Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio

| Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona

+ Miei preferiti
Due esplosioni a pochi secondi di distanza una dall’altra: muoiono cinque persone, altre 200 sono ferite, qualcuno subisce ferite gravi e amputazioni che si poterà dietro per tutta la vita. Era il 15 aprile 2013 alla Maratona di Boston, il giorno che rappresenta la tragica firma della follia di Tamerlan e Džochar Anzorovič Carnaev, due fratelli di origine cecena. Pochi giorni dopo, per catturare il primo si scatena un’imponente caccia all’uomo che blocca il sobborgo di Watertown: Tamerlan muore in uno scontro a fuoco con la polizia, Džochar viene catturato e accusato di uso di armi di distruzione di massa, danni e omicidio colposo, quanto basta perché nel 2015 una giuria gli assicuri la pena di morte.

Ma quella vicenda, che ormai sembrava chiusa e pronta da impacchettare per gli archivi delle stragi in America, ha ancora dei lati oscuri che un team di agenti di polizia sta cercando di risolvere. Prima della strage alla maratona di Boston, il nome di Tamerlan sarebbe collegato a un triplice omicidio tutt’ora irrisolto, avvenuto a Waltham, Massachusetts, l’11 settembre 2011, nel decimo anniversario degli attentati alle Torri Gemelle di New York. Proprio in questi giorni, alcuni atti giudiziari federali resi pubblici dimostrano il collegamento e tirano in ballo anche Ibragim Todashew, ex pugile ed esperto di arti marziali, amico di Tamerlan, ucciso il 22 maggio 2013 nel suo appartamento di Orlando, in Florida, dall’agente dell’FBI Aaron McFarlane nel corso di un interrogatorio che aveva scatenato la violenta reazione del ceceno.

Prima di essere ucciso Todashev avrebbe confessato e descritto in dettaglio il triplice omicidio compiuto insieme al più grande dei due fratelli Carnaev. Almeno inizialmente, i due avevano solo intenzione di rapinare tre giovani di Waltham: li avevano adocchiati, seguiti ed erano entrati nell’appartamento con la forza, spianando una pistola, e sotto la minaccia delle armi si erano impossessati di denaro e preziosi. Poi però hanno deciso che non era il caso di lasciare testimoni: i tre sono stati legati, picchiati e uccisi con delle profonde coltellate alla gola. Todashev e Tamerlan sono tornati qualche ora dopo nell’appartamento per ripulire la scena del crimine, eliminando tracce e possibili impronte digitali.

Terrorismo
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga