Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti

| Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani

+ Miei preferiti
C’è una macabra e terribile coincidenza nell’attacco terroristico di venerdì scorso sul Tower Bridge di Londra: le due vittime di Usman Khan, l’attentatore che alcuni coraggiosi hanno tentato di fermare, ucciso poco dopo dalla polizia, erano due brillanti giovani appena usciti da una conferenza stampa che aveva come tema la riabilitazione dei detenuti. Jack Merritt, 25 anni, lavorava per “Learning Together” dopo la laurea a Cambridge, lo stesso percorso universitario di Saskia Jones, 23 anni: anche lei, appena uscita dalla conferenza stampa, credeva fortemente nella possibilità di dare una seconda opportunità a chi nella vita aveva sbagliato una volta. Ironia della sorte, Learning Together era il percorso che aveva aiutato anche Usman Khan, l’attentatore, a uscire di galera.

Ma la riabilitazione non era quello in cui credeva il soldato dell’Isis 28enne che ha riportato sangue e terrore a Londra. Era già stato arrestato per terrorismo nel 2010, quando nel corso di un’operazione di polizia il suo nome era stato incluso nel commando che voleva far saltare in aria il quartiere finanziario della capitale inglese. È proprio il suo passato e una fedina penale che andava ben oltre i sospetti, a gettare nella polemica i tagli del governo alla polizia e l’operato stesso di Scotland Yard.

In queste ore, di Usman Khan saltano fuori immagini che lo riprendono ancora ragazzino, aveva solo 14 anni, mentre rideva divertito davanti ad un televisore che trasmetteva le immagini dell’attacco alle torri gemelle di New York del 2001. Tre anni dopo, la polizia aveva fatto irruzione nell’appartamento dove viveva con la famiglia. Nello stesso anno, Khan aveva iniziato a predicare l’estremismo islamico per conto del gruppo terroristico Anjem Choudary al-Muhajiroun. Si faceva chiamare Abu Saif, ed era stato fotografato mentre sventolava una bandiera di Al Qaeda. Figlio immigrati pakistani provenienti dalla regione del Kashmir, aveva tre fratelli maggiori: suo padre lavorava come tassista, la mamma restava a casa e pensava alla famiglia. Ancora adolescente, Khan era stato indagato per idee estremiste e per aver radicalizzato alcune persone vulnerabili, ma dopo 20 mesi di indagini la Crown Prosecution Service aveva dovuto cedere: le prove a suo carico erano insufficienti per arrivare ad una condanna. Ma quando il nome di Usman Khan compare anche fra le file di “Islam4UK”, un altro gruppo estremista, i servizi di sicurezza lo rimetteno sotto stretta sorveglianza. Microspie installate dall’MI5 nella sua abitazione lo registrano mentre illustra a qualcuno come costruire una bomba. Il gruppo, che si definiva i “nove leoni”, si era incontrato più volte nel Galles per discutere su come addestrare terroristi locali, inviare lettere esplosive, far saltare in aria pub e usare una bombe a frammentazione per fare più danni e vittime possibili nella zona della Borsa di Londra. Dopo l’arresto del gruppo, Khan è stato il primo a dichiararsi colpevole, ben sapendo che avrebbe ottenuto una riduzione della pena. Nel 2012 è stato condannato a 16 anni di reclusione, ma il suo nome rientrava fra coloro che potevano richiedere il rilascio dopo aver scontato 8 anni, a patto che una commissione per la libertà vigilata si fosse convinta che non costituiva più una minaccia.

Era andata così. Quando esce di galera, con obbligo di dimora a Stafford, Khan si unisce al programma Learning Together, voluto dall’Istituto di Criminologia dell’Università di Cambridge per la riabilitazione dei detenuti. All’inizio di quest’anno, Khan aveva addirittura ottenuto un permesso speciale per partecipare ad un evento ospitato a Whitehall: a tutti era sembrato diverso, ben disposto a impegnarsi nei programmi di prevenzione per de-radicalizzare gli estremisti.

La stessa dispensa speciale gli era stata rilasciata per potersi recarsi a Londra e prendere parte alla conferenza stampa di Learning Together. Ma questa volta è andata diversamente: ha scelto di uccidere due persone e ferirne altre tre prima di essere freddato dalla polizia. Si pensa che abbia viaggiato in treno da Stafford fino alla stazione di Londra Euston: la polizia ha recuperato le immagini delle telecamere a circuito chiuso dalla stazione.

I vicini l’hanno visto l’ultima volta 24 ore prima che fosse ucciso dalla polizia: era sul sedile dell'autista di un taxi privato a noleggio e “fissava in modo strano le persone che passavano davanti all’auto”. 

Poco prima di dirigersi verso il Tower Bridge, il terrorista aveva diffuso una poesia in cui inneggiava al martirio: “Scrivo affinché le mie parole diventino una luce rilassante, scrivo per poter esprimere ciò che sento sia giusto fare”.

Galleria fotografica
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti - immagine 1
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti - immagine 2
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà