Air New Zealand svela le cuccette per l’Economy Class

| Hanno superato la fase di test e dovrebbero debuttare entro il prossimo anno: lunghe due metri e larghe 58 cm, garantiranno un po’ di vero riposo nelle lunghe tratte aeree

+ Miei preferiti
C’è gente che riesce a dormire ovunque: in qualsiasi momento, in qualsiasi posizione, anche in piedi, appoggiati ad un muro o sulla poltrona in economy di un aereo. Beati loro. Poi ci sono tutti gli altri, quelli a cui i cuscini che sostengono il collo non bastano, e neanche serve reclinare la poltrona di qualche centimetro. Per dormire devono sdraiarsi, punto.

Ma purtroppo, dormire su un letto nei lunghi voli intercontinentali è sempre stato uno dei tanti vantaggi delle classi superiori, dalla business in poi: per tutti gli altri l’opzione si limita ad un cuscinetto inutile, una copertina striminzita e la mascherina per gli occhi. Ma qualcosa potrebbe cambiare, ben presto: il 26 febbraio scorso, la “Air New Zealand” ha depositato la richiesta di brevetto per l’Economy Skynest, le cuccette per la classe economica. Sono il risultato di tre anni di ricerca e sviluppo basati sui suggerimenti di più di 200 clienti, che hanno testato il sistema di persona in un hanger di Auckland.

Secondo quanto annunciato da Air New Zealand, lo Skynest consiste in sei moduli letto in stile ferroviario: ogni capsula è lunga circa 2 metri e larga 58 centimetri, sarà dotata di cuscino, lenzuola, coperta, tappi per le orecchie e tende per la privacy. La compagnia aerea sta anche valutando altre caratteristiche aggiuntive, come le luci per la lettura e le prese USB.

“Un chiaro punto dolente per i viaggiatori economici sui voli a lungo raggio è l’impossibilità di potersi allungare - ricorda il capo marketing di Air New Zealand Mike Tod - lo sviluppo dell’Economy Skynest è una risposta diretta a questa sfida”.

Le speranze di vedere le cuccette entro breve tempo sono altissime: la Air New Zealand è la compagnia aerea che ha già dimostrato un forte impegno per rendere la classe economica più confortevole, visto che molti dei suoi voli sono a lungo raggio. Nel 2011 ha lanciato l’Economy Skycouch, che permette ai passeggeri che viaggiano insieme di trasformare il proprio posto a sedere in un letto. La compagnia aggiunge che non è ancora in corso alcuna richiesta di certificazione formale, “tuttavia il progetto è pensato per soddisfare tutti i requisiti normativi”.

Per quanto riguarda i prezzi, la compagnia aerea deve ancora determinare i costi e sta valutando la proposta commerciale e la fattibilità, ma visto che per ogni aereo al momento sarebbero previste solo sei capsule, è probabile che saranno molto richieste.

“Immaginiamo l’esperienza di volo futura in cui un cliente di classe economica sui voli a lungo raggio potrà prenotare l’Economy Skynest in aggiunta al suo posto Economy e potersi permettere un po’ di riposo per arrivare a destinazione in ottima forma”, aggiunge Nikki Goodman, direttore generale della Customer Experience di Air New Zealand.

La compagnia aerea prenderà una decisione definitiva entro il 2021, dopo aver valutato il primo anno della tratta Auckland-New York, che debutterà il prossimo ottobre. Il volo durerà circa 17 ore e 40 minuti: uno dei più lunghi al mondo.

Galleria fotografica
Air New Zealand svela le cuccette per l’Economy Class - immagine 1
Air New Zealand svela le cuccette per l’Economy Class - immagine 2
Air New Zealand svela le cuccette per l’Economy Class - immagine 3
Air New Zealand svela le cuccette per l’Economy Class - immagine 4
Viaggi & Resort
Il Regno Unito riapre al turismo
Il Regno Unito riapre al turismo
L’obbligo di quarantena per tutti sostituito da un sistema a semaforo in cui sono classificati i paesi ancora soggetti a forti contagi, quelli in cui la situazione è parzialmente sotto controllo e quelli usciti dal tunnel della pandemia
Le compagnie aeree si attrezzano per ripartire
Le compagnie aeree si attrezzano per ripartire
All’aeroporto di Dubai, la Emirates impone un esame del sangue ai passeggeri prima dell’imbarco, mentre la Ethiad sta per installare punti di controllo medico obbligatorio
L'ammutinamento del Norwegian Spirit
L
Al terzo porto saltato, i passeggeri di una nave da crociera diretta nel nord Europa hanno inscenato una protesta. Oltre a lamentare un itinerario diverso da quello acquistato, tanti problemi con il cibo e le cabine
Jill Paider, la donna con la valigia
Jill Paider, la donna con la valigia
L’invidiabile capacità di una fotografa professionista che gira il mondo per lavoro usando soltanto un trolley da cabina
Truck Surf Hotel, la casa dei surfisti
Truck Surf Hotel, la casa dei surfisti
Ideato da una coppia di surfisti, attraversa le cose del Portogallo a caccia di onde. A bordo posto per 10 persone
La guerra alla pipì di Parigi
La guerra alla pipì di Parigi
Sono entrati in servizio i primi quattro Uritrottoir, orinatoi hi-tech che secondo i parigini deturpano il paesaggio
Dubai Square, lo shopping-tech
Dubai Square, lo shopping-tech
Sarà il più grande centro commerciale del mondo, grande quanto 100 campi di calcio. Fra centinaia di negozi decine di spazi, arene, teatri, acquapark e tanta tecnologia di ultima generazione
"Stop turisti e immigrati nell'Isola di Pasqua"
"Stop turisti e immigrati nell
Il turismo di massa minaccia l'ambiente e la cultura Rapa-Nui. Il sindaco favorevole a una chiusura totale, il Cile ha invece deciso misure restrittive ma giudicate "inefficaci"
Il viaggio di Julia e Tracy
Il viaggio di Julia e Tracy
La prima è una donna sudafricana di 80 anni, la seconda una Toyota Corolla del 1997: insieme hanno affrontato per intero le strade del continente africano per raggiungere Londra e prendere un tè. Ma la regina Elisabetta non era in casa
Un giorno da Super Mario
Un giorno da Super Mario
L’attrazione più amata di Tokyo? Noleggiare un kart, vestirsi come i personaggi della saga di “Super Mario” e gettarsi nel traffico