Un generale russo nel team del Novichok

| Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat

+ Miei preferiti

Un alto ufficiale dell'intelligence militare russa avrebbe coordinato la squadra di killer sospettata dell’avvelenamento con il gas nervino di Salisbury, Lo scoop è della BBCcon il sito Bellingcat. I dettagli del viaggio del "terzo uomo" a Londra nel marzo 2018 sono stati ricostruitii dopo che il sito web ha ottenuto e condiviso i suoi tabulati telefonici con la BBC. In febbraio, la Bellingcat aveva pubblicato informazioni che identificavano il generale Denis Sergeyev come l’uomo che si era recato a Londra sotto la falsa identità di Sergei Fedotov. Hanno anche stabilito i dettagli della sua carriera e il suo collegamento con il servizio di intelligence militare del suo paese, noto con il suo acronimo russo, il GRU, e lo hanno collegato anche a un sospetto avvelenamento in Bulgaria nel 2015. Gli altri due uomini (Alexander Mishkin e Anatoly Chepiga) sono colonnelli e avrebbero creato la base logistica dell’operazione. Finita però con un successo perché Skripal, ex colonnello del Kgb e la figlia Julia sono sopravvissuti. Sergeyev era in continuo contatto con gli ufficiali di Mosca durante la missione ed è arrivato all'aeroporto Heathrow di Londra la mattina di venerdì 2 marzo, ed è eupartito nel pomeriggio di domenica 4 marzo, dopo che il contenitore con il Novichok era stato messo sulla maniglia della porta principale degli Skripal a Salisbury, Wiltshire.

L'analisi di Bellingcat dei dati di posizione del suo telefono mostra che egli rimase vicino alla stazione di Paddington nella zona ovest di Londra, mentre gli altri uomini hanno preso una stanza a Bow, nella zona est di Londra.

Durante la sua visita, Sergeyev ha evitato le reti wi-fi, utilizzando connessioni 4G e 3G per accedere a internet centinaia di volte. I suoi dati di fatturazione mostrano che ha utilizzato applicazioni di messaggistica sicura come WhatsApp, Viber e Telegram, che potrebbe essere stato il modo in cui ha comunicato con gli altri membri sospetti del suo team.

Anche se ha trascorso gran parte della sua visita del 2018 nel Regno Unito segreta a Paddington, i dati telefonici condivisi con Newsnight mostrano che la mattina del 3 marzo, si era diretto verso il centro della città, passando per Oxford Circus mentre si dirigeva verso il Thames Embankment.

E 'stato lì, come dimostrato dalla correlazione tra i suoi dati di posizione con le informazioni della polizia sugli altri sospetti, che c'era un intervallo di 30 a 40 minuti in cui il maggiore generale Sergeyev avrebbe potuto incontrare gli altri prima che prendessero un treno dalla vicina stazione di Waterloo per effettuare la loro ricognizione finale a Salisbury. La polizia sta ancora sondando le domande su quando Chepiga e Mishkin hanno ricevuto l'agente nervoso Novichok e su come l'hanno smaltito il 4 marzo.

Oltre a contaminare Skripal, sua figlia Yulia e il tenente sergente Nick Bailey, nel luglio 2018 il veleno ha causato la morte di Dawn Sturgess e ha fatto ammalare il suo compagno Charlie Rowley -che trovato il contenitore con il Novichok  in un bidone dei rifiuti, scambiandolo con un profumo. Bellingcat ha stabilito che durante i suoi viaggi nel Regno Unito e in tutti gli altri viaggi operativi che ha effettuato nel 2017-18, il maggiore generale Sergeyev ha parlato solo con un unico numero di telefono, un "ghost mobile" russo ritenuto essere la sua connessione alla sede centrale del GRU, con una SIM non registrata a nome di nessun individuo, una violazione della legge russa. Ha ricevuto 10 chiamate dal numero russo mentre era a Londra e lui stesso ha tra fatto  partire alcune chiamate. da Paddington domenica 4 marzo.

I registri mostrano che, usando il suo alias Sergei Fedotov, aveva già visitato il Regno Unito nel 2016 e nel 2017.

Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese