Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista

| Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso

+ Miei preferiti
Risale allo scorso ottobre, ma l’ha rivelato in queste ore il “Wall Street Journal”, un delicato caso che mescola il terrorismo internazionale con la privacy dei social. In quei giorni, alcuni agenti americani esperti di informatica stavano utilizzando “Pegasus”, uno spyware creato dalla società israeliana di cybersecurity “NSO”, per controllare l’attività in rete di alcuni soggetti sospettati di terrorismo, dopo “aver ottenuto l’autorizzazione di un giudice di un Paese dell’Europa occidentale”. Ma i sistemi di controllo di “WhatsApp”, l’applicazione di messaggistica diffusa in tutto il mondo, avvertono dell’intrusione e parte un alert che raggiunge circa 1.400 persone in cui si avvisa di una possibile violazione del loro smartphone, di cui si consigliava l’aggiornamento quanto prima.

Al pasticcio si aggiunge “Facebook”, che poco dopo denuncia l’intrusione di un gruppo israeliano di spionaggio accusato della violazione di migliaia di smartphone, infettati attraverso un software di controllo.

Passa qualche ora e trapela la notizia che fra gli utenti violati da un sistema sconosciuto c’erano giornalisti e attivisti politici, ma soprattutto un uomo – il vero obiettivo dell’operazione – un ex miliziano dell’Isis sospettato di pianificare un attentato terroristico in Europa.

Ne è nata una disputa legale in cui la NSO ha promesso “battaglia in tribunale” poiché gli strumenti di controllo utilizzati sono ad uso esclusivo di forze dell’ordine e delle agenzie di intelligence, con lo scopo di prevenire reati verso i minori e terrorismo.

Ma la notizia peggiore è un’altra: da allora, l’uomo che l’intelligence tentava di tenere sotto controllo ha fatto perdere le proprie tracce: una fuga che preoccupa e ha alzato il livello di allerta nelle polizia di mezzo mondo. Potrebbe colpire da un momento all’altro, ma nessuno sa dove e quando.

Terrorismo
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani