Un generale russo nel team del Novichok

| Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat

+ Miei preferiti

Un alto ufficiale dell'intelligence militare russa avrebbe coordinato la squadra di killer sospettata dell’avvelenamento con il gas nervino di Salisbury, Lo scoop è della BBCcon il sito Bellingcat. I dettagli del viaggio del "terzo uomo" a Londra nel marzo 2018 sono stati ricostruitii dopo che il sito web ha ottenuto e condiviso i suoi tabulati telefonici con la BBC. In febbraio, la Bellingcat aveva pubblicato informazioni che identificavano il generale Denis Sergeyev come l’uomo che si era recato a Londra sotto la falsa identità di Sergei Fedotov. Hanno anche stabilito i dettagli della sua carriera e il suo collegamento con il servizio di intelligence militare del suo paese, noto con il suo acronimo russo, il GRU, e lo hanno collegato anche a un sospetto avvelenamento in Bulgaria nel 2015. Gli altri due uomini (Alexander Mishkin e Anatoly Chepiga) sono colonnelli e avrebbero creato la base logistica dell’operazione. Finita però con un successo perché Skripal, ex colonnello del Kgb e la figlia Julia sono sopravvissuti. Sergeyev era in continuo contatto con gli ufficiali di Mosca durante la missione ed è arrivato all'aeroporto Heathrow di Londra la mattina di venerdì 2 marzo, ed è eupartito nel pomeriggio di domenica 4 marzo, dopo che il contenitore con il Novichok era stato messo sulla maniglia della porta principale degli Skripal a Salisbury, Wiltshire.

L'analisi di Bellingcat dei dati di posizione del suo telefono mostra che egli rimase vicino alla stazione di Paddington nella zona ovest di Londra, mentre gli altri uomini hanno preso una stanza a Bow, nella zona est di Londra.

Durante la sua visita, Sergeyev ha evitato le reti wi-fi, utilizzando connessioni 4G e 3G per accedere a internet centinaia di volte. I suoi dati di fatturazione mostrano che ha utilizzato applicazioni di messaggistica sicura come WhatsApp, Viber e Telegram, che potrebbe essere stato il modo in cui ha comunicato con gli altri membri sospetti del suo team.

Anche se ha trascorso gran parte della sua visita del 2018 nel Regno Unito segreta a Paddington, i dati telefonici condivisi con Newsnight mostrano che la mattina del 3 marzo, si era diretto verso il centro della città, passando per Oxford Circus mentre si dirigeva verso il Thames Embankment.

E 'stato lì, come dimostrato dalla correlazione tra i suoi dati di posizione con le informazioni della polizia sugli altri sospetti, che c'era un intervallo di 30 a 40 minuti in cui il maggiore generale Sergeyev avrebbe potuto incontrare gli altri prima che prendessero un treno dalla vicina stazione di Waterloo per effettuare la loro ricognizione finale a Salisbury. La polizia sta ancora sondando le domande su quando Chepiga e Mishkin hanno ricevuto l'agente nervoso Novichok e su come l'hanno smaltito il 4 marzo.

Oltre a contaminare Skripal, sua figlia Yulia e il tenente sergente Nick Bailey, nel luglio 2018 il veleno ha causato la morte di Dawn Sturgess e ha fatto ammalare il suo compagno Charlie Rowley -che trovato il contenitore con il Novichok  in un bidone dei rifiuti, scambiandolo con un profumo. Bellingcat ha stabilito che durante i suoi viaggi nel Regno Unito e in tutti gli altri viaggi operativi che ha effettuato nel 2017-18, il maggiore generale Sergeyev ha parlato solo con un unico numero di telefono, un "ghost mobile" russo ritenuto essere la sua connessione alla sede centrale del GRU, con una SIM non registrata a nome di nessun individuo, una violazione della legge russa. Ha ricevuto 10 chiamate dal numero russo mentre era a Londra e lui stesso ha tra fatto  partire alcune chiamate. da Paddington domenica 4 marzo.

I registri mostrano che, usando il suo alias Sergei Fedotov, aveva già visitato il Regno Unito nel 2016 e nel 2017.

Terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Condannato il fratello dell’attentatore di Manchester
Sarebbe stato lui a guidare, istruire e armare Salman Abedi, il terrorista che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Il killer di Hanau, un folle estremista di destra
Tobias Rathjen avrebbe anche lasciato un video in cui spiega i motivi del suo attacco contro “etnie” che ormai hanno minato per sempre la Germania
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne