Trump conferma: al-Baghdadi è morto

| Una lunga conferenza stampa in cui il presidente ha svelato i dettagli dell’operazione, lodando i paesi che hanno aiutato l’America e bacchettando quelli che hanno preferito rimanere fuori dalla lotta al terrorismo

+ Miei preferiti
“I risultati dei test del Dna effettuati sul posto dai tecnici che erano con i nostri militari hanno confermato: il corpo è quello di al-Baghdadi”. L’ufficialità arriva dalla Diplomatic Reception Room della Casa Bianca, dove Donald Trump scaccia per qualche ora le nuvole nere che si addensano sulla sua testa per appuntarsi una medaglia che ha lo stesso valore simbolico di quella che nel 2011 era finita sul petto del suo predecessore Barack Obama, quando comunicò che Osama Bin Laden era stato ucciso. Anzi, secondo la retorica trionfalista di Trump, “al-Baghdadi era perfino più importante. Un uomo che aveva costruito un intero califfato”.

Nella conferenza stampa, il presidente americano ricostruisce le fasi dell’attacco, seguito in diretta nella “Situation Room” accanto al suo vice Mike Pence, al consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien, il segretario per la difesa Mark Esper, il capo di stato maggiore interforze Mark Milley e il vice direttore delle operazioni speciali Marcus Evans: “Siamo atterrati con otto elicotteri e le squadre non sono entrate dall’ingresso principale perché sapevano che c’era esplosivo. Nel tunnel a-Baghdadi era rimasto da solo, molti dei suoi seguaci sono stati uccisi o si sono arresi, e abbiamo recuperato documenti su piani e obiettivi futuri dell’organizzazione terroristica, esattamente quello che volevamo”.

Il califfo, definito “un uomo malato, depravato e violento, è morto come un codardo, correndo e piangendo. Insieme a lui c’erano due mogli che indossavano giubbotti esplosivi che non sono esplosi, ma sono morte comunque. Al-Baghdadi si è fatto saltare in aria in un tunnel dove era rimasto intrappolato e ha ucciso tre dei suoi figli che erano con lui. Numerosi anche i terroristi dell’Isis uccisi nel corso del blitz. I nostri soldati hanno dovuto rimuovere le macerie per arrivare al corpo, perché con l’esplosione era crollata la galleria dove si era nascosto. Abbiamo scoperto dove si nascondeva più o meno nello stesso periodo in cui abbiamo deciso di ritirare i soldati dalla Siria, e preparavamo l’operazione da tre giorni. La parte più difficile della missione è stato arrivare a andare via, ma nessuno dei nostri è rimasto ferito, nonostante un livello di fuoco da non credere: avevamo anche un robot da mandare nei tunnel in via precauzionale. Quando usiamo la nostra intelligence in modo corretto, è fantastica”.

Poi Trump si toglie qualche sassolino dalle scarpe: “Abbiamo informato la Turchia, sono stati eccezionali, e sorvolato parte del loro territorio. Un raid impeccabile reso possibile dall’aiuto di Russia, Turchia, Siria, Iraq e curdi siriani. Nella lotta all’Isis i paesi europei sono stati una grande delusione: i miei hanno fatto un sacco di telefonate a Francia, Germania e Regno Unito dicendo di riprendersi i loro combattenti, ma non vogliono. Continueremo a dare la caccia agli ultimi focolari dell’Isis: sono dei perdenti che non avevano alcuna idea di quello in cui si sono cacciati. Ora vogliamo che i nostri soldati tornino a casa e combattano per qualcosa di sensato: non vogliamo tenere le truppe in Siria per il resto della nostra vita. Siria e Turchia devono decidere per conto loro”.

L’ultima stoccata, Trump la riserva a Nancy Pelosi, lo speaker della camera che ha dato il via alle procedure di impeachment nei suoi confronti: “Non l’ho avvisata, come sapete Washington è regina nella fuga di notizie e non ci siamo fidati di notificare nulla fino a quando il blitz non è finito”.

Soddisfazione anche da Mark Esper, ministro della difesa: “è un grande giorno per l’America e il mondo intero. Conosciamo il successore di al-Baghdadi: il suo nome è già nei nostri sistemi”.

Gli esperti in terrorismo internazionale tendono ad essere meno certi che la morte del califfo significhi la parola fine alla stagione terrorismo internazionale. Facilmente, il movimento tornerà a colpire ed è immaginabile che voglia farlo proprio adesso, come conseguenza della morte del leader. Secondo alcune fonti, proprio in queste ore gli organismi di intelligence occidentali hanno alzato il livello di allerta.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese