Trump conferma: al-Baghdadi è morto

| Una lunga conferenza stampa in cui il presidente ha svelato i dettagli dell’operazione, lodando i paesi che hanno aiutato l’America e bacchettando quelli che hanno preferito rimanere fuori dalla lotta al terrorismo

+ Miei preferiti
“I risultati dei test del Dna effettuati sul posto dai tecnici che erano con i nostri militari hanno confermato: il corpo è quello di al-Baghdadi”. L’ufficialità arriva dalla Diplomatic Reception Room della Casa Bianca, dove Donald Trump scaccia per qualche ora le nuvole nere che si addensano sulla sua testa per appuntarsi una medaglia che ha lo stesso valore simbolico di quella che nel 2011 era finita sul petto del suo predecessore Barack Obama, quando comunicò che Osama Bin Laden era stato ucciso. Anzi, secondo la retorica trionfalista di Trump, “al-Baghdadi era perfino più importante. Un uomo che aveva costruito un intero califfato”.

Nella conferenza stampa, il presidente americano ricostruisce le fasi dell’attacco, seguito in diretta nella “Situation Room” accanto al suo vice Mike Pence, al consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien, il segretario per la difesa Mark Esper, il capo di stato maggiore interforze Mark Milley e il vice direttore delle operazioni speciali Marcus Evans: “Siamo atterrati con otto elicotteri e le squadre non sono entrate dall’ingresso principale perché sapevano che c’era esplosivo. Nel tunnel a-Baghdadi era rimasto da solo, molti dei suoi seguaci sono stati uccisi o si sono arresi, e abbiamo recuperato documenti su piani e obiettivi futuri dell’organizzazione terroristica, esattamente quello che volevamo”.

Il califfo, definito “un uomo malato, depravato e violento, è morto come un codardo, correndo e piangendo. Insieme a lui c’erano due mogli che indossavano giubbotti esplosivi che non sono esplosi, ma sono morte comunque. Al-Baghdadi si è fatto saltare in aria in un tunnel dove era rimasto intrappolato e ha ucciso tre dei suoi figli che erano con lui. Numerosi anche i terroristi dell’Isis uccisi nel corso del blitz. I nostri soldati hanno dovuto rimuovere le macerie per arrivare al corpo, perché con l’esplosione era crollata la galleria dove si era nascosto. Abbiamo scoperto dove si nascondeva più o meno nello stesso periodo in cui abbiamo deciso di ritirare i soldati dalla Siria, e preparavamo l’operazione da tre giorni. La parte più difficile della missione è stato arrivare a andare via, ma nessuno dei nostri è rimasto ferito, nonostante un livello di fuoco da non credere: avevamo anche un robot da mandare nei tunnel in via precauzionale. Quando usiamo la nostra intelligence in modo corretto, è fantastica”.

Poi Trump si toglie qualche sassolino dalle scarpe: “Abbiamo informato la Turchia, sono stati eccezionali, e sorvolato parte del loro territorio. Un raid impeccabile reso possibile dall’aiuto di Russia, Turchia, Siria, Iraq e curdi siriani. Nella lotta all’Isis i paesi europei sono stati una grande delusione: i miei hanno fatto un sacco di telefonate a Francia, Germania e Regno Unito dicendo di riprendersi i loro combattenti, ma non vogliono. Continueremo a dare la caccia agli ultimi focolari dell’Isis: sono dei perdenti che non avevano alcuna idea di quello in cui si sono cacciati. Ora vogliamo che i nostri soldati tornino a casa e combattano per qualcosa di sensato: non vogliamo tenere le truppe in Siria per il resto della nostra vita. Siria e Turchia devono decidere per conto loro”.

L’ultima stoccata, Trump la riserva a Nancy Pelosi, lo speaker della camera che ha dato il via alle procedure di impeachment nei suoi confronti: “Non l’ho avvisata, come sapete Washington è regina nella fuga di notizie e non ci siamo fidati di notificare nulla fino a quando il blitz non è finito”.

Soddisfazione anche da Mark Esper, ministro della difesa: “è un grande giorno per l’America e il mondo intero. Conosciamo il successore di al-Baghdadi: il suo nome è già nei nostri sistemi”.

Gli esperti in terrorismo internazionale tendono ad essere meno certi che la morte del califfo significhi la parola fine alla stagione terrorismo internazionale. Facilmente, il movimento tornerà a colpire ed è immaginabile che voglia farlo proprio adesso, come conseguenza della morte del leader. Secondo alcune fonti, proprio in queste ore gli organismi di intelligence occidentali hanno alzato il livello di allerta.

Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne