Un generale russo nel team del Novichok

| Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat

+ Miei preferiti

Un alto ufficiale dell'intelligence militare russa avrebbe coordinato la squadra di killer sospettata dell’avvelenamento con il gas nervino di Salisbury, Lo scoop è della BBCcon il sito Bellingcat. I dettagli del viaggio del "terzo uomo" a Londra nel marzo 2018 sono stati ricostruitii dopo che il sito web ha ottenuto e condiviso i suoi tabulati telefonici con la BBC. In febbraio, la Bellingcat aveva pubblicato informazioni che identificavano il generale Denis Sergeyev come l’uomo che si era recato a Londra sotto la falsa identità di Sergei Fedotov. Hanno anche stabilito i dettagli della sua carriera e il suo collegamento con il servizio di intelligence militare del suo paese, noto con il suo acronimo russo, il GRU, e lo hanno collegato anche a un sospetto avvelenamento in Bulgaria nel 2015. Gli altri due uomini (Alexander Mishkin e Anatoly Chepiga) sono colonnelli e avrebbero creato la base logistica dell’operazione. Finita però con un successo perché Skripal, ex colonnello del Kgb e la figlia Julia sono sopravvissuti. Sergeyev era in continuo contatto con gli ufficiali di Mosca durante la missione ed è arrivato all'aeroporto Heathrow di Londra la mattina di venerdì 2 marzo, ed è eupartito nel pomeriggio di domenica 4 marzo, dopo che il contenitore con il Novichok era stato messo sulla maniglia della porta principale degli Skripal a Salisbury, Wiltshire.

L'analisi di Bellingcat dei dati di posizione del suo telefono mostra che egli rimase vicino alla stazione di Paddington nella zona ovest di Londra, mentre gli altri uomini hanno preso una stanza a Bow, nella zona est di Londra.

Durante la sua visita, Sergeyev ha evitato le reti wi-fi, utilizzando connessioni 4G e 3G per accedere a internet centinaia di volte. I suoi dati di fatturazione mostrano che ha utilizzato applicazioni di messaggistica sicura come WhatsApp, Viber e Telegram, che potrebbe essere stato il modo in cui ha comunicato con gli altri membri sospetti del suo team.

Anche se ha trascorso gran parte della sua visita del 2018 nel Regno Unito segreta a Paddington, i dati telefonici condivisi con Newsnight mostrano che la mattina del 3 marzo, si era diretto verso il centro della città, passando per Oxford Circus mentre si dirigeva verso il Thames Embankment.

E 'stato lì, come dimostrato dalla correlazione tra i suoi dati di posizione con le informazioni della polizia sugli altri sospetti, che c'era un intervallo di 30 a 40 minuti in cui il maggiore generale Sergeyev avrebbe potuto incontrare gli altri prima che prendessero un treno dalla vicina stazione di Waterloo per effettuare la loro ricognizione finale a Salisbury. La polizia sta ancora sondando le domande su quando Chepiga e Mishkin hanno ricevuto l'agente nervoso Novichok e su come l'hanno smaltito il 4 marzo.

Oltre a contaminare Skripal, sua figlia Yulia e il tenente sergente Nick Bailey, nel luglio 2018 il veleno ha causato la morte di Dawn Sturgess e ha fatto ammalare il suo compagno Charlie Rowley -che trovato il contenitore con il Novichok  in un bidone dei rifiuti, scambiandolo con un profumo. Bellingcat ha stabilito che durante i suoi viaggi nel Regno Unito e in tutti gli altri viaggi operativi che ha effettuato nel 2017-18, il maggiore generale Sergeyev ha parlato solo con un unico numero di telefono, un "ghost mobile" russo ritenuto essere la sua connessione alla sede centrale del GRU, con una SIM non registrata a nome di nessun individuo, una violazione della legge russa. Ha ricevuto 10 chiamate dal numero russo mentre era a Londra e lui stesso ha tra fatto  partire alcune chiamate. da Paddington domenica 4 marzo.

I registri mostrano che, usando il suo alias Sergei Fedotov, aveva già visitato il Regno Unito nel 2016 e nel 2017.

Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme