Un domenica di paura in Europa

| Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa

+ Miei preferiti
Nel 2018 era stato condannato per possesso e diffusione di materiale estremista, sospettato di forte radicalizzazione e soggetto ritenuto ad alto rischio. Di galera era uscito da poche ore, dopo aver scontato una parte dei tre anni e quattro mesi di condanna per aver inneggiato all’Isis e al terrorismo sui social.

Ma malgrado questo, ieri Sudesh Amman, 19 anni, è riuscito a entrare in azione facendo quel che poteva per versare un po’ di sangue inglese. Nel primissimo pomeriggio, a Streatham High, sud di Londra, zona modesta di negozi altrettanto scoloriti, l’islamista ha iniziato ad accoltellare passanti davanti ad una farmacia: ne ha feriti tre, tutti ricoverati in ospedale, uno è più grave degli altri. Una follia durata pochissimo, fino a quando gli agenti che lo seguivano incollati come il mastice, in abiti borghesi, l’hanno abbattuto senza troppi sconti.

Poche ore dopo, le agenzia di tutto il mondo diffondono la notizia di un altro attentato, questa volta a Gand, nel nord del Belgio. Le modalità sono le stesse: una donna descritta “di pelle scura”, ha accoltellato alcune persone per strada. A lei è andata meglio: la polizia è riuscita a ferirla ad una mano fermandola. Le vittime sono ricoverate in ospedale, ma nessuno sarebbe in pericolo di vita: il più grave è un uomo colpito allo stomaco.

Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà