"Tutti gli ebrei devono morire"

| Identificato il killer che ha sparato nella sinagoga di Pittsburgh, ora i morti sono 10. S'è arreso alla polizia, è un estremista di destra. Il governatore: "Basta armi". Feriti 3 agenti. in un tweet: "Sto per andare a uccidere"

+ Miei preferiti

Dopo parecchio ore le autorità  di Pittsburgh hanno definito in modo preciso l’attacco alla sinagoga costato 10 morti e numerosi feriti, alcuni gravi. Non c’è dubbio sulla matrice anti-ebraica. L’attentatore che s’è arreso alla polizia ha detto “Tutti gli ebrei devono morire”.

Robert Bowers


L’attentato è avvenuto nella Sinagoga dell'Albero della Vita a Squirrel Hill. Le autorità hanno chiuso l'angolo dei viali Wikins e Shady per sicurezza. Si temeva che l’uomo armato avesse die complici. Due persone finite sotto tiro sono rimaste illese.  Dopo circa 30 minuti, il killer, Robert Bowers, un maschio bianco, si è arreso. Indossava una maglietta rossa e un paio di jeans chiari rossa. Durante la sua resa, la polizia ha riferito sullo scanner che ha detto che "tutti gli ebrei hanno bisogno di morire”. Il sindaco di Pittsburgh Bill Peduto ha twittato che anche tre agenti sono stati colpiti. Robert Bowers, 48 anni, avrebbe anche urlato slogan antisemitici mentre apriva il fuoco, tra cui "tutti gli ebrei devono morire”. Era attivo su Twitter, ma il suo account è stato cancellato dopo la sparatoria. Bowers scriveva spesso anche su una piattaforma di social media chiamata Gab, un social network di Philadelphia che si definisce "un social network che promuove la libertà di parola, la libertà individuale e il libero flusso di informazioni online". Gab è conosciuto per le sue simpatie rivolte all’estrema destra.



Il suo ultimo post è stato pubblicato poco prima della sparatoria e si riferiva alla Hebrew Immigrant Aid Society, un'organizzazione no-profit che fornisce aiuti umanitari e assistenza ai rifugiati.

Il governatore della Pennsylvania Tom Wolf ha rilasciato una dichiarazione on cui definisce la sparatoria una "tragedia assoluta". Ha detto che sta fornendo tutte le risorse necessarie alle forze dell'ordine locali e ai primi soccorritori. "Questi atti di violenza insensati non appartengono agli americani", ha detto Wolf. "I miei pensieri in questo momento sono concentrati sulle vittime, sulle loro famiglie e sull'assicurarsi che le forze dell'ordine abbiano tutte le risorse di cui hanno bisogno. Dobbiamo tutti pregare e sperare che non ci siano più perdite di vite umane”. Wolf afferma che è il momento di intervenire davvero in risposta alle sparatorie di massa. "Ma abbiamo detto 'questo è troppo' per troppo tempo", ha aggiunto Wolf. "Le armi stanno mettendo in pericolo i nostri cittadini. E all'indomani di questa tragedia, dobbiamo riunirci e agire insieme per prevenire queste tragedie in futuro. Non possiamo accettare questa violenza come se fosse normale".
 
Galleria fotografica
"Tutti gli ebrei devono morire" - immagine 1
"Tutti gli ebrei devono morire" - immagine 2
Terrorismo
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri