Un anno senza Silvia

| È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate

+ Miei preferiti
Come ogni giorno da quando era partita per il Kenya, Silvia quella notte era nella sua stanzetta, all’interno dell’orfanatrofio del minuscolo villaggio di Chakama, a circa 80 km da Malindi, dove lavorava come volontaria della onlus “Africa Milele”: dalla savana spunta un furgone che a tutta velocità attraversa il villaggio. È il panico: otto persone sparano all’impazzata e lanciano una bomba a mano, ma il loro obiettivo è solo uno: “la straniera”, Silvia.

Accadeva un anno fa esatto, il 20 novembre del 2018: per la giovane cooperante italiana iniziava un incubo che ancora oggi è avvolto nel più fitto mistero. Un anno fatto di silenzi e angoscia, interrotto ogni tanto da notizie e illazioni che ogni volta sembrano smentire quelle precedenti. L’unica cosa che resta di lei sono le sue treccine, tagliate dai rapitori e ritrovate nel fitto della foresta a nord di Malindi.

Si è parlato di indottrinamento e di una Silvia che ormai sarebbe irriconoscibile: costretta ad indossare un niqab che lascia scoperti solo gli occhi e forse finita nell’harem di un uomo. Qualcosa in più sembra muoversi quando nelle indagini, grazie ad una collaborazione fra il governo keniano e quello italiano, arrivano i Ros dei carabinieri, coordinati dalla procura di Roma, che sul nome di Silvia Romano ha aperto un fascicolo. Sono gli investigatori italiani ad accertare il dettaglio più importante, quello che da un anno toglie il sonno alla famiglia: Silvia è viva e si troverebbe in Somalia, prigioniera del gruppo islamista Al-Shabaab, vicino ad al-Qaeda, a cui sarebbe stata venduta qualche settimana dopo il sequestro, al termine di un numero non precisato di passaggi ad altre formazioni. Ma resta in piedi anche la pista che la giovane milanese sia vittima di un sequestro di persona ordinato da qualcuno, anche se sul conto non è mai stata avanzata una richiesta di riscatto. Per gli investigatori italiani, che hanno avuto accesso ai fascicoli d’inchiesta delle autorità keniane, Silvia sarebbe stata trasferita in Somalia poche ore dopo il sequestro, e tutt’ora sarebbe trattenuta in un’area del paese dove orbitano milizie vicine al terrorismo islamico. Il suo è “un sequestro politico, che presente lo stesso protocollo utilizzato per chi è sospettato di spionaggio”: Silvia era stata presa di mira perché sospettata di fare proselitismo religioso. Ma c’era anche un’altra ipotesi, quella che Silvia avesse assistito ad alcuni casi di molestie sessuali su alcuni bambini, per cui pochi giorni prima di svanire nel nulla avrebbe sporto denuncia ad una stazione di polizia.

Nei mesi scorsi, tre persone sono finite in galera, accusate di aver fatto parte del gruppo che ha rapito Silvia: Moses Luwali Chembe, Abdalla Gababa Wario e Ibraiam Adam Omar. Il processo a loro carico viene rinviato diverse volte, l’ultima pochi giorni fa per la fuga di Adam Omar, il più pericoloso dei tre, che sarebbe riuscito a fuggire. Gli inquirenti italiani stanno valutando l’ipotesi di una rogatoria internazionale, ma ogni ora che passa la preoccupazione aumenta: in Somalia questi sono i mesi delle piogge e delle alluvioni che rendono difficili gli spostamenti.

Galleria fotografica
Un anno senza Silvia - immagine 1
Un anno senza Silvia - immagine 2
Terrorismo
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga