva chiodi, viti e biglie in metallo che hanno ferito 13 persone, tutt’ora ricoverate in ospedale ma nessuna in pericolo di vita. La presenza di una pila elettrica e di un circuito stampato hanno svelato un primo dato inquietante: il congegno è stato manovrato a distanza con un telecomando. Secondo quanto rivela “France Info”, proprio in queste ore la procura anti terrorismo di Parigi avrebbe individuato la presenza di perossido di acetone, la temibile “madre di Satana”, esplosivo ampiamente utilizzato dall’Isis negli attentati di Parigi del 2015, di Bruxelles dell’anno successivo e a Manchester nel 2017, al termine del concerto di Ariana Grande. Conosciuto come “Tapt”, si tratta di un ordigno con potere esplosivo superiore alla dinamite, preparato mescolando tra loro ingredienti che si trovano in vendita nei supermercati, ma estremamente pericoloso perché instabile e difficilmente individuabile. Ma c’è un particolare che non è di aiuto alle indagini: le tracce della ‘madre di Satana’ sarebbero minime, e questo porta alla conclusione che non ci fosse la reale intenzione di uccidere, allontanando almeno al momento l’ipotesi di un attentato di matrice jiadista.



Continua intanto la caccia al presunto attentare, un uomo sulla trentina con il volto coperto che in sella ad una bicicletta sarebbe stato visto lasciare il pacco prima di allontanarsi. La “Police Nationale” ha diffuso un’immagine ripresa dalle telecamere di sicurezza, mentre si apprende che sui resti dell’ordigno sarebbe anche stata isolata una traccia di Dna. Al momento, non c’è stata alcuna rivendicazione.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione - immagine 1
Terrorismo
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa