Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio

| Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona

+ Miei preferiti
Due esplosioni a pochi secondi di distanza una dall’altra: muoiono cinque persone, altre 200 sono ferite, qualcuno subisce ferite gravi e amputazioni che si poterà dietro per tutta la vita. Era il 15 aprile 2013 alla Maratona di Boston, il giorno che rappresenta la tragica firma della follia di Tamerlan e Džochar Anzorovič Carnaev, due fratelli di origine cecena. Pochi giorni dopo, per catturare il primo si scatena un’imponente caccia all’uomo che blocca il sobborgo di Watertown: Tamerlan muore in uno scontro a fuoco con la polizia, Džochar viene catturato e accusato di uso di armi di distruzione di massa, danni e omicidio colposo, quanto basta perché nel 2015 una giuria gli assicuri la pena di morte.

Ma quella vicenda, che ormai sembrava chiusa e pronta da impacchettare per gli archivi delle stragi in America, ha ancora dei lati oscuri che un team di agenti di polizia sta cercando di risolvere. Prima della strage alla maratona di Boston, il nome di Tamerlan sarebbe collegato a un triplice omicidio tutt’ora irrisolto, avvenuto a Waltham, Massachusetts, l’11 settembre 2011, nel decimo anniversario degli attentati alle Torri Gemelle di New York. Proprio in questi giorni, alcuni atti giudiziari federali resi pubblici dimostrano il collegamento e tirano in ballo anche Ibragim Todashew, ex pugile ed esperto di arti marziali, amico di Tamerlan, ucciso il 22 maggio 2013 nel suo appartamento di Orlando, in Florida, dall’agente dell’FBI Aaron McFarlane nel corso di un interrogatorio che aveva scatenato la violenta reazione del ceceno.

Prima di essere ucciso Todashev avrebbe confessato e descritto in dettaglio il triplice omicidio compiuto insieme al più grande dei due fratelli Carnaev. Almeno inizialmente, i due avevano solo intenzione di rapinare tre giovani di Waltham: li avevano adocchiati, seguiti ed erano entrati nell’appartamento con la forza, spianando una pistola, e sotto la minaccia delle armi si erano impossessati di denaro e preziosi. Poi però hanno deciso che non era il caso di lasciare testimoni: i tre sono stati legati, picchiati e uccisi con delle profonde coltellate alla gola. Todashev e Tamerlan sono tornati qualche ora dopo nell’appartamento per ripulire la scena del crimine, eliminando tracce e possibili impronte digitali.

Terrorismo
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa