Video decapitazioni inviato a mamme vittime

| Atroce vendetta Isis: le orribili immagini del duplice delitto postate sui profili social delle madri delle ragazze sgozzate e violentate da miliziani Isis. Urla e dolore e slogan: "Vendetta per la Siria". Nove arresti

+ Miei preferiti

Il video con la decapitazione di Louisa Vesterager Jespersen, 24 anni, Danimarca, e dell'amica Maren Ueland, norvegese di 28 anni da parte di quattro estremisti islamici legati all’Isis (tutti identificati dalla polizia marocchina e forse già in cella) è stato recapitato via social direttamente alle madri delle vittime e agli amici di Louisa Vesterager Jespersen. 

Le due giovani si erano accampate in un’area attrezzata alle pendici del monte Toukbal, a 70 km da Marrakech, vicino alla città di Imlil, meta tradizionale del turismo internazionale. La gente del posto si è detta sconvolta per il feroce duplice omicidio e ha collaborato con la polizia nelle indagini. Sono state violentate e sgozzate con la tecnica che si usa per uccidere gli animali sacrificali "in nome della Siria". Nel video, assolutamente inguardabile, ma ancora sui social e nei siti islamici radicali, si vede nei dettagli la decapitazione con urla e voci che inneggiano alla "vendetta per la Siria". Autori e diffusori sono marocchini. Nove persone sono state arrestate a Marrakech, la base dei boia Isis, Essaouira, Sidi Bennour, Tangeri e Chtouka-Ait Baha per i loro collegamenti con la cellula terrorista. Gli investigatori di Copenhagen sono certi: gli assassini di Louisa e Maren sono miliziani dello Stato Islamico. Nel video di rivendicazione, oltre ad inneggiare al delitto, minacce in multi alla monarchia marocchina che governa il Paese. 

 
Terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi